Swinburne auricolari personalizzati in meno di una ora con la scansione 3D dell’ iPhone con la stampa 3D SLA

Swinburne spin-out Hearables 3D produce dispositivi acustici personalizzati in meno di un’ora
Hearables 3D combina la scansione 3D di iPhone con la stampa 3D SLA per produrre auricolari personalizzati

La startup australiana Hearables 3D, uno spin di un’iniziativa di ricerca presso la Swinburne University, ha sviluppato un processo per la stampa 3D di dispositivi auricolari personalizzati, come auricolari e apparecchi acustici, in meno di un’ora. La tecnica si basa sulla scansione 3D dello smartphone e sulla stampa 3D stereolitografica ultraveloce.

Prima della stampa 3D, la produzione di apparecchi acustici e prodotti acustici personalizzati richiedeva al paziente o al cliente di sottoporsi a uno scomodo processo di stampaggio fisico e quindi giorni o addirittura settimane di attesa per la produzione dei cuscinetti. In alternativa, le persone utilizzavano auricolari standardizzati e prefabbricati che, pur essendo immediatamente accessibili, non si adattavano bene.

I processi di produzione additiva consentono alle persone di beneficiare del meglio di entrambi i mondi: dispositivi acustici personalizzati e perfettamente attrezzati che sono quasi immediatamente disponibili. Hearables 3D ha in particolare semplificato il processo di ordinazione e produzione di auricolari personalizzati con il suo approccio di scansione e stampa 3D.

Il processo inizia catturando una scansione 3D dell’orecchio di chi lo indossa utilizzando la funzione di scansione 3D di iPhone. Un software proprietario elabora automaticamente i dati di scansione 3D grezzi utilizzando modelli statistici 3D avanzati, ottenendo un modello di punta auricolare pronto per essere stampato su un sistema SLA utilizzando una resina biocompatibile. Secondo la startup, i prodotti possono essere prodotti in meno di un’ora.

“Il processo per ottenere un apparecchio acustico richiede solitamente una visita audiologica, un processo di stampaggio e un tempo di attesa da una a due settimane”, ha spiegato il dott. Phil Kinsella, co-fondatore e CTO di Hearables 3D. “Ciò che rende Hearables 3D diverso è la possibilità di acquisire i dati in modo conveniente utilizzando l’ultima tecnologia iPhone, e il sistema di automazione dietro di esso consente un tempo di consegna inferiore a un’ora, con la maggior parte delle persone che optano per la consegna il giorno successivo.”


Da sinistra: Dr. Phil Kinsella e COO e co-fondatore di Hearables Damien Png
Il Dr. Phil Kinsella ha completato il suo dottorato di ricerca presso la Swinburne University, dove ha ideato il metodo di scansione e stampa 3D per i dispositivi acustici. Dopo aver visto il successo con la sua iniziativa di ricerca, ha fondato Hearables 3D con il cofondatore Damien Png per commercializzare i prodotti acustici personalizzati.

“Swinburne ha offerto l’opportunità di conseguire un dottorato di ricerca in un argomento che non sarebbe considerato un dottorato di ricerca standard”, ha affermato. “Swinburne non solo mi ha dato l’opportunità di fare questo dottorato, ma, verso la fine della ricerca e quando i risultati stavano mostrando la promessa, siamo stati in grado di acquisire finanziamenti da parte di Swinburne Ventures, che ha permesso alla ricerca di ottenere una nuova vita come un’entità commerciale. “

La perdita dell’udito è una condizione che sta colpendo aree della popolazione in crescita – un fenomeno che ha ispirato la creazione di dispositivi acustici innovativi e accessibili. La tecnologia 3D di Hearables non solo si rivolge agli apparecchi acustici, ma mirerà anche a offrire più soluzioni preventive, come auricolari personalizzati. L’utilizzo di auricolari personalizzati può impedire la dispersione del suono, che in genere porta le persone ad ascoltare musica a volumi più elevati, causando danni all’udito.

In questa fase, Hearables 3D sta cercando di commercializzare i suoi prodotti.

Be the first to comment on "Swinburne auricolari personalizzati in meno di una ora con la scansione 3D dell’ iPhone con la stampa 3D SLA"

Leave a comment