Un dispositivo “intelligente” stampato in 3d che con Amazon ordina il detersivo

Un team di studenti dell’Università di Washington ha fatto uso della tecnologia di stampa 3D per realizzare un dispositivo “intelligente” semplice, ma potenzialmente in grado di cambiare la vita. Il loro progetto era indirizzato a una delle più basilari, ma importanti, necessità quotidiane, che è l’acquisto di detersivo per bucato. Hanno sviluppato un modo per le persone di monitorare automaticamente i livelli di detersivo liquido in una bottiglia per ordinarlo quando sta finendo, risparmiando tempo e prevenendo eventuali emergenze dovute alla lavanderia. Faceva parte della ricerca degli studenti  , esplorare i modi per ottenere oggetti fisici per comunicare con l’elettronica.

Il sistema ingegnoso della squadra si avvale di una varietà di componenti per la casa di tutti i giorni, tra cui un router e un cellulare, nonché un numero di ingranaggi e molle. La parte stampata in 3D del dispositivo comprende un interruttore e un’antenna. Entrambe queste parti sono state assemblate da un filamento di plastica a basso costo, nonché da un filamento conduttore di rame per l’antenna. La stampante 3D utilizzata era anche relativamente economica, costando un paio di centinaia di dollari.

Quando il dispositivo è collegato al tappo di un flacone di detersivo, è in grado di tenere traccia della quantità di liquido di lavaggio rimasto al suo interno, misurando la velocità con cui fluisce. Più si avvicina lo svuotamento della bottiglia, più lentamente fluisce il liquido. È questo flusso di liquido che viene utilizzato per fornire energia al meccanismo, quindi non c’è bisogno di batterie o apparecchiature elettroniche. Se la velocità scende al di sotto di un certo livello, questo potere diminuirà. Il dispositivo è in grado di comunicare questo calo e usarlo per assicurarsi che il bucato non venga lavato. Lo fa attivando un interruttore che quindi si interfaccia con un’antenna collegata al meccanismo principale stampato in 3D. L’antenna invia un segnale, che può essere rilevato da un normale router wireless e trasmesso elettronicamente attraverso un telefono.

“Diciamo che hai una torcia elettrica e la accendi e spegni per inviare un codice Morse”, ha detto Vikram Iyer, membro del team e dottorato. studente in Ingegneria Elettrica presso l’UW, la cui  attività di stampa 3D è stata riportata in passato. “È qualcosa di simile al tuo router e telefono Wi-Fi. Gli oggetti 3D sono come specchi che riflettono o deflettono quella luce brillante e usano l’antenna per inviare un messaggio a un telefono. ”

Il telefono è configurato per avere l’app di Amazon installata e pronta a rispondere a questo messaggio dal dispositivo. Tramite l’app, inoltra un ordine affinché venga fornito più detersivo per il bucato al tuo indirizzo. Oltre alle scoperte relative all’Internet of Things, i cambiamenti hanno portato Amazon e altri giganti del retail online in termini di quanto semplice sia per qualcuno fare acquisti di articoli importanti faceva parte di ciò che inizialmente ispirava i giovani ingegneri a mettersi all’opera sul loro dispositivo innovativo. Il dispositivo consente alle persone di acquistare ciò di cui hanno bisogno automaticamente, senza alcun intervento.

I design per questo dispositivo sono stati resi disponibili online per il download e l’uso gratuiti e sono semplici da mettere insieme. Il team voleva ispirare gli altri a modificare il proprio dispositivo come meglio credeva e, si spera, a trovare qualche idea utile.

“C’è stato un grande interesse per la stampa 3D”, ha affermato Iyer. ” Ma molti di questi oggetti 3D hanno componenti meccaniche davvero complicate e nessun modo di interfacciarsi con il mondo elettronico. Volevamo un modo per gli oggetti di comunicare con l’elettronica. ”

Be the first to comment on "Un dispositivo “intelligente” stampato in 3d che con Amazon ordina il detersivo"

Leave a comment