Tilly Lockey al Summit di SingularityU sul palco del circuito del Gran Premio di Kyalami a Johannesburg

La scorsa settimana Tilly Lockey è salita sul palco del circuito del Gran Premio di Kyalami a Johannesburg, in Sudafrica, durante il vertice SingularityU South African (SA) , per un uno contro uno con Benji Rosman, ricercatore principale del gruppo Mobile Intelligent Autonomous Systems presso il Consiglio per la ricerca scientifica e industriale(CSIR). La , esperta oratrice pubblica, senza filtri, attivista e modella ha girato il mondo per parlare delle sue incredibili braccia bioniche. E questo ancge se ha solo 14 anni.

La sua visione trionfante della vita è mozzafiato, nota per essersi aperta sulla malattia responsabile della perdita di entrambe le mani in tenera età, così come il suo atteggiamento ottimista e fiducioso. Nel corso degli ultimi anni, Tilly è stata una forza enorme per i bambini, aiutando le aziende protesiche a sviluppare prodotti personalizzati adatti ai bambini . Oggi è ambasciatrice di Open Bionics , un’azienda britannica che sviluppa mani bioniche a basso costo , note anche come Hero Arms.

Tilly è stato uno dei tre oratori del segmento Biotech and Medicine del Summit, insieme a Habib Frost , che ha parlato del futuro della medicina e dei progressi tecnologici, e Kim Hulett che ha discusso di bambini designer. Mettendo in mostra le sue braccia bioniche incredibilmente eleganti, Tilly si concentrò sulla sua visione per la convergenza uomo-macchina del futuro.

Secondo SingularityU SA, durante il segmento intitolato Benjamin Rosman in Conversation with Tilly Lockey: What’s Possible in the Future , i due hanno esaminato la connessione tra tecnologia ed esseri umani.

“Pensa a tutte le cose che fai con le mani su una base quotidiana. Queste mani mi aiutano sia fisicamente che mentalmente “, ha detto Tilly. “Tutti i soldi servivano per l’estetica delle mani, per come apparivano e non per come funzionavano.”

Con circa cinque milioni di amputati degli arti superiori a livello globale, aziende come Open Bionics sono essenziali per costruire e sviluppare la prossima generazione di arti bionici, in quello che Rosman chiamava “trasformare le disabilità in superpoteri”. La tecnologia non sta solo cambiando il modo in cui funzionano le protesi. La protesi può essere pesante, cosa da tenere a mente quando si sviluppano braccia bioniche per bambini. Crescere significa anche che le mani devono essere ricreate e sostituite almeno una volta l’anno. Con Open Bionics, le cose hanno iniziato a cambiare, l’azienda 3D stampa le protesi dalla plastica, rendendole leggere e più convenienti, mentre il costo sta nella batteria e nei motori all’interno. Un paio di braccia bioniche stampate in 3D possono spesso raggiungere circa £ 10.000 (circa 12.800 dollari), il che spesso implica un sacco di raccolta fondi.

“Ora i bambini si eccitano quando mi vedono. Le mie braccia sembrano uscite da un film d’azione, come dalla Marvel. Danno ad altri bambini l’idea che la loro disabilità sia la loro superpotenza ”, ha suggerito Tilly.

In realtà, non è così lontana dall’universo cinematografico. Lo scorso gennaio, ha ricevuto un paio di armi bioniche Alita: Battle Angel dal regista James Cameron. La funzionalità multi-grip Hero Arms è stata progettata dal team dietro al film e Cameron l’ha invitata alla premiere del tanto atteso film d’azione futuristico di fantascienza in cui ha mostrato a tutti le sue nuovissime mani.

Il braccio Hero è ora disponibile attraverso cliniche protesiche private per persone con differenze dell’arto superiore del gomito, dai 9 anni in su. Sono considerati il primo braccio bionico con stampa 3D certificato dal punto di vista medico . Sono progettati e fabbricati a Bristol, nel Regno Unito, in una protesi mioelettrica leggera ed economica, ora disponibile anche negli Stati Uniti e in Francia per adulti e bambini amputati sotto il gomito.

Open Bionics garantisce che ogni braccio Hero sia realizzato su misura utilizzando le tecnologie di stampa 3D e scansione 3D. Sostengono che la protesi è robusta e che la presa sia comoda, regolabile e traspirante, il che significa che è facile da indossare e da togliere. È un arto bionico potenziato controllato dai muscoli, con un’intuitiva precisione realistica. Inoltre, è costituito da una presa rimovibile traspirante per una maggiore ventilazione e una facile pulizia, alimentata da motori ad alte prestazioni, software avanzato e batterie di lunga durata. La mano, disponibile in tre dimensioni, è la più leggera sul mercato ma estremamente resistente, in grado di sollevare fino a otto chilogrammi.

L’ispiratrice Tilly Lockey, a cui è stata diagnosticata la meningite meningococcica come un bambino di 15 mesi, ha perso entrambe le braccia, ma il suo ruolo di leader nello sviluppo della tecnologia nel campo della protesi è molto importante e ha lavorato con Open Bionics negli ultimi quattro anni, fornendo input che sono diventati fondamentali nel giusto sviluppo degli arti bionici. La sua presentazione si basa sulla sua esperienza personale utilizzando due bracci personalizzati stampati in 3D e il suo ruolo di leader nello sviluppo della tecnologia in questo campo.

Tilly al Summit SUgularityU Sudafrica (Immagine di credito: SingularityU Sudafrica)

Durante la presentazione, Tilly ha rivelato di aver aggiunto alcune modifiche personali alle sue mani, fornendo feedback di personalizzazione (e talvolta funzionalità folle) a Open Bionics negli ultimi anni. Ciò che rende le braccia di Tilly diverse, rispetto alle normali protesi umane, è che hanno modalità aggiuntive oltre che aperte e chiuse. Tutte le braccia protesiche avanzate bioniche funzionano in modo diverso. Inoltre, sono personalizzati in termini di sensibilità, lavorano per flettere e rilasciare i muscoli.

L’adolescente è molto ottimista su ciò che la società sarà in grado di fare nei prossimi cinque anni, magari offrendo eventualmente funzioni come proiettori, un assistente vocale, altoparlanti Bluetooth e persino feedback Haptic Touch. Fino ad ora, gli sviluppatori dell’azienda hanno dimostrato di poter creare molto più di un semplice braccio bionico aperto e chiuso, quindi le aspettative sono alte.

Tilly è stata in grado di aiutare a reinventare l’aspetto di un’estensione protesica, accogliendo un futuro in cui le disabilità non la trattengono, ma diventano “superpoteri”. Ha molti seguaci e una presenza massiccia tra i giovani, spesso ammettendo che le piacciono le domande che molti bambini pongono sulle sue braccia. Il giovane modello di ruolo ha suggerito che creare una nuova tecnologia interessante è una cosa, ma deve anche colmare le lacune nella società, uscire dai laboratori di ricerca e nella vita di tutti i giorni.

SingularityU SA è il primo partner del Paese africano e cerca di lavorare con aziende affermate, imprenditori e futuri innovatori per creare nuove opportunità di innovazione e impatto nel paese. Il colosso dell’educazione vuole “rendere l’Africa a prova di futuro” autorizzando la sua gente a creare modi di vita e di lavoro abbondanti, sostenibili e olistici.

L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che solo una persona su 10 con disabilità fisiche nei paesi in via di sviluppo ha accesso a tecnologie che potrebbero aiutarle e con oltre dieci milioni di amputati in tutto il mondo, questa è sicuramente un’innovazione che dobbiamo avanzare. Rendere le protesi disponibili più rapidamente, più economiche e migliori può risolvere una delle sfide dell’Africa e del mondo.

Be the first to comment on "Tilly Lockey al Summit di SingularityU sul palco del circuito del Gran Premio di Kyalami a Johannesburg"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi