TruPrint 5000 di TRUMPF

TruPrint 5000 di TRUMPF con stampa 3D senza crepe di acciaio, rame e altro ancora possibile

A formnext , che si è tenuta a Francoforte, in Germania, la scorsa settimana, sono state svelate o premiate diverse stampanti 3D. Una delle stampanti che ha visto la sua anteprima mondiale è stata TruPrint 5000 di TRUMPF  , progettata per stampare in 3D numerosi metalli tra cui acciaio ad alto tenore di carbonio e leghe di titanio senza fessurazioni o deformazioni. La stampante 3D viene preriscaldata a 500 ° C per adattarsi ai metalli difficili.

“I produttori di stampi e utensili ora possono facilmente stampare utensili per formatura, punzoni e matrici. In precedenza, senza preriscaldamento, ciò non era possibile “, ha dichiarato Tobias Baur, Direttore generale addetto alla produzione di TRUMPF, responsabile della tecnologia.
TruPrint 5000 dispone anche di un nuovo laser verde con funzione a impulsi, che consente la stampa 3D di rame puro e metalli preziosi.

“Ciò lo rende attraente per l’uso nell’ingegneria meccanica e impiantistica, poiché il rame puro può essere utilizzato per stampare induttori e scambiatori di calore particolarmente conduttivi”, ha proseguito Baur.
La stampante 3D dovrebbe anche suscitare un certo interesse per l’industria della gioielleria, in quanto il laser verde consente la stampa 3D di singoli pezzi d’oro unici su richiesta. Non spreca costoso oro o argento, rendendolo più economico di fresatura o fusione, che comporta una perdita di materiale.

Certi acciai utensili preferiti dai costruttori di stampi e utensili non potevano in precedenza essere stampati in 3D perché si rompevano durante il processo di stampa.

“Il raggio laser fonde la superficie del componente, che successivamente si raffredda fino a temperatura ambiente”, ha spiegato Baur. “I componenti non sono stati in grado di resistere a questa caduta di temperatura e si sono formate crepe.”
La funzione di preriscaldamento di TruPrint 5000, tuttavia, riduce la caduta di temperatura dopo la fusione del laser.

“La qualità del materiale e la superficie degli acciai al carbonio sono significativamente migliori rispetto al preriscaldamento, evitando fratture nei componenti”, ha affermato Baur.
Oltre agli utensili, TruPrint 5000 è anche adatto per la stampa 3D di protesi e impianti protesici.

“Quando la temperatura ambientale scende troppo bruscamente, le parti si deformano e dobbiamo rielaborarle”, ha affermato Baur. “Inoltre, spesso abbiamo bisogno di strutture di supporto difficili da installare e smontare.”
Poiché la funzione di preriscaldamento di TruPrint 5000 riduce le sollecitazioni, non solo migliora la qualità della lavorazione, ma elimina spesso anche la necessità di strutture di supporto. Inoltre, spesso riduce la necessità di un trattamento termico a valle, oltre a rendere il titanio più resiliente e gli impianti più durevoli.

Per ottenere la stampa 3D di rame e metalli preziosi utilizzando il laser verde, gli sviluppatori di TruPrint 5000 hanno collegato il nuovo laser a disco TruDisk 1020 con la stampante 3D TruPrint 1000.

“I sistemi convenzionali utilizzano un laser a infrarossi come sorgente del raggio, ma la sua lunghezza d’onda è troppo lunga e non può saldare materiali altamente riflettenti come il rame e l’oro. Questo può essere fatto con la luce laser nello spettro di lunghezze d’onda verdi “, ha dichiarato Thomas Fehn, Direttore Generale addetto alla produzione di TRUMPF con responsabilità per le vendite.
Fehn prevede che questo aprirà nuove applicazioni per la stampa 3D, ad esempio nell’industria elettronica e automobilistica.

Be the first to comment on "TruPrint 5000 di TRUMPF"

Leave a comment