Storia biografia di EOS

EOS è stato uno dei primi pionieri nella tecnologia di fusione laser a letto di polvere (PBF) e attualmente è leader nello spazio, sebbene ci sia un numero crescente di partecipanti. La società è stata fondata da Hans Langer, che in precedenza aveva lavorato come direttore delle operazioni europee presso la società di gestione del raggio laser statunitense General Scanning prima di fondare EOS (Electro Optical Systems) nel 1990.

Per sviluppare il suo concetto di tecnologia di stampa 3D basata su laser, Langer ha ricevuto finanziamenti in capitale di rischio da un ex responsabile dello sviluppo di BMW al fine di soddisfare le esigenze del gigante automobilistico di una stampante 3D SLA. Nel 1991, consegnò la STEREOS 400 alla BMW e iniziò a stabilire un’impronta europea prima di rilasciare la STEREOS 600 e persino di realizzare un profitto solo un anno dopo.

La società tedesca ha continuato a crescere e attirare l’attenzione internazionale in modo tale che, nel suo terzo anno, EOS è stato citato in giudizio da 3D Systems, l’inventore originale di SLA, per violazione di brevetto. Con una mossa interessante, Langer ha venduto il 75 percento delle sue azioni al Zeiss Optical Group, lasciando Zeiss alle prese con la causa e Langer libero di supervisionare lo sviluppo del suo primo sistema di sinterizzazione laser, EOSINT 350.

EOS ha quindi collaborato con Electrolux RD (che alla fine ha acquisito) per sviluppare la sinterizzazione laser diretta in metallo (DMLS), dando vita alla EOSINT M 160. In altre parole, nel corso di soli quattro anni, EOS ha sviluppato SLA, SLS e tecnologia DMLS, ma non si è fermata solo con resine, polvere termoplastica e polvere di metallo. Nel 1995 è stata lanciata la prima stampante 3D sand dell’azienda, EOSINT S 350, basata sul suo sistema di plastica EOSINT P 350, per la stampa di anime e stampi per la fusione di metalli.

Dopo che Carl Zeiss Jena, di Zeiss Optical, lasciò l’attività nel 1997, Langer riacquistò il resto delle sue azioni e alla fine vendette la linea STEREOS SLA a 3D Systems, rilevando al contempo i diritti di brevetto globali per la sinterizzazione laser.

EOS ha continuato a sviluppare la sua tecnologia, diventando la prima a creare una stampante per sinterizzazione laser con due laser per la stampa di sabbia nel 1996 e la plastica nel 2000. Nel processo, la società ha anche creato nuovi materiali per SLS e DMLS, tra cui poliammidi riempite di vetro, rame, acciaio, poliammide caricato con alluminio, CobaltChrome, la prima polvere SLS ritardante di fiamma al mondo e polveri della famiglia dei poliariletereketone (PAEK).

EOS ha inoltre implementato un modello di business interessante durante questo periodo, concedendo in licenza la sua tecnologia DMLS a Trumpf e Concept Laser (ora di proprietà di GE Additive), consentendo così un’ulteriore proliferazione del PBF metallico.

Parti metalliche stampate in 3D con Micro Laser Sintering.

Tra le altre collaborazioni e innovazioni, la società tedesca ha collaborato con Materialise, vedendo SLS e DMLS raggiungere una maggiore adozione attraverso il suo utilizzo negli uffici dei servizi di stampa 3D. Questo significa davvero parte della prima produzione batch distribuita con la stampa 3D. EOS ha inoltre collaborato con 3D-Micromac AG per creare un processo per la stampa 3D di piccole parti metalliche con strati fini fino a 1 µm, che non è mai stato riscontrato nel PBF metallico. EOS ha inoltre stretto una partnership con Cookson Precious Metals Ltd sulla PRECIOUS M 080 per la stampa di metalli preziosi, come l’oro, per l’industria della gioielleria.

Durante tutto questo tempo, DMLS, insieme ad altri tipi di PBF in metallo, è aumentato in adozione e, sebbene sia migliorato, vediamo produttori come EOS che lavorano allo sviluppo di tecniche avanzate di monitoraggio del processo e controllo della qualità. EOS ha ottenuto la certificazione ISO 9001 nel 1998, ma non è stato fino al 2007 che la società ha lanciato il suo software EOSTATE per la garanzia della qualità in-process. Ciò darebbe inizio a una nuova era di lavoro per sviluppare la ripetibilità e il controllo di qualità all’interno del PBF in metallo che continua ancora oggi.

Da quando è entrato nel mercato tre decenni fa , EOS si è trovato circondato da concorrenti che hanno sviluppato le proprie interpretazioni sul PBF metallico e sulla sinterizzazione plastica. All’inizio della sua storia, Arcam è apparso sulla scena con il fascio di elettroni che si scioglieva mentre, più recentemente, Velo3D ha rilasciato una versione altamente controllata di PBF in metallo che sostiene garantisce qualità e ripetibilità, riducendo al contempo la post-elaborazione. Per quanto riguarda SLS, il principale concorrente sul mercato ora è HP con tecnologia Multi Jet Fusion (con la sinterizzazione ad alta velocità per essere sul mercato ogni giorno ora).

EOS rimane chiaramente un leader nello spazio di stampa 3D, ma ci si chiede cosa verrà dopo per l’azienda. Continuerà a saltare in avanti con un’innovazione imprevista o verrà assorbito dal mondo in rapida evoluzione della sinterizzazione di metallo e plastica?

Il sistema Integra P400 di EOS, su cui lavorerà il team di Vulcan Labs.

Sembra che EOS stia puntando alla prima in quanto, di recente, ha lavorato con la società finlandese Etteplan per incorporare effettivamente l’ elettronica in una parte DMLS, precedentemente impossibile con PBF in metallo. Ha inoltre acquisito Vulcan Labs spin-out di Stratasys all’inizio dell’anno, che lavorerà sul sistema Integra P400 di EOS , un approccio aperto e modulare a PBF che presenta un’architettura molto diversa da quella di EOS. E l’integrazione del software di simulazione Additive Works nel suo flusso di lavoro di stampa 3D in metallo dovrebbe tenerlo al passo con i tempi in termini di controllo di qualità. Senza investitori esterni a bordo, EOS è posseduta al 100% dal fondatore dell’azienda. Il futuro è sicuramente brillante per il fondatore e EOS.

Be the first to comment on "Storia biografia di EOS"

Leave a comment