uMake la App per Ipad che si confronta con Autodesk

uMake una nuova App cloud-based di design 3D  che  sta cercando di prendere il posto di Autodesk
Tradizionalmente il software CAD era qualcosa che solo i professionisti del design e gli studenti avevano imparato ad usare. Ma negli ultimi anni la crescita della realtà virtuale e la tecnologia di stampa 3D hanno iniziato a ispirare una nuova generazione di appassionati e designer 3D . Purtroppo per loro, il software CAD più avanzato è proibitivo per un singolo utente troppo costoso per un uso hobbistico . Ma questo crescente interesse per il design 3D ha incoraggiato nuove start-up e i progettisti del software a iniziare   a sviluppare a basso costo, delle opportunità facilmente accessibili che hanno tutte le caratteristiche dei software professionali molto costosi .

Mentre  ci sono diverse suite di software popolari e di alta qualità  per la progettazione sul mercato e in genere la società da battere è  Autodesk. Lo sviluppatore di software della California settentrionale ha diversi programmi di progettazione, disegno e CAD disponibili per una vasta gamma di industrie e utenti. Ma un paio di ex sviluppatori di Autodesk hanno lanciato una nuova startup chiamata uMake, e stanno cercando di prendere battere il loro ex datore di lavoro .
Abbiamo dato ​​un’occhiata a uMake descritta nel keynote di Apple sull’iPad Pro con la matita. L’applicazione sembrava quasi fatta su misura per l’iPad Pro,utilizzando un iPad Pro o un qualsiasi tablet Wacom, gli utenti possono facilmente delineare una semplice immagine e uMake utilizza gli algoritmi di rilevamento di profondità per trasformare lo schizzo in un disegno 3D. L’oggetto 3D risultante può essere avvolto in texture, immagini o loghi addirittura importati.

La App  uMake è ideale per  designer ale prime armi  e tecnologie mobili, una caratteristica che sta diventando sempre più importante per la prossima generazione di designer e artisti 3D. Il programma è  “comicamente ” facile da usare, il che non significa che manchi della stessa potenza progettazione di altri programmi, è solo molto più facile da imparare ad usare di un programma tipico CAD. E, naturalmente, essendo interamente basato su cloud, tutti i disegni a cui  si sta lavorando possono immediatamente essere condivisi con altri utenti, o facilmente inviati ad altri programmi in cui i bozzetti di uMake 3D possono essere utilizzati in altre applicazioni.

“Sul mercato si possono trovare approcci simili ma non sono così comuni e sono di solito molto più costosi. Crediamo molto nella piattaforma mobile, Sappiamo che il desktop è importante e lo useremo ancora per anni, ma meno persone lo utilizzeranno,   ” il co-fondatore di uMake Evi Meyer in una dichiarazione a Techcrunch.

La società ISRAELIANA  con sede a San Francisco  è stata fondata dagli ex dipendenti Autodesk Evi Meyer e Erik Sapir, che hanno progettato uMake per riempire  quello che loro chiamano lacuna software di progettazione corrente. Lacune come la stampa 3D, i produttori dilettanti e il mercato in crescita per un software CAD di facile uso sono tutte le aree dove i programmi più consolidati tendono ad essere più difficile da usare. Mentre molte di queste suite di software stanno lavorando duramente per colmare queste lacune e rendere il loro software più user-friendly, attirando gli utenti meno esperti : è una battaglia in salita in quanto  devono anche preoccuparsi di non alienarsi gli utenti stabiliti e formati.

La App uMake si scarica  gratuitamente, e ha tonnellate di caratteristiche che permettono  il design semplice con un’interfaccia utente intuitiva. Progettata per funzionare con i nuovi utenti del software di progettazione, non contro di loro. C’è anche una opzione pro a  14,99 dollari al mese  che sblocca strumenti e funzionalità che rendono il programma una bella alternativa ai più costosi, programmi industriali . Anche se probabilmente non sarà l’assassino di Fusion 360. MaAutodesknon può stare del tutto tranquilla.

Be the first to comment on "uMake la App per Ipad che si confronta con Autodesk"

Leave a comment