Ultimaker Cura integra il software di scansione 3D HP

Ultimaker Cura integra il software di scansione 3D HP per semplificare il processo di stampa 3D
Una nuova partnership tra il produttore olandese di stampanti 3D Ultimaker e HP renderà più semplice agli utenti Ultimaker i modelli di stampa 3D direttamente dalle scansioni 3D. L’integrazione offre nuove possibilità per consumatori e professionisti.

La collaborazione vedrà il software di scansione 3D di HP integrato nel software di stampa Cura 3D di Ultimaker, che semplificherà e semplificherà enormemente il processo di trasformazione di una scansione 3D acquisita utilizzando il  computer di Sprout 3D abilitato alla scansione 3D o il suo 3D Structured Light Scanner Pro S3 in un 3D stampabile modello.

Il 3D Structured Light Scanner Pro S3, originariamente sviluppato dalla società tedesca David Vision Systems, è entrato nella sfera di competenza di HP quando la società ha acquisito David Vision Systems e la sua società affiliata David 3D Solutions nel 2016 .

“Questa integrazione sta colmando un crescente bisogno nel mercato incorporando funzionalità di stampa 3D in flussi di lavoro professionali”, ha commentato Frans Rintjema, Managing Director di Immersive Computing presso HP. “Ciò consente ai clienti di prendere in considerazione la possibilità di combinare la scansione e la stampa 3D desktop per sostituire parti obsolete, aggiungendo valore negli ambienti professionali e educativi”.

Ultimaker, uno dei principali produttori di stampanti desktop 3D in Olanda, si è concentrata sul proprio software di stampa 3D nel tentativo di fornire la migliore soluzione software per i propri clienti. Lo scorso settembre, la società ha anche lanciato una  nuova strategia software con l’obiettivo dichiarato di fornire “risultati migliori per utenti e aziende”.

Al momento, la società ha rilasciato un aggiornamento della sua piattaforma software Cura che semplificerebbe il processo di trasformazione dei modelli 3D in file stampabili. Ora, con la sua nuova partnership con HP, gli utenti troveranno molto più facile combinare le apparecchiature di scansione 3D di quest’ultimo con la tecnologia di stampa 3D di Ultimaker.

Paul Heiden, Senior Vice President of Product Management di Ultimaker, ha dichiarato: “Permettendo ad altre parti, come HP, di integrare Ultimaker Cura nel loro flusso di lavoro, si apre una vasta gamma di nuove possibilità per consumatori e professionisti di sfruttare appieno la tecnologia di stampa 3D .

“L’integrazione con il software di scansione 3D leader di mercato di HP contribuisce realmente all’adozione della stampa 3D desktop professionale. Siamo molto orgogliosi di collaborare con HP per offrire questo ai nostri clienti. ”

Oltre a collaborare con HP, Ultimaker ha anche stretto partnership software integrate con Siemenx NX e SolidWorks. Espandendo l’ambito della sua piattaforma di affettare Cura, l’azienda olandese mira in ultima analisi a offrire ai propri clienti, e in particolare ai clienti business, i mezzi per sviluppare e stabilire flussi di lavoro personalizzati per soddisfare le loro esigenze di progettazione e produzione additiva.

HP, un produttore di stampanti 3D a sé stante, ha anche collaborato con gli sviluppatori di software per migliorare la propria soluzione di stampa 3D end-to-end. Lo scorso autunno, ad esempio, la società ha aggiunto il modulo software Siemens NX AM alla sua tecnologia di stampa 3D Multi Jet Fusion.

Be the first to comment on "Ultimaker Cura integra il software di scansione 3D HP"

Leave a comment