Take That, la cozza di Quagga Mussels: Lorena James trasforma una specie invasiva nel filamento della stampante 3D

La cozza di quagga è una specie invasiva che ha causato molti problemi nei Grandi Laghi. È una creatura aggressiva, originaria dell’Europa orientale, che uccide altre specie, alleva rapidamente e incasina gli ecosistemi. Ma il Davidson College del secondo anno Lorena James ha trovato un uso per le cozze di quagga – la stampa 3D. Quando James era al liceo, ha avuto un’idea in una classe di imprenditorialità – creando un filamento di stampanti 3D dal guscio dei coaguli di quagga. In precedenza la designer spagnola Carmen Brio ha anche creato un filamento in PLA dalle conchiglie dimuscoli e ostriche dai ristoranti. In quel caso, i gusci erano fondati e l’idea era di riciclare i rifiuti del ristorante e trasformarlo in un filamento ad alto impatto. Laura James lo sta facendo specificatamente con un tipo di cozza locale a lei.

Dopo aver presentato l’idea alla sua classe, James ha vinto il suo concetto di Z Spools nella competizione Erie Hack di Cleveland Water Alliance  . Ora ha richiesto un brevetto di utilità per il prodotto e sta pensando a come produrlo in serie.


Il filamento della stampante 3D è stato realizzato con tutti i tipi di materiali bizzarri, dai sottoprodotti della produzione di birra a un’altra specie problematica, le alghe . La creazione di filamenti di cozze di quagga non risolverà il problema delle specie invasive, ma è un concetto interessante e ecologico.

“Contribuisco ad alleviare il problema di rendere la spiaggia insalubre e sgradevole per i bagnanti”, ha detto James. “E porta l’attenzione ad altri problemi. Faccio inoltre attenzione al problema delle specie invasive, fornendo un nuovo metodo per la stampa 3D sostenibile. ”
Anche i gusci di cozze di Quagga sono in grado di produrre attraenti stampe 3D: potrebbero essere una minaccia per i Grandi Laghi, ma il filamento ricavato dai loro gusci è unico, producendo un colore grigio pallido.

Per fare il filamento, James schiaccia i gusci di cozze di quagga e li mescola con pellet di PLA, che poi estrude usando un estrusore di filamenti che ha acquistato da Filabot . Ha in programma di contattare Filabot per vedere se produrranno il suo filamento di massa una volta tornata da Shanghai, dove attualmente studia all’estero. Successivamente, James può perseguire idee che implicano l’uso di altre specie invasive; è molto interessata all’idea di un’economia circolare. La sua prima idea, prima che arrivasse con il concetto Z-Spools, era vendere l’idrilla verticillata, una pianta acquatica invasiva, come cibo. Ha però cancellato quell’idea, dopo aver capito quanto inquinamento le piante assorbono dal lago.

La ricerca appassionata di James della sua idea è nata dalla delusione: la sua classe imprenditoriale non aveva alcun interesse per la sua idea, preferendo “le startup che prevedevano cuscini, crociere e gelati, nessuno dei quali risolveva i problemi che ritenevo valesse la pena perseguire”, ha detto. Ammette di essere stata un po ‘amara, ma ha preso quell’amarezza e l’ha canalizzata in cose più grandi, come portare la sua idea a Erie Hack. Quella competizione finì per essere un catalizzatore per i suoi affari.

“Senza Erie Hack, non avrei mai voluto perseguire l’imprenditorialità fin da subito,” ha detto.
James ha solo 19 anni, ma ha una forte visione e passione per aiutare l’ambiente e rendere il mondo un posto migliore. La sua idea Z-Spools è geniale – piuttosto che ottenere le cozze di quagga dalla spiaggia, sta creando qualcosa di utile con loro. Se continua a perseguire le sue idee su come trasformare le specie invasive in prodotti utili, potrebbe finire con un business di successo, che si rivolge alle molte persone che si sentono allo stesso modo in cui si comporta per l’ambiente.

“Quando sono venuto a Cleveland per Erie Hack, pensavo che le persone a Cleveland apprezzassero di più il lago Erie e trovassero più usi, rispetto a quelli di Buffalo”, ha detto. “Ma sta cambiando. Le persone apprezzano di più il lago. Quando tornerò da Davidson passerò molto più tempo sul lago. Penso che Z Spool mi abbia sicuramente avvicinato al lago. ”

Be the first to comment on "Take That, la cozza di Quagga Mussels: Lorena James trasforma una specie invasiva nel filamento della stampante 3D"

Leave a comment