Un metodo di colorazione migliorato colorazione KB-2R per la ricostruzione del nervo periferico tridimensionale

Ricercatori cinesi stampano in 3D nervi periferici per studi complessi con colorazione migliorata

I ricercatori stanno usando la stampa 3D per la ricostruzione dei nervi, imparando di più su come i nervi funzionano sia a livello funzionale che interno a livello periferico. Hanno delineato i loro metodi e risultati nel recente pubblicato ” Un metodo di colorazione migliorato colorazione KB-2R per la ricostruzione del nervo tridimensionale “.

Usando il metodo di colorazione 2D con il ponceau 2R blu di toluidina Karnovsky-Roots (e poi il controcolore blu di toluidina e controcolore di ponceau 2R), i ricercatori sono stati in grado di “migliorare in modo significativo la capacità di visualizzare trame di nervi, motori e fibre nervose sensoriali”. Questi nervi non si adattano alla definizione generale di “periferica”, poiché offrono funzioni critiche nel ricevere impulsi e inviare istruzioni. Con la tecnologia 3D, i ricercatori possono vedere incredibili complessità mentre i nervi si diramano e si connettono. Possono anche imparare di più su malattie e traumi.

L’attuale ricostruzione del nervo con tecnologia 3D si basa sul metodo istochimico dell’acetilcolinesterasi, preparando:

I campioni
Colorazione con acetilcolinesterasi
Acquisizione di immagini 2D
Elaborazione di immagini 2D
Ricostruzione 3D
Le attuali procedure con le immagini colorate di Karnovsky-Roots possono essere ardue e la precisione è imprevedibile; infatti, in molti casi, le regioni del fascicolo nervoso e le trame sensoriali delle fibre nervose potrebbero non essere visibili. Ciò rende difficile ricostruire i nervi o creare un modello adatto. Qui, il team ha lavorato per affinare i metodi tradizionali, creando un modo per una migliore visibilità dei nervi e delle fibre.

“In primo luogo, è stata condotta la colorazione Karnovsky – Roots, e successivamente è stata eseguita la colorazione di contrasto blu di toluidina, seguita dalla colorazione di contrasto Ponceau 2R”, hanno affermato i ricercatori. “Si è scoperto che questa procedura di colorazione KB-2R è in grado di visualizzare meglio la microstruttura della guaina mielinica, migliorare la proprietà materica del ROI, elevare il grado di riconoscimento delle immagini di sezione e facilitare la divisione delle immagini e la ricostruzione del nervo 3D e la stampa 3D.”

I nervi sono stati progettati con Mimics e quindi stampati in 3D con la stampante 3D Raise3D N2 Plus , con PLA come materiale scelto. Un migliore riconoscimento del nervo consente un migliore riconoscimento generale, partizione dell’immagine e realizzazione.

“Inoltre, la tecnologia di stampa 3D è stata applicata per creare il modello digitale 3D del fascicolo nervoso. Pertanto, questa nuova tecnica di colorazione può facilitare la ricostruzione 3D e la creazione del modello digitale 3D, il che suggerisce che questa nuova tecnica può facilitare la ricostruzione e la riparazione dei fascicoli nervosi quando viene utilizzata in combinazione con la ricostruzione 3D e le tecnologie di stampa 3D “, ha affermato i ricercatori.

I ricercatori hanno scoperto che con questo metodo, ci voleva molto meno tempo per l’elaborazione e la regolazione, e i risultati della partizione erano quasi esattamente come i veri fascicoli nervosi, rendendo la tecnica migliore rispetto ad approcci alternativi.

“Questo metodo di colorazione 2D KB-2R ha notevolmente abbreviato il ciclo e evidentemente migliorato la precisione della ricostruzione del nervo periferico 3D. Questa tecnica ha quindi adeguatamente risolto la sfida tecnica che deve affrontare la riparazione delle lesioni nervose “, hanno concluso i ricercatori. “Inoltre, la ricostruzione 3D e la tecnologia di stampa 3D possono fornire una soluzione ideale per la riparazione delle lesioni nervose nel campo dell’ingegneria dei tessuti nervosi se viene applicato il materiale di stampa appropriato.”

Be the first to comment on "Un metodo di colorazione migliorato colorazione KB-2R per la ricostruzione del nervo periferico tridimensionale"

Leave a comment