Un nuovo sensore subacqueo ispirato alla bio-ispirazione dalla Corea

In Corea del Sud stampano in 3D un nuovo sensore subacqueo ispirato alla bio-ispirazione
Un team di ricercatori del Dipartimento di Ingegneria meccatronica della Jeju National University in Corea del Sud ha recentemente utilizzato la stampa 3D per creare un nuovo design innovativo per un sistema di sensori. Il loro sensore stampato in 3D è modellato sui baffi che vengono utilizzati da molte creature sottomarine per rilevare la preda ed è in grado di tracciare e misurare i vortici sott’acqua con un altissimo grado di precisione.

I design di ispirazione bio sono sempre più comuni in tutto il mondo dell’ingegneria, in particolare con la robotica morbida, e la maggiore libertà di progettazione offerta dalla stampa 3D è stata una parte importante di questo sviluppo. Il team ha utilizzato il filamento PLA per stampare in 3D il proprio cilindro simile a un baffo, che è stato poi collegato ai cavi del segnale di uscita in un sistema di rilevamento relativamente semplice.

Un ambiente virtuale è stato progettato per testare il dispositivo, costituito da una pinna di pesce stampata in 3D, un serbatoio di acqua, una fotocamera. I data logger sono stati utilizzati per studiare le risposte del baffo fabbricato. La sensibilità subacquea del sensore a baffi in qualsiasi direzione era notevolmente elevata. La sua affidabilità meccanica è stata testata anche piegandola a 2000 cicli e non è stato osservato alcun danno fisico.

Be the first to comment on "Un nuovo sensore subacqueo ispirato alla bio-ispirazione dalla Corea"

Leave a comment