TripleCell a piattaforma di stampa 3D di New Balance e Formlabs

New Balance e Formlabs lanciano la piattaforma di stampa 3D TripleCell e la resina di ritorno per le scarpe da atletica

In questi giorni non sono molto per il jogging ricreativo, ricorderò sempre le mie prime vere scarpe da corsa: un paio di Sauconys grigio scuro, che ho dovuto scegliere dal negozio quando ho fatto la squadra di atletica in seconda media; un’attività di breve durata, poiché non ero né abbastanza veloce per scattare, né abbastanza forte per sparare. Le scarpe sono cambiate radicalmente da allora nel loro aspetto e caratteristiche. I processi di produzione hanno iniziato solo di recente a cambiare con nuove tecniche di tessitura, maggiore utilizzo di polimeri e stampa 3D. Con il modo in cui stanno andando le cose in questi giorni, potrebbe non passare molto tempo prima che il paio di scarpe da ginnastica preferite da tutti sia della varietà stampata in 3D, indipendentemente dal produttore da cui provengono.

Nel 2015, il leader sportivo di Boston New Balance ha annunciato che stava collaborando con 3D Systems per creare la prima scarpa da corsa stampata in 3D . L’azienda pubblicò la scarpa Zante Generate un anno dopo e, sebbene non fosse la prima scarpa stampata in 3D mai creata, fu la prima ad essere commercializzata.

Ora, New Balance ha lanciato una nuovissima piattaforma di stampa 3D premium, chiamata TripleCell, che è alimentata dalla tecnologia SLA di Formlabs e da un materiale completamente nuovo.

“La stampa 3D sta cambiando il modo in cui le aziende si avvicinano alla produzione, con questo annuncio New Balance è pioniere nella produzione localizzata. Eliminando la dipendenza dagli stampi e dalla stampa diretta sia per la prototipazione che per la produzione, il loro team passa da mesi a ore nei cicli di sviluppo e produzione “, ha affermato Dávid Lakatos, Chief Product Officer di Formlabs. “Ci stiamo muovendo verso un mondo in cui i cicli del design si stanno avvicinando al capriccio del consumatore ed è emozionante essere in prima linea con New Balance.”

Tutto è iniziato l’anno scorso, quando le due società del Massachusetts hanno annunciato un rapporto esclusivo incentrato sulla creazione di hardware e materiali ad alte prestazioni, oltre a un processo di produzione per calzature sportive. Volevano creare un sistema di produzione di stampa 3D, con una libertà di progettazione illimitata, che aprisse opportunità di innovazione nel settore delle calzature atletiche: un alto inventario, un volume elevato di attività che richiede molta maestria e lavoro manuale. Ma mentre più persone chiedono prodotti personalizzati, è sempre più difficile produrli senza abbracciare la tecnologia moderna.

Katherine Petrecca, direttore generale di calzature di New Balance, Innovation Design Studio, ha dichiarato in un post sul blog di Formlabs : “Abbiamo visto l’innovazione con stampanti e materiali 3D e abbiamo iniziato a immaginare il futuro di come questo potesse riunirsi nei prodotti di consumo.

“Quando si è in grado di utilizzare tecniche come la stampa 3D per passare a un modello di produzione su richiesta, questo è un punto di svolta. Ci sono vantaggi sia per il consumatore che per New Balance come produttore. Dal lato dei consumatori, la capacità di progettare e ciò che è possibile fabbricare con la stampa è ben oltre ciò che possiamo fare con lo stampaggio. Ci offre davvero molte opportunità per realizzare parti migliori di quelle che produciamo con schiuma e plastica “.

New Balance si rese conto che avrebbe avuto bisogno di un materiale specifico che non esisteva ancora nel settore. La nuova piattaforma TripleCell è in grado di fornire componenti che sono molto vicini all’ammortizzazione tradizionale delle prestazioni, grazie alla proprietà esclusiva del fotopolimero Rebound Resin che è stato sviluppato come risultato della partnership. Rebound Resin è stato progettato per realizzare strutture reticolari elastiche e elastiche con, secondo un comunicato stampa di Formlabs, “la durata, l’affidabilità e la longevità attese da un materiale termoplastico stampato a iniezione”.

“TripleCell fornirà l’espressione più importante del settore dei dati per progettare con transizioni continue tra le proprietà variabili sotto i piedi. Questa nuova tecnologia all’avanguardia, realizzata digitalmente, si sta ora adattando esclusivamente alle fabbriche della New Balance negli Stati Uniti, affermandoci ulteriormente come leader nella stampa 3D e nella produzione domestica “, ha affermato Petrecca. “Formlabs è stato un partner integrale per farlo vivere. Saremo davvero in grado di sconvolgere il settore non solo nelle prestazioni, ma anche nella personalizzazione degli atleti e nella velocità di commercializzazione “.

La resina di rimbalzo ha una resistenza alla rottura, un ritorno di energia e un allungamento maggiori rispetto a qualsiasi altro materiale SLA di Formlabs. La maggior parte dei componenti in schiuma delle calzature attuali sono realizzati con compressione o stampaggio a iniezione, il che limita le possibilità di progettazione. Ma usare la stampa 3D per la prototipazione e la produzione ha permesso a New Balance di aprire nuove opportunità nella fabbricazione delle sue calzature.

“Quello che potremmo fare fino ad oggi è progettare l’esterno della scarpa e fare affidamento sulle proprietà intrinseche del materiale per fornire tutti i vantaggi prestazionali che stiamo cercando”, ha spiegato Dan Dempsey, ingegnere addetto alla produzione additiva di New Balance. “Qualsiasi grado di personalizzazione è costituito da diversi pezzi di schiuma incollati o modellati insieme, con molti passaggi di montaggio sul lato posteriore. Usando la produzione additiva, possiamo essenzialmente variare la struttura del reticolo per cambiare realmente le proprietà localizzate all’interno di una singola forma, dandoci la capacità di ingegnere per tutto il volume della scarpa; possiamo progettare un sistema dall’interno verso l’esterno. “

L’utilizzo della nuova piattaforma TripleCell sia per la prototipazione che per la produzione consente la creazione di scarpe con una zona cuscinetto elevata, che passa a un’area di elevata stabilità, all’interno di un unico design, utilizzando un singolo materiale. Inoltre aiuta a ridurre il tempo di commercializzazione.

“La tradizionale tempistica per il nostro ciclo di prodotti, dall’iniziazione alla consegna del materiale sul mercato, è di 15-18 mesi. E quando stiamo costruendo strumenti e aspettando parti in gomma o in schiuma, stiamo osservando 4-6 settimane. Eliminando gli stampi, possiamo risparmiare mesi di tempo di sviluppo “, ha affermato Petrecca. “La tecnologia TripleCell consente di produrre facilmente più progetti contemporaneamente, reinventando il tradizionale approccio di test iterativo. Abbiamo avuto la possibilità di generare e modificare migliaia di opzioni prima di atterrare sul rendimento elevato, eseguendo strutture mirate che vedi oggi. “

Questa settimana, New Balance ha lanciato il primo prodotto dalla sua nuova piattaforma: l’edizione limitata di $ 185 990 Sport , che ora è in vendita e presenta la tecnologia TripleCell nel tallone per un’esperienza ammortizzante alla pari con la sua silhouette classica, ma è il 10% più leggero di la scarpa 990v5.

La scarpa FuelCell Echo da $ 175 arriverà a settembre e il primo prodotto running ad alte prestazioni a tutta lunghezza verrà lanciato nel 2020.

Petrecca ha dichiarato: “I componenti stampati TripleCell 3D offrono un’ammortizzazione più vivace e primaverile di quanto non abbiate mai sperimentato nella schiuma, con la possibilità di essere infine prodotti on-demand nelle nostre strutture in Massachusetts”.

Be the first to comment on "TripleCell a piattaforma di stampa 3D di New Balance e Formlabs"

Leave a comment