The Footwear Polytechnic della Riviera del Brenta

Il rinomato istituto italiano di calzature The Footwear Polytechnic della Riviera del Brenta prosegue nella sua recente collaborazione con il produttore di stampanti 3D RepRap.

Annunciata a settembre 2016, la collaborazione ha visto il lancio del FFLab all’avanguardia del Politecnico, un laboratorio digitale specializzato in nuove tecnologie di scansione 3D e di stampa 3D. Da allora, le cose non sono mai andate meglio per l’istituto del Politecnico, che è pronto a far convivere  l’antica tradizione calzaturiera italiana con le tecnologie del presente e del futuro.

Fondata ufficialmente nel 2001, l’istituzione post-secondaria può risalire al 1268, con la prima confraternita dei calzolai Calegheri a Venezia. Dopo secoli di costruzione di una reputazione di fama mondiale, il distretto delle calzature veneziane è stato testimone di un’altra ondata nel 1898 con la fondazione della prima grande fabbrica di scarpe del territorio. Nel 1923, fu istituita la scuola di Design for Arts and Crafts, catapultando l’industria nei tempi moderni, con programmi specializzati per la formazione di designer, modellisti e tecnici. Posizionandosi in  questo antico lignaggio, The Footwear Polytechnic della Riviera del Brenta mira a portare avanti la conoscenza della calzatura tradizionale, espandendola attraverso una ricerca vigorosa.

Più di recente, questa innovazione ha preso piede attraverso il successo del suo FFLab. Come laboratorio di prototipazione rapida, FFLab è dedicato ad offrire alle aziende italiane e internazionali nuove opportunità per lo sviluppo del prodotto. Due metodi sono incorporati nelle capacità del laboratorio. Il primo è la progettazione di componenti per calzature in formato digitale utilizzando la tecnologia CAD 3D, quindi la stampa 3D del prototipo sulla tedesca RepRap x400 PRO V3. L’altro metodo utilizza il reverse engineering: tramite Geomagic Capture scanner 3D di 3D Systems, il modello fisico di un file CAD può essere modificato secondo necessità e quindi stampato in 3D di conseguenza. Rhinoceros e Geomagic Wrap sono i software preferiti dal laboratorio.

Secondo i rappresentanti di FFLab, queste tecnologie hanno permesso alla scuola politecnica di soddisfare le richieste e le esigenze delle aziende che lavorano nell’istituto. “La stampa 3D consente alle aziende di ottenere in un tempo più breve e con costi ragionevoli un modello estetico e funzionale e piccole serie di produzione per campionature e sfilate di moda”, afferma Alice Marcato, manager di FFLab e bioingegnere presso il dipartimento R & D dell’istituto . “La prototipazione dei componenti  facilita le parti che compongono la scarpa come forme, solette, tacchi, suole e accessori. Tutto può essere realizzato in tempi ridotti. ”

Finora, l’investimento della scuola ha dato i suoi frutti. Il FFLab può già vantare collaborazioni con la Parsons School of Design di New York, nonché con i leader dell’industria Nike e del gruppo Basf. L’Istituto è anche l’ospite ufficiale della Scuola di Design e Tecnica di Calzature e Cuoio, un’importante iniziativa che supporta 250 membri all’anno, 4800 ore di formazione e 80 aziende coinvolte nella realizzazione di progetti educativi.

Be the first to comment on "The Footwear Polytechnic della Riviera del Brenta"

Leave a comment