UBOT3D presenta la stampante 3d ad alta temperatura

La società di stampa 3D polacca UBOT3D lancia la stampante ad alta temperatura
Ci sono un numero sorprendente di aziende di stampa 3D provenienti dalla Polonia. Vshaper e 3DGence sono due aziende emergenti che realizzano entrambe stampanti ad alta temperatura. A queste ora si aggiunge  UBOT3D. UBOT3D è come molte aziende di stampa 3D in movimento nel mondo, rendendo le stampanti 3D  in grado di gestire materiali ad alte prestazioni come PEEK e PEI. Secondo il CEO Michal Melon, sono in giro dal 2015 e hanno realizzato e venduto centinaia di stampanti 3D a clienti polacchi ed euroepan. Fino a quest’anno ci siamo concentrati esclusivamente sul mercato desktop, ma abbiamo progettato contemporaneamente una macchina di livello industriale utilizzando la stessa tecnologia FFF. ”

Camere chiuse, ventilazione e alta qualità sono ciò che vogliono molti clienti industriali. Sempre più aziende stanno ascoltando la chiamata e rendendo i sistemi adatti per l’officina o per la produzione piuttosto che stare semplicemente seduti sul desktop di qualcuno. Il nuovo sistema di UBOT3D è capace di produrre in scala? Questo è qualcosa che non sappiamo ancora, ma se guardiamo le specifiche, l’azienda si trova almeno sulla strada per un dispositivo promettente.

La stampante P440 ha un volume di costruzione di 440 x 330 x 300 mm e un sistema di riscaldamento a camera da 1500 W. Sembra che ci siano due viti a ricircolo di sfere e due guide lineari all’interno della camera, ma le guide sembrano chiuse, ma mi chiedo se le guide e la vite a sfera si manterranno così. Specificamente mi chiedo che cosa accadrà al lubrificante a ricircolo di sfere se la camera diventerà 400 C. L’idea di avere un riscaldatore a camera completamente separato è solida, poiché la mancanza di controllo termico sulla camera riscaldata e l’assorbimento di calore sono un problema con molte stampanti 3D ad alta temperatura. Se questo sistema mantiene una temperatura costante e può riscaldarlo correttamente, questo sarà un vantaggio.
Il team ha anche installato un filtro a quattro stadi della camera di HEPA, carbonio, PP e catalisi fredda. Il che sembra molto sicuro, anche se devo confessare di non avere idea di cosa sia la catalisi a freddo. Il piano di stampa è fissato con magneti, che è una caratteristica piacevole, ed è alimentato da un’unità di riscaldamento da 800 W. Il che mi fa pensare che sia una buona cosa che non abbiamo ancora questi indici di efficienza energetica dell’UE per gli stampatori. Questo dovrebbe comunque dare al tuo letto un sacco di calore e potenza che è fantastico. La temperatura massima del letto di stampa è 150 ° C, il massimo dell’ugello è 400 ° C. I 400 gradi sono un po ‘limitanti per alcuni materiali simili al PEEK, ma se hanno un adeguato controllo della camera dovrebbero essere in grado di stampare la maggior parte dei materiali ad alte prestazioni. E hanno livellamento automatico dove, “Il software crea l’intera immagine della tabella e quindi genera la sua immagine usando il metodo degli elementi finiti. Questo assicura che il piano di stampa della stampante 3D sia calibrato correttamente. “Dicono che il loro hot end Hellfire è stato ottimizzato per materiali ad alta temperatura e il team ha sviluppato il proprio estrusore e un proprio hot end. È bello vedere qualcuno che non usa un hot end E3D, vorrei solo odiarlo se Sanjay diventasse troppo ricco. Il P440 ha anche un aggiornamento automatico, un bel interruttore di emergenza, una modalità esperta e una fotocamera integrata oltre a un’app per controllare la stampante e può inviare SMS se c’è un problema con il filamento o se si sta esaurendo e costa 13.000 euro che è $ 15.000. Questo lo fa raddoppiare il prezzo del “Dicono che il loro hot end Hellfire è stato ottimizzato per materiali ad alta temperatura e il team ha sviluppato il proprio estrusore e un proprio hot end. È bello vedere qualcuno che non usa un hot end E3D, vorrei solo odiarlo se Sanjay diventasse troppo ricco. Il P440 ha anche un aggiornamento automatico, un bel interruttore di emergenza, una modalità esperta e una fotocamera integrata oltre a un’app per controllare la stampante e può inviare SMS se c’è un problema con il filamento o se si sta esaurendo e costa 13.000 euro che è $ 15.000. Questo lo fa raddoppiare il prezzo del “Dicono che il loro hot end Hellfire è stato ottimizzato per materiali ad alta temperatura e il team ha sviluppato il proprio estrusore e un proprio hot end. È bello vedere qualcuno che non usa un hot end E3D, vorrei solo odiarlo se Sanjay diventasse troppo ricco. Il P440 ha anche un aggiornamento automatico, un bel interruttore di emergenza, una modalità esperta e una fotocamera integrata oltre a un’app per controllare la stampante e può inviare SMS se c’è un problema con il filamento o se si sta esaurendo e costa 13.000 euro che è $ 15.000. Questo lo fa raddoppiare il prezzo del un bel interruttore di emergenza, una modalità esperta, una fotocamera integrata e un’app per controllare la stampante e possono inviare SMS se c’è un problema con il filamento o se si sta esaurendo e costa 13.000 euro, ovvero $ 15.000. Questo lo fa raddoppiare il prezzo del un bel interruttore di emergenza, una modalità esperta, una fotocamera integrata e un’app per controllare la stampante e possono inviare SMS se c’è un problema con il filamento o se si sta esaurendo e costa 13.000 euro, ovvero $ 15.000. Questo lo fa raddoppiare il prezzo delIntamsys Funmat HT e più costoso di un Vshaper Pro e circa 10k in meno di un 3Dgence Industry F340  e intorno al prezzo di un Intimsys Funmat Pro HT . Se lo spettacolo è lì allora è un buon punto di prezzo per essere a. Ma dovrà essere significativamente migliore di un Funmat e un po ‘meglio di un Vshaper per essere considerato da molti. UBOT3D si trova in una posizione favorevole per la stampa HT, ma allo stesso tempo è una parte del mercato che si preoccupa soprattutto delle prestazioni e dell’affidabilità.

L’Ubot ha due caratteristiche uniche. Apparentemente la stampante “è stata equipaggiata con la possibilità di ordinare i filamenti direttamente attraverso il dispositivo” e può funzionare per 30 minuti con l’alimentazione ausiliaria se le luci si spengono. Sì, la gente, i giorni in cui si tirano fuori alcune canne e motori passo-passo in una scatola sono sparite. Siamo arrivati ​​in featureville, aspettiamo più funzioni, richiediamo più funzionalità. A prima vista, UBOT3D ha dedicato molto tempo a pensare alle funzionalità che gli utenti si preoccupano. Le cose che le loro macchine hanno a bordo sono cose a cui le persone si interessano. Sono esattamente queste caratteristiche che consentono una produzione che rispetta l’ufficio e che consentirà alla prossima generazione di clienti di stampanti 3D aziendali.

Be the first to comment on "UBOT3D presenta la stampante 3d ad alta temperatura"

Leave a comment