Un centro di ricerca di bioprinting 3D nel Queensland

I RICERCATORI DI QUT E SHANGHAI ISTITUISCONO UN CENTRO DI BIOPRINTING 3D DA $ 300.000 A BRISBANE

La Queensland University of Technology (QUT) di Brisbane, in Australia, e ricercatori con sede a Shanghai, tra cui la Chinese Academy of Sciences , hanno ricevuto $ 300.000 per creare un centro di ricerca sulla bioprinting 3D .

Istituito presso QUT, il Centro comune di ricerca per lo sviluppo di biomateriali funzionali nella produzione avanzata di tessuti e organi umani si concentrerà sulla creazione di tessuti per sostenere gli organismi di riparazione dell’invecchiamento. Il finanziamento proviene dal governo Palaszczuk e coinvolge anche l’ Università della scienza e della tecnologia della Cina orientale .

“Si prevede che la popolazione anziana del Queensland crescerà del 68% nei prossimi 10 anni e circa un terzo della popolazione cinese supererà i 60 entro il 2050”, ha affermato Jacklyn Anne Trad, Vice Premier del Queensland.

“CON L’AUMENTO DEL NUMERO DI PERSONE ANZIANE CHE NECESSITANO DI CURE, I NOSTRI SISTEMI SANITARI SARANNO SOTTOPOSTI A ENORMI PRESSIONI. ACCELERANDO LA RICERCA IN QUESTO IMPORTANTE SETTORE, POSSIAMO MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA PER TUTTI NOI MENTRE INVECCHIAMO, RIDUCENDO IL CARICO DEI NOSTRI SISTEMI SANITARI “.

“La prossima generazione di biomateriali”

Secondo la professoressa Margaret Sheil AO, vice-cancelliere presidente di QUT, il centro di ricerca congiunto è stato in gran parte il risultato di sei anni di collaborazione di successo tra QUT e scienziati di Shanghai. Ciò include l’esplorazione del vantaggio economico e la crescente domanda di biomateriali.

L’obiettivo principale del centro sarà la stampa 3D di sostituti di tessuti viventi per ripristinare le funzioni di tessuti e organi danneggiati nel trattamento di patologie ossee e articolari, quali osteoporosi, osteoartrosi, fratture e traumi dei tessuti molli.

“I progressi della ricerca hanno raggiunto lo stadio in cui siamo pronti a migliorare la posta con l’obiettivo di sviluppare e produrre la prossima generazione di biomateriali per la riparazione delle ossa e della cartilagine, la rigenerazione della pelle e la ricostruzione articolare”, ha spiegato il professor Sheil.

“Questa è una scienza geniale, che sostiene la speranza per milioni di persone che soffrono di dolore artritico e lesioni legate all’età.”

I ricercatori di QUT hanno identificato la tecnologia di bioprinting 3D come ” la prossima rivoluzione farmaceutica “. Ciò ha seguito il loro sviluppo di un bioink stampabile 3D che può essere sintonizzato per mostrare diverse proprietà meccaniche e supportare la crescita delle cellule staminali umane.

In precedenza, il Metro North Hospital and Health Service e QUT del governo del Queensland hanno istituito il primo centro di bioprinting 3D all’interno del distretto sanitario di Herston a Brisbane per creare guide chirurgiche stampate in 3D.

Il professor Sheil ha aggiunto: “I ricercatori del Queensland e cinesi stanno cercando di sviluppare un” bioink “che possano utilizzare per progettare scaffold in grado di replicare le caratteristiche dei tessuti e persino degli organi”.

Be the first to comment on "Un centro di ricerca di bioprinting 3D nel Queensland"

Leave a comment