Una fibra stampabile in 3D per vestiti in grado di rinfrescare chi li indossa

Gli scienziati sviluppano una fibra stampabile in 3D per vestiti in grado raffrescare
Con le temperature globali checontinuano ad aumentare, l’aria condizionata diventa molto più di un lusso; per molti, è essenziale per il benessere quotidiano. Tuttavia, oltre al suo costo spesso proibitivo, l’aria condizionata rimane un produttore  chiave nelle emissioni di gas a effetto serra, uno degli agenti primari legati al cambiamento climatico. È un ciclo vizioso, e questo è un problema costoso.

Ma questo potrebbe cambiare: i ricercatori dell’Università del Maryland College Park (UMCP) stanno sviluppando una nuova fibre tessile che potrebbe, un giorno, fungere come nostra unità di raffreddamento personale senza bisogno di alcuna fonte di energia esterna ad alimentarla. Recentemente pubblicato nella rivista ACS Nano della American Chemical Society, lo studio, intitolato “Tessuti di regolazione termica stampati tridimensionalmente”, indaga il potenziale della stampa 3D nella produzione di tessuti ad alta tecnologia per proteggerlo.

La ricerca UMCP si basa sul trend crescente dei vestiti funzionali, tuttavia, i vestiti che ci aiutano a ra

ffreddare sono molto difficili da raggiungere. I tentativi precedenti hanno portato a materiali troppo ingombranti, richiedono molta energia o sono troppo alti. Quindi, il team UMCP, basato sul Dipartimento di Scienze e Ingegneria dei Materiali dell’Università, ha voluto trovare una soluzione più pratica.

Come evidenziato nello studio, i ricercatori hanno combinato il nitruro di boro, un materiale noto per le sue eccellenti capacità di trasferimento di calore, con dell’alcool polivinilico. Il risultato è stato una fibra nanocomposita completamente nuova che può essere stampata in 3D e tessuta in diversi tipi di tessuto. Prove estese che hanno simulato il materiale ad alta tecnologia sulla pelle umana hanno mostrato di essere 1,5 volte più efficaci dell’alcol polivinilico puro a eliminare il calore dal corpo umano. Rispetto ai tessuti di cotone, il composito UMCP è due volte più efficace per raffreddare il portatore. In altre parole, gli abiti realizzati con questo filato nano-composito stampato in 3D potrebbero aiutare a mantenere i propri utenti cool e confortevoli, riducendo la necessità di metodi tradizionali di condizionamento dell’aria.

Naturalmente, potrebbe passare un po ‘di tempo prima di poter iniziare a comprare maglioni di raffreddamento personalizzati in negozio. Per quanto riguarda le applicazioni aziendali, un documento scientifico pubblicato è ancora un modo per sfuggire a prototipi pienamente sviluppati o alla vendita al dettaglio pronta all’uso. Ma se le nostre temperature globali continuassero a salire, puoi scommetterci tutti da Nike a Spalding vorranno un pezzo di torta.

Lo studio UMCP è stato finanziato congiuntamente dallo U.S. Office of Naval Research – dallo Young Investigator Program, dall’ Advanced Research Projects Agency-Energy (ARPA-E), dallo U.S. Department of Energy, and dallo China Scholarship Council.

 

Be the first to comment on "Una fibra stampabile in 3D per vestiti in grado di rinfrescare chi li indossa"

Leave a comment