Un recupero migliore per i pazienti con impianti spinali stampati in 3D

Pazienti che sperimentano un recupero migliore con impianti spinali stampati in 3D

La colonna vertebrale è una delle ossa più importanti del corpo umano. Se qualcosa va storto con la colonna vertebrale, colpisce l’intero corpo – e ci sono molte cose che possono andare molto male con la colonna vertebrale. Gli sviluppi recenti hanno reso queste condizioni più facili da trattare, tuttavia, e la stampa 3D è una grande parte di questo. Tradizionalmente, gli impianti spinali sono stati prefabbricati, tipi standardizzati, che spesso causano problemi dopo l’impianto in quanto non sempre si adattano correttamente. La stampa 3D, tuttavia, consente la creazione di impianti specifici per il paziente che si adattano perfettamente all’anatomia del paziente, riducendo notevolmente la probabilità di dolore o complicanze.

Un team di ricercatori australiani ha recentemente pubblicato un articolo su un caso che coinvolge una donna di 72 anni con sciatica e una complicata pseudoartrosi L5-S1 12 mesi dopo l’intervento di fissazione con L2-S1 per la scoliosi degenerativa sintomatica. La donna aveva bisogno di un intervento chirurgico per risolvere le complicazioni che aveva sviluppato e l’equipe chirurgica l’ha trattata con la stampa 3D dall’inizio alla fine della procedura. È possibile accedere al documento, dal titolo “Progettare soluzioni specifiche per il paziente utilizzando la biomodellazione e la stampa 3D per la revisione della chirurgia della colonna lombare”, qui .

I dati CT delle scansioni dei pazienti sono stati utilizzati per sviluppare modelli della colonna vertebrale lombosacrale ossea per la pianificazione preoperatoria, l’educazione del paziente e il riferimento durante la procedura stessa. Il chirurgo ha anche collaborato con gli ingegneri per sviluppare un impianto di fissazione del lume in titanio stampato 3D specifico per il paziente. La stampa 3D è stata anche utilizzata per creare una guida di trapano stereotassica.

“I retrattili tubolari in nylon auto-attrito con stampa 3D specifici per la profondità del tessuto del paziente e l’anatomia ossea di L5-S1 sono stati sviluppati per un approccio transforaminale minimamente invasivo”, aggiungono i ricercatori. “Le viti preselezionate sono state acquistate separatamente, in bundle con i dispositivi specifici del paziente e fornite in kit all’ospedale prima dell’intervento chirurgico.”

Alla visita di follow-up di sei mesi del paziente, il paziente ha mostrato una completa risoluzione dei sintomi e la radiografia non ha mostrato evidenza di disfunzione dell’impianto. Questi risultati rispecchiano quelli di molti altri pazienti i cui interventi chirurgici sono stati aumentati dalla stampa 3D, il che è in netto contrasto con gli interventi chirurgici in cui gli impianti di misura unica causano ulteriori dolori e complicazioni. L’uso della stampa 3D consente ai chirurghi di risolvere i problemi in modo permanente, piuttosto che richiedere ai pazienti di tornare alcuni anni dopo per le revisioni, come spesso accade in molti interventi di chirurgia spinale.

L’uso della stampa 3D negli interventi di chirurgia spinale non solo ha salvato le persone da ulteriori disagi e interventi di revisione, ma ha addirittura salvato vite umane: gli impianti in titanio hanno ripristinato le vertebre e prevenuto la paralisi e persino la morte in più di un’occasione . Una condizione spinale catastrofica, con la perdita di vertebre, ha condannato le persone a una vita di disabilità non molto tempo fa, ma la stampa 3D sta permettendo a queste persone di camminare di nuovo. L’importanza della capacità della tecnologia di creare impianti paziente-specifici non può essere sopravvalutata; i chirurghi possono ora replicare efficacemente parti del corpo umano.

Potremmo non essere ancora in grado di stampare 3D organi umani trapiantabili, ma la stampa 3D ha ancora una lunga durata in medicina, e gli interventi di chirurgia spinale e gli impianti sono un eccellente esempio di come la tecnologia può ripristinare il corpo. Col tempo, è possibile che la paralisi possa diventare una rarità, anche con gravi lesioni e condizioni spinali. Se parti della colonna vertebrale possono essere sostituite da impianti, saremo eventualmente in grado di sostituire l’intera colonna vertebrale, o vicino ad essa? Le possibilità sono eccitanti, ma nel frattempo, le persone con condizioni spinali meno gravi vivono le loro vite in molto meno dolore grazie alla stampa 3D.

Gli autori del documento includono Ganesha K. Thayaparan, Mark G. Owbridge, Robert G. Thompson e Paul S. D’Urso.

Be the first to comment on "Un recupero migliore per i pazienti con impianti spinali stampati in 3D"

Leave a comment