UL e Georgia Tech e le emissioni in aria della stampa 3d

UL e Georgia Tech continuano la ricerca sull’impatto delle emissioni di stampa 3D sulla qualità dell’aria negli ambienti chiusi

Nel 2015, la Underwriters Laboratories (UL)  per la sicurezza non profit  e la sua Chemical Research Initiative, il  Georgia Institute of Technology  (Georgia Tech) e la  Emory University Rollins School of Public Health hanno lavorato insieme per condurre uno studio biennale su desktop Emissioni di stampanti 3D. Nel corso dello studio, la  Dott.ssa Marilyn Black , Vice Presidente e Senior Technical Advisor di UL Chemical Safety , e il resto del gruppo di ricerca hanno scoperto che le emissioni di stampanti desktop 3D possono rappresentare una potenziale minaccia per la salute.

Dr. Marilyn Black

Questo mese, UL Chemical Safety, un gruppo di ricerca orientato alla scienza che fa parte di UL, e Georgia Tech hanno pubblicato le loro precedenti scoperte e annunciato un nuovo corpo di ricerca che esaminerà l’impatto della stampa  3D  sulla qualità dell’aria negli ambienti chiusi.

Il Dr. Black ha dichiarato: “Seguendo la nostra serie di studi, la più ampia finora sulle emissioni di stampanti  3D,  raccomandiamo ulteriori investimenti nella ricerca scientifica e nell’avanzamento del prodotto per ridurre al minimo le emissioni e una maggiore consapevolezza degli utenti in modo da poter adottare misure di sicurezza”.
Lo studio precedente ha  rilevato che mentre molte stampanti 3D desktop sono in funzione, generano particelle di traforo ul (UFP), che sono le dimensioni delle nanoparticelle. Ciò è dovuto al fatto che gli utenti possono facilmente inalare questi piccoli UFP, che poi penetrano in profondità nel sistema polmonare.

Inoltre, la ricerca del team ha mostrato che oltre 200 diversi composti organici volatili (VOC), molti dei quali sono sospetti o noti agenti cancerogeni e irritanti, sono anche rilasciati nell’aria mentre le stampanti 3D sono in funzione.

UL ha ora avviato una campagna dedicata per aumentare la consapevolezza dei potenziali rischi di qualità dell’aria della stampa 3D e per istruire gli utenti su come ridurre al minimo la loro esposizione a VOC e UFP. Il dott. Black sta sostenendo una valutazione completa del rischio, che potrebbe tenere conto di fattori di sensibilità e dosaggio personali, al fine di “comprendere appieno l’impatto delle emissioni di sostanze chimiche e particelle sulla salute”.

“Gli studi hanno dimostrato che le stampanti  3D FFF (Fused Filament Fabrication) progettate per uso pubblico generano alti livelli di particelle fini e ultrafini. Prove preliminari con metodi in vivo, in vitro e acellulari per particelle generate da un numero limitato di filamenti hanno mostrato risposte avverse “, ha spiegato il dottor Rodney Weber, ricercatore principale della Georgia Tech della ricerca.
Ci sono un sacco di fattori diversi, dal tipo di filamento e colore alla temperatura dell’ugello e persino il marchio della stampante 3D, che può influenzare il livello delle emissioni, e mentre ci sono sicuramente prodotti là fuori che pretendono di rendere la stampa 3D più sicura , non c’è t ancora un sacco di informazioni sul mercato disponibili.

Questi risultati di Georgia Tech e UL arrivano quando la stampa 3D continua a prendere slancio nelle applicazioni commerciali, di consumo, educative, mediche e militari e, se non viene affrontato il problema dei livelli di emissione nocivi, potrebbe esserci un potenziale rischio per la salute pubblica.

Le stampanti 3D vengono utilizzate sempre più spesso nelle scuole e, poiché i bambini sono la popolazione più sensibile all’impatto di contaminanti come i COV, dobbiamo assicurarci di proteggerli riducendo la loro esposizione alle emissioni.

Possiamo ridurre i rischi potenziali seguendo alcune semplici regole:

Funzionamento di stampanti 3D in aree ben ventilate
Stare lontano dalle stampanti 3D operative
Impostazione della temperatura dell’ugello all’estremità inferiore dell’intervallo consigliato
Utilizzando stampanti e filamenti 3D che sono stati testati e verificati per avere basse emissioni
I ricercatori di UL e Georgia Tech hanno recentemente pubblicato due documenti di ricerca scientifica, dal titolo ” Indagine sulle emissioni di particelle e aerosol da una stampante 3D modellabile basata sulla deposizione dei consumatori con un modello aerosol lognormale ” e ” Caratterizzazione delle emissioni di particelle da stampanti 3D modellabili di deposizione di consumatori , “Nella rivista Aerosol Science and Technology . Inoltre, altri due documenti riguardanti la “pletora di emissioni chimiche” e la tossicità delle particelle di stampanti 3D sono attualmente in fase di revisione.

Emissione del numero di particelle (a), di superficie (b) e di massa (c) per il filamento ABS d di colore verde sulla stampante A per 3 oggetti per circa 1 ora, 4 ore e 7 ore per la stampa. Ogni barra indica l’emissione (TP) da un oggetto di stampa; i colori indicano diversi intervalli di dimensioni delle particelle. I valori sulle barre colorate sono i rapporti delle emissioni da tale intervallo di dimensioni delle particelle rispetto alle emissioni totali. [Immagine: Georgia Tech e UL]
Sulla base dell’attuale ricerca e dell’ulteriore collaborazione con le parti  interessate di terze parti, è stato sviluppato un nuovo standard di consenso UL / American National Standards Institute ( ANSI ) per testare e valutare le emissioni di stampanti 3D. UL / ANSI 2904 è attualmente disponibile per la revisione e il commento e lo standard  finale  dovrebbe essere pronto il mese prossimo.

Be the first to comment on "UL e Georgia Tech e le emissioni in aria della stampa 3d"

Leave a comment