Tania Larsson artista canadese e nativa americana e la stampa in 3d delle lance e degli utensili in bronzo archeologiche

Un’ artista canadese utilizza la stampa e la scansione 3D  per ricreare gli strumenti dei nativi americani del 18 ° secolo ( per noi gli indiani )

Tania Larsson artista canadese e la stampa 3d degli utensili degli indiani nativi americani 01Uno degli usi della stampa 3d meno pubblicizzato  sta nella  replica di prodotti che sono stati fatti centinaia o migliaia di anni fa, ottenendo un modello quasi esatto.

Ora, un artista canadese sta usando un metodo simile per ricreare una collezione di strumenti in bronzo  usati dai suoi antenati.

Tania Larsson, è attualmente una studentessa presso l’Institute of American Indian Arts di Santa Fe e recentemente ha completato uno stage presso il Museo Nazionale degli Indiani Americani dello Smithsonian dove ha imparato a utilizzare le moderne tecnologie 3D per ricreare oggetti nella collezione del museo .

Il processo, che prevede l’utilizzo di tecniche di scansione laser e fotogrammetria per creare accurati modelli 3D digitali , è stato utilizzato per ricreare delle lance da pesca in bronzo . Prima è stato creato il prototipo 3d virtuale delle lance,  poi sono state  stampate in 3D in arenaria ; queste stampe sono state utilizzate come modelli di riferimento per la ricostruzione di strumenti identici usando i materiali tradizionali utilizzati nei disegni originali, tra cui ossa e corna.

Per la Larsson – che è cresciuta in Francia, ma che poi è tornata  nel suo nativo Canada per riappropriarsi con la sua cultura – l’atto di ricreare strumenti non era solo un modo di mettere le moderne tecnologie alla prova – ma era un modo per lei per riannodarsi con i propri antenati in modi che in precedenza non erano disponibili. La 25enne che vive a Yellowknife nei  Northwest Territories del Canada, dove hanno vissuto i suoi antenati Gwich’in nativi per secoli come gruppo Athabaskan del Nord America più settentrionale

Con un background nella lavorazione dei metalli, la Larsson non era estranea al processo di fabbricazione ed è stata in grado di creare gli strumenti da sola.

“La cosa più importante sui nativi americani e la First Nations è che abbiamo sempre adattato le tecnologie che abbiamo incontrato, quindi è un passo del tutto normale usare la scansione 3D e la stampa 3D, perché questo è un nuovo strumento che si para davanti a noi,” .

Al museo oltre alle riproduzioni originali sono anche stati ricreati in modelli 3D stampati a misura di bambino , per il divertimento dei piccoli frequentatori.
Ma a parte la capacità di gestire gli strumenti, forse il valore reale è nella loro conservazione, piuttosto che nella capacità di stamparli in 3D.

“Anche se succede qualcosa gli oggetti reali, avremo sempre le informazioni digitali”, ha aggiunto Larsson.

Certo semprecchè siamo poi in grado di leggere le informazioni digitali…….

 

Be the first to comment on "Tania Larsson artista canadese e nativa americana e la stampa in 3d delle lance e degli utensili in bronzo archeologiche"

Leave a comment