Studio su pazienti con protesi dentarie complete stampate in 3D e realizzate con nanocompositi ibridi

Ricercatori provenienti da Turchia e Romania si sono riuniti di recente per completare un progetto mentre valutano i pazienti in uno studio di follow-up, delineato in ” Diciotto mesi di follow-up con valutazione degli esiti centrata sul paziente di protesi dentarie complete fabbricate utilizzando un nanocomposito ibrido e un CAD additivo / Protocollo CAM . ” Inizialmente, i pazienti hanno ricevuto protesi stampate in 3D realizzate in materiale composito, poli (metilmetacrilato) (PMMA) -nanoTiO2.

Trentacinque pazienti hanno partecipato allo studio, poiché i ricercatori hanno valutato l’efficacia della loro protesi in seguito. Il nuovo materiale utilizzato è fondamentale poiché in precedenza altri materiali e tecniche riflettevano scarso adattamento e resistenza. Qui, gli autori si affidavano a nanotecnologie innovative per la creazione di materiali con “caratteristiche migliorate”.

“A causa dell’elevata richiesta di materiale rapido, preciso e resistente adatto alla produzione di protesi complete stampate in 3D a lungo termine, abbiamo proposto un nanocomposito migliorato basato su poli (metilmetacrilato) con inclusioni di nanoparticelle di biossido di titanio”, hanno spiegato gli autori. “La nuova matrice poli (metilmetacrilato) –TiO2 ottenuta ha permesso di ottenere un materiale con comprovata azione antimicrobica, aspetto della superficie liscia e migliori caratteristiche meccaniche e termiche, idoneo all’uso con la tecnologia additiva.

“Al fine di valutare il nanocomposito ibrido migliorato in ambiente clinico, è stato proposto un protocollo per la produzione completa di protesi dentarie stampate in 3D DLP a lungo termine ed è stata eseguita una valutazione clinica obiettiva e un’analisi morfologica.”

Insieme alla valutazione e all’analisi clinica a lungo termine, i ricercatori hanno anche chiesto a ciascun partecipante di compilare un questionario (49 domande) relativo alle loro “percezioni soggettive” sul trattamento. Le domande riguardavano:

Limitazione funzionale
Dolore
Disagio psicologico
Disabilità fisica
Disabilità psicologica
Disabilità sociale
Handicap
Le protesi sono state create su una stampante 3D EnvisionTEC Perfactory® , con uno spessore dello strato da 25 μm a 150 μm. La post-elaborazione richiedeva di immergere rapidamente le protesi in un solvente, quindi i supporti venivano rimossi, le protesi venivano lucidate e quindi sottoposte a un bagno di fotopolimerizzazione in post-polimerizzazione. I pazienti hanno ricevuto la dentiera alla terza visita, insieme alle istruzioni post-operatorie.

Due serie di protesi sono state rotte nei primi sei mesi di utilizzo e ogni paziente ha ricevuto una nuova serie per sostituirle.

Le protesi sono state studiate 18 mesi dopo nella valutazione e i ricercatori hanno notato “uniformità soddisfacente”, senza difetti. I pazienti hanno notato un “miglioramento significativo” correlato alla loro salute orale in quanto la protesi offriva una buona ritenzione e stabilità.

“Il flusso di lavoro proposto con il materiale composito nanoTiO2 utilizzato è un’opzione di trattamento praticabile per i pazienti con diagnosi di edentulismo completo”, hanno concluso i ricercatori.

“I risultati indicano che l’OHRQoL è stato notevolmente migliorato e che i punteggi di soddisfazione dei pazienti per estetica, linguaggio, efficienza masticatoria, igiene e comfort erano significativamente più alti con l’inserimento di una nuova protesi, con questi miglioramenti mantenuti per tutto il periodo di valutazione.”

Be the first to comment on "Studio su pazienti con protesi dentarie complete stampate in 3D e realizzate con nanocompositi ibridi"

Leave a comment