Tokyo e la stampa 3d nelle scuole elementari

Tokyo la stampa 3D si insegna alla scuola elementare

La stampa 3d nelle scuole elementari di Tokyo 02 Il governo giapponese promuove e finanzia la stampa 3D educativa , mentre Microsoft Giappone e Kabuku hanno recentemente lanciato una codifica basata su Minecraft  e su un  programma di stampa 3D per ottenere che i bambini imparino i primi rudimenti. La scuola elementare di Suginami a Tokyo  ora aggiungere benzina al fuoco  con l’invio di due classi di studenti del sesto anno alla nuova Qremo IT x Creative Classroom per uno speciale corso di stampa 3D.

Naturalmente il Giappone non è l’unico paese che riconosce il potenziale educativo della stampa 3D. Gli educatori e legislatori di tutto il mondo vedono la stampa 3D non solo come un’opportunità per stimolare i bambini a esplorare il mondo che li circonda attraverso un processo di tentativi ed errori, ma anche come modo di preparare la prossima generazione di ingegneri e scienziati. Di conseguenza, circa 1.000 scuole elementari negli Stati Uniti stanno già installando le stampanti 3D nelle loro aule di scienze. Proprio il mese scorso, un rapporto del governo britannico punta ad avere delle stampanti 3D in tutte le scuole di tutta la Gran Bretagna.

Il Giappone, tuttavia, ha registrato un ritardo  in questo senso. Pochissime scuole hanno già adottato le stampanti 3D per scopi didattici, in parte a causa della mancanza di programmi educativi centralizzati che forniscono i fondi per l’adozione di nuove tecnologie. C’è anche una relativa carenza di esperti con conoscenza delle tecniche educative di produzione digitale.

Nel tentativo di cambiare la situazione, il progetto  Litalico esplora le potenzialità della stampa 3d. Iniziato nel 2005 come una organizzazione che,  affronta i problemi della disoccupazione ed invalidità, si è poi specializzato  in sfide educative pure. Per esempio forniscono assistenza educativa per gli studenti con difficoltà di apprendimento. Nel 2014, hanno lanciato il progetto Qremo a Shibuya, Toyko per promuovere   le competenze attraverso piattaforme tecnologiche digitali educative.

Si tratta di un programma molto ambizioso che cerca di fornire servizi agli studenti dalla prima infanzia fino alla fine del liceo, e tocca una vasta gamma di tecnologie, corsi edesperienze di apprendimento.  Puntano  adar ai bambini  esperienza nella programmazione, nella robotica, nella progettazione digitale e nella stampa 3D. Alla fine,  sperano di  integrare queste attività nel curriculum scolastico regolare. Oltre 1.000 bambini seguono già i loro corsi,  la Scuola Elementare di Suginami è la quinta  scuola a partecipare.

La scuola elementare di Suginami di Tokyo era molto ansiosa di partecipare al corso Fabrication Qremo , visto che sono conosciuti per essere in prima linea nella adozione delle nuove tecnologie didattiche. Tra gli altri, i loro studenti già lavorano con lavagne digitali e libri di testo elettronici, e la scuola sta esaminando l’adozione di altri strumenti industriali abbastanza poco costosi, come ad esempio il taglio laser.

Per ora, tuttavia, il corso stampa 3D è piuttosto limitato nella sua portata. Le due classi di studenti del sesto anno riceveranno il corso speciale durante le lezioni d’arte il 10 giugno, sotto il tema “Le creature del mare e la loro evoluzione  “. Riceveranno una dimostrazione di stampa 3D, e sarà consentito loro  di utilizzare un software per progettare le propri creature marine fantasiose. Dopo 30 minuti di modellazione e una conferenza sulla stampa 3D, saranno autorizzati a lavorare su modelli stampabili 3D per altri 40 minuti. Gli organizzatori del corso sperano che possa insegnare ai bambini che le stampanti 3D sono in grado di offrire modi molto semplici ed accessibili per esprimere idee e creatività.

Modesto nella sua messa a punto, il corso di stampa Qremo 3D è sicuramente una partenza fantastica. Servirà anche come un importante banco di prova che potrebbe contribuire a cambiamenti significativi nel settore educativo del Giappone. Tra gli altri, i legislatori stanno cercando di rendere le classi di programmazione una parte obbligatoria nell’ istruzione elementare a partire dal 2020. Se Qremo diventerà un successo, potrebbe promuovere fortemente l’uso di strumenti per la preparazione digitale nelle scuole giapponesi.

Be the first to comment on "Tokyo e la stampa 3d nelle scuole elementari"

Leave a comment