Un tessuto intelligente e traspirante progettato per proteggere dagli agenti di guerra biologica e chimica dal LLNL contro il coronavirus

I ricercatori LLNL sviluppano un nuovo tessuto per la protezione da agenti biologici e chimici

Coronavirus, una seconda pelle hitech per protezioni traspiranti
Con nanotubi di carbonio, per medici ma anche militari

I ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL) hanno sviluppato un tessuto intelligente e traspirante progettato per proteggere dagli agenti di guerra biologica e chimica.

Il materiale potrebbe essere utilizzato dagli operatori sanitari e dai primi soccorritori in contesti clinici e medici, nonché dal personale militare esposto a minacce chimiche e biologiche.

“Abbiamo dimostrato un materiale intelligente che è sia traspirante che protettivo combinando con successo due elementi chiave: uno strato di membrana di base comprendente trilioni di pori di nanotubi di carbonio allineati e uno strato di polimero sensibile alle minacce innestato sulla superficie della membrana”, Francesco Fornasiero, scienziato di LLNL che ha guidato il gruppo di ricerca, ha detto.

Questi nanotubi di carbonio possono trasportare facilmente molecole d’acqua attraverso i loro interni, bloccando anche tutte le minacce biologiche, che non si adattano ai minuscoli pori.

Le minacce chimiche sono più piccole e possono entrare nei pori dei nanotubi. Quindi, per aggiungere protezione contro i rischi chimici, sulla superficie del materiale viene cresciuto uno strato di catene polimeriche, che collassa a contatto con la sostanza chimica, bloccando così i pori.

“Questo strato dinamico consente al materiale di essere” intelligente “in quanto fornisce protezione solo quando e dove è necessario”, ha affermato Timothy Swager, un collaboratore del Massachusetts Institute of Technology che ha sviluppato il polimero reattivo. “Questi polimeri sono stati progettati per passare da uno stato esteso a uno collassato a contatto con minacce di organofosfati, come Sarin. “Abbiamo confermato che sia i simulanti che gli agenti attivi attivano la variazione di volume desiderata.”

Le proprietà di traspirabilità e protezione intelligente di questo materiale dovrebbero fornire all’utente un comfort termico notevolmente migliorato, sia che si trovi in ​​ospedale o su un campo di battaglia.

“La sicurezza dei combattenti di guerra, del personale medico e dei primi soccorritori durante le operazioni prolungate in ambienti pericolosi si basa su dispositivi di protezione individuale che non solo proteggono ma possono anche respirare”, ha affermato Kendra McCoy, responsabile del programma DTRA che supervisiona il progetto. “Il programma DTRA Second Skin è progettato per rispondere a questa esigenza supportando lo sviluppo di nuovi materiali che si adattano autonomamente all’ambiente e massimizzano il comfort e la protezione per molte ore.”

Be the first to comment on "Un tessuto intelligente e traspirante progettato per proteggere dagli agenti di guerra biologica e chimica dal LLNL contro il coronavirus"

Leave a comment