Stratasys e la stampa delle ossa mandibolare

Quando l’osso mascellare inferiore di un paziente viene rimosso a causa di lesioni o malattie, può essere sostituito da un impianto mandibolare. Sfortunatamente, questi impianti sono disponibili solo in un numero limitato di dimensioni: molto meno dimensioni rispetto alle uniche anatomie dei pazienti. Ciò significa che i chirurghi devono piegare e modellare l’impianto durante l’intervento per assicurarsi che si adatti perfettamente alla mascella del paziente, consentendogli di masticare correttamente e mantenere un aspetto normale. Ma presso il VA Puget Sound Health Care Center, i chirurghi maxillo-facciali James Clossman e Jeffrey Houlton utilizzano la stampa 3D per creare un nuovo tipo di impianto mandibolare, che si adatta perfettamente al paziente sin dall’inizio, senza necessità di modifiche durante l’intervento.

Clossman e Houlton hanno recentemente collaborato con gli ingegneri Chris Richburg e Patrick Aubin e VA Puget Sound, i radiologi Eric Rombokas e Beth Ripley per creare repliche esatte di mandibole di tre pazienti, utilizzando la stampante 3D Stratasys dell’ospedale . Questi modelli hanno permesso ai chirurghi di confrontare gli impianti mandibolari standard con le repliche stampate in 3D, regolando le dimensioni e la forma come giorni necessari prima dell’intervento chirurgico, piuttosto che rimescolarsi per farlo durante l’operazione stessa.

“La modellazione stampata in 3D, insieme alla pianificazione virtuale, è diventata davvero un punto di svolta nei difficili casi di ricostruzione mandibolare”, ha affermato Houlton. “Essere in grado di avere un modello stampato in 3D della mandibola del paziente ci consente di pianificare con precisione i dettagli chiave durante questi casi, con una precisione che non si può ottenere con le tecniche tradizionali”.

I modelli mandibola personalizzati stampati in 3D si sono tradotti in circa due ore di risparmio di tempo per ogni intervento chirurgico. Con il tempo OR stimato in circa $ 80 al minuto, questo è anche un risparmio di costi – senza contare che ciò significa meno tempo in anestesia per il paziente e meno fatica per i chirurghi.

VA Puget Sound è uno dei numerosi ospedali VA che Stratasys ha dotato di stampanti 3D, nonché materiali e formazione, al fine di creare una rete ospedaliera di stampa 3D. L’azienda ha lavorato a stretto contatto con questa rete VA per contribuire ad aumentare la preparazione del chirurgo e la qualità dell’assistenza ai pazienti attraverso la stampa 3D. VA Puget Sound sta inoltre utilizzando la tecnologia per aiutare i chirurghi a identificare la dimensione della valvola cardiaca più appropriata per la chirurgia sostitutiva, il che può significare la differenza tra la vita e la morte. L’ospedale sta anche esplorando la stampa 3D come mezzo per creare protesi ortopediche personalizzate per i pazienti che cadono agli estremi della gamma di dimensioni.

“È emozionante vedere questa tecnologia offerta ai veterani attraverso il sistema VA”, ha affermato Houlton. “Il prossimo passo sarà usare la stampante 3D Stratasys per creare strumenti aggiuntivi che ti aiutino con un adattamento ottimale, come le guide di taglio chirurgiche. Il sogno è di stampare 3D in qualsiasi momento l’impianto perfetto con una stampante 3D in metallo ogni volta. “

Be the first to comment on "Stratasys e la stampa delle ossa mandibolare"

Leave a comment