Un pistone stampato in 3D per il motore della Porsche 911 GT2 RS

Porsche: i pistoni dalla stampante 3D per maggiori prestazioni ed efficienza

La stampa 3D è sempre più utilizzata nell’industria automobilistica. Mentre alcuni anni fa l’obiettivo principale era la produzione additiva durante la costruzione di prototipi, ora ci sono sempre più campi per la stampa 3D nel settore. Questo vale anche per il produttore di auto sportive Porsche.

In Porsche, la tecnologia di stampa 3D è già utilizzata nella costruzione di prototipi, nella produzione di pezzi di ricambio per auto sportive classiche e in altre aree. Ora, in collaborazione con i partner Mahle e Trumpf, la società ha realizzato un pistone stampato in 3D per il motore ad alte prestazioni della top 911 GT2 RS.

La stampa 3D consente di realizzare i pistoni con una struttura ottimizzata per il carico. Di conseguenza, i pistoni del progetto di pre-sviluppo pesano il dieci percento in meno rispetto ai pistoni della serie forgiata. Inoltre, hanno un canale di raffreddamento integrato e chiuso nella corona del pistone, che non sarebbe stato possibile con i metodi convenzionali. “Con i nuovi pistoni più leggeri, possiamo aumentare la velocità del motore, ridurre il carico termico sui pistoni e ottimizzare la combustione”, spiega Frank Ickinger del reparto pre-sviluppo di Porsche. “È concepibile fino a 30 CV in più di potenza dal motore biturbo da 700 CV, e quello con maggiore efficienza.”

La costruzione a strati consente costruzioni nuove e migliorate
Esistono diverse tecnologie nella stampa 3D. Tutti si basano sul principio che i componenti vengono creati strato per strato senza dover prima creare uno strumento o uno stampo speciali. Ciò rende possibili progetti in quasi tutte le geometrie. La stampante può ricevere i dati di progettazione direttamente dal computer. I processi di produzione additiva sono quindi ideali per la produzione di strutture che sono state costruite e ottimizzate usando l’intelligenza artificiale (AI). I pistoni della 911 GT2 RS sono stati creati utilizzando il cosiddetto processo di fusione laser-metallo ( LMF) realizzato in polvere metallica di elevata purezza. Un raggio laser riscalda la superficie della polvere in base al contorno della parte e la fonde. Porsche ha lanciato il progetto congiunto con i partner di cooperazione Mahle e Trumpf. La qualità e le prestazioni dei componenti sono state assicurate con la tecnologia di misurazione del partner di progetto Zeiss.

Ampia area di applicazione e nuove potenzialità della stampa 3D presso Porsche
Porsche sta già utilizzando processi di produzione additiva in diverse aree. Ad esempio, da maggio è disponibile un sedile con scocca con stampa 3D full-body per i modelli 911 e 718. Il percorso centrale del sedile, ovvero lo specchio del cuscino e dello schienale, proviene in parte dalla stampante 3D. In futuro, i clienti possono scegliere tra tre durezze (duro, medio, morbido) per lo strato di comfort. Porsche Classic ha anche pezzi di ricambio che in precedenza non erano più disponibili riprodotti sotto forma di parti in plastica, acciaio e metallo leggero utilizzando il processo additivo. Una leva di rilascio per la frizione della Porsche 959, ad esempio, proviene oggi dalla stampante 3D. Attualmente ci sono circa 20 pezzi prodotti per i classici Porsche della produzione additiva. Questa tecnologia di produzione è interessante anche per Porsche per serie speciali e piccole e per il motorsport. sia tecnicamente che economicamente. La stampa 3D offre quindi un grande potenziale per Porsche in termini di innovazioni di prodotto e di processo, da cui i clienti possono beneficiare attraverso prodotti affascinanti e individuali.

Be the first to comment on "Un pistone stampato in 3D per il motore della Porsche 911 GT2 RS"

Leave a comment