TeVido BioDevices il bioprinting per stampare in 3d i capezzoli delle donne colpite da tumore

 

TeVido BioDevices 03E’ davvero incredibile quello che abbiamo visto solo l’anno scorso nella stampa 3D. Alcune delle applicazioni più interessanti hanno a che fare con il bioprinting. Un giorno potremmo essere in grado di stampare in 3D quasi ogni organo su richiesta, migliorare e anche salvare la vita di milioni di persone in tutto il mondo.

Fino ad allora, i ricercatori stanno lavorando su una varietà di applicazioni meno complesse per il bioprinting 3D. Una società da seguire per i biodispositivi è la TeVido BioDevices , con sede ad Austin, inTexas. L’obiettivo di TeVido è quello di “costruire seni migliori,” utilizzando bioprinters 3D che fabbricano tessuti di capezzolo.

Ogni anno ci sono decine di migliaia di donne con diagnosi di cancro al seno. In effetti ad una donna su otto sarà diagnosticato nel corso della vita. Questi sono numeri impressionanti. Il cancro al seno è spesso curabile se preso in tempo, soprattutto con i progressi della medicina di oggi. Detto questo, spesso le donne devono subire una mastectomia (la rimozione di tutto il tessuto del seno) per assicurare che il tumore non ritorni. Questo può purtroppo essere devastante per molte donne che possono scivolare nella depressione con sentimenti di inadeguatezza. Fortunatamente l’intervento chirurgico di ricostruzione del seno è disponibile per molte di loro, permettendo loro di ritrovare la loro forma femminile. Detto questo, vi è ancora una zona della chirurgia che potrebbe vedere importanti miglioramenti.

“L’ultimo passo del  lungo e faticoso viaggio sarà quello di fare la ricostruzione del capezzolo”, ha spiegato Laura Bosworth, CEO di TeVido BioDevices . “Purtroppo i risultati della ricostruzione del capezzolo sono abbastanza imprevedibili a lungo termine con problemi di dissolvenza e appiattimento.”

Qui è dove entra in gioco la TeVido. Sono in procinto di perfezionare una tecnica di bioprinting 3D che ricostruisce il tessuto del capezzolo femminile usando le proprie cellule. Il capezzolo può essere di qualsiasi dimensione, forma, colore   che il paziente desidera e poiché è realizzato con le proprie cellule, il rischio di rigetto è notevolmente ridotto.

Finora TeVido ha fatto enormi progressi nello sforzo per perfezionare questa tecnica.Sono stati destinatari di 900 mila dollari in finanziamenti provenienti dal National Science Foundation (NSF) e dal National Cancer Institute (NCI). Questo ha coperto una parte sostanziale del loro budget di R & S, ma ora l’azienda ha bisogno di proteggere le loro idee e le tecniche attraverso brevetti. Anche questo è un processo molto costoso, per decine di migliaia di dollari.

Così che cosa hanno deciso di fare? Si sono rivolti  al pubblico per chiedere  30 mila dollari attraverso la piattaforma di crowdfunding di Indiegogo. La loro campagna si è conclusa il 30 gennaio dopo aver portato a casa 30.136 $, permettendo loro di andare avanti con il processo di brevetto. La società ha offerto una serie di premi a coloro che hanno contribuito a finanziare i $ 30.000. Le ricompense partivano da una semplice immagine su un muro di Onore ad un tour della struttura di ricerca a  TeVido ad una cena esclusiva  con il team esecutivo della società.

E ‘davvero incredibile quello che può essere realizzato con una brillante idea e l’aiuto della gente. La società avrà probabilmente bisogno di ulteriori finanziamenti lungo la strada  , ma questo è certamente un inizio buono.

Be the first to comment on "TeVido BioDevices il bioprinting per stampare in 3d i capezzoli delle donne colpite da tumore"

Leave a comment