Studio di Essentium: i produttori vogliono un sistema aperto

Essentium, un fornitore leader nella produzione di additivi industriali, ha condotto uno studio indipendente e globale sugli usi attuali e futuri della stampa 3D industriale. La società sta ora pubblicando ulteriori risultati del sondaggio.

Lo studio, i cui primi risultati sono stati presentati alla fiera formnext di Francoforte, mostra che praticamente tutti (il 99 percento) dei dirigenti intervistati nella produzione ritiene che un ecosistema aperto sia importante per promuovere la stampa 3D su larga scala. Mentre l’85% dei produttori ha riferito che la produzione di additivi su scala industriale ha il potenziale per aumentare le entrate della propria azienda, il 22% ha affermato che il loro coinvolgimento nella stampa 3D ha portato alla fedeltà dei fornitori che ha limitato la flessibilità.

Finora, il mercato industriale AM ​​è stato dominato da sistemi chiusi in cui i clienti sono legati all’hardware, ai processi e ai materiali dei fornitori. Poiché gli ostacoli tecnologici in termini di economia, dimensioni, resistenza e velocità di produzione vengono eliminati, il numero di produttori che utilizzano la stampa 3D per la produzione in serie è raddoppiato rispetto allo scorso anno (40% nel 2019; 21% nell’anno 2018). I produttori chiedono ora agli ecosistemi aperti di diventare più flessibili e di utilizzare i materiali di loro scelta. Il 50% delle aziende afferma di aver bisogno di materiali di alta qualità e convenienti per soddisfare la crescente domanda di parti stampate in 3D industriali.

In un ecosistema manifatturiero additivo aperto, emergeranno più collaborazioni che sono progettate per offrire ai clienti un maggiore controllo sui loro sviluppi, una più ampia scelta di materiali e produzione industriale in economia rivoluzionaria. La richiesta dell’ecosistema di stampa 3D aperto di Essentium, sviluppato in collaborazione con BASF e lo sviluppatore di software 3D Materialise, è una chiara indicazione che un approccio ecosistemico aperto soddisfa le esigenze del mercato per la produzione di additivi industriali può.

Blake Teipel, CEO e co-fondatore di Essentium, ha dichiarato: “In Essentium, crediamo fermamente che un ecosistema aperto sarà la chiave per l’espansione della produzione additiva. Il legame con soluzioni proprietarie che limitano la flessibilità e la scelta non è più un’opzione se la stampa 3D deve diventare un serio concorrente come processo industriale per i prodotti finali. Un mercato aperto incentrato sullo sviluppo di nuovi materiali e macchine migliori e più veloci è l’unico modo per i produttori di aprire nuove applicazioni e nuove opportunità commerciali. Con questo approccio, il futuro appartiene al cliente, non all’OEM ”.

L’articolo si basa su un comunicato stampa di Essentium. Hanno partecipato al sondaggio 162 dirigenti di aziende manifatturiere di tutto il mondo. I partecipanti provenivano da aziende di varie dimensioni nei settori aerospaziale, automobilistico, dei beni di consumo e della produzione a contratto.

Be the first to comment on "Studio di Essentium: i produttori vogliono un sistema aperto"

Leave a comment