Stock o Stampa? Impatto della stampa 3D sull’industria dei pezzi di ricambio : Jeannette Song e un modello matematico per aiutare le aziende a bilanciare i costi tra la stampa 3D su richiesta e lo stoccaggio

La professoressa Jeannette Song, della Duke University Fuqua School of Business , North Carolina, ha creato un modello matematico per aiutare le aziende a bilanciare i costi tra la stampa 3D su richiesta e lo stoccaggio dei pezzi di ricambio.

Descritto in un documento intitolato ” Stock o Stampa? Impatto della stampa 3D sull’industria dei pezzi di ricambio “ , il modello aiuta a identificare quali parti stampare in 3D quando necessario e quando tenerle a portata di mano.

“Per i servizi di pubblica utilità, quando non si hanno parti di ricambio a portata di mano, si tratta di un’enorme interruzione”, spiega il professor Song. “Devono avere una fornitura affidabile e reattiva di pezzi di ricambio.”

“ TRADIZIONALMENTE UN’AZIENDA IN QUESTA POSIZIONE AVREBBE UN ENORME MAGAZZINO IN OGNI MERCATO. MA ORA LA STAMPA 3D È UN’ALTERNATIVA PRATICABILE, QUINDI HAI DUE OPZIONI. ”

L’ampio spazio di inventario richiesto tradizionalmente dai fornitori di prodotti è costoso e inefficiente. Come spiega Song, “occupa spazio e capitale e vi è il rischio di deterioramento e danni”. Con l’avvento della stampa 3D, i produttori hanno un mezzo per produrre i pezzi di ricambio necessari quando necessario, riducendo quindi lo spazio di inventario.

Grandi aziende come la compagnia ferroviaria tedesca Deutsche Bahn (DB) hanno creato schemi per stampare in 3D i loro pezzi di ricambio e sostituzioni su richiesta . Da allora, DB ha stampato quasi 15.000 pezzi di ricambio e altri prodotti, contribuendo a ottenere risparmi significativi e ridurre i tempi di fermo dei veicoli. La principale azienda ferroviaria europea ha inoltre collaborato con lo sviluppatore di software di stampa 3D 3YOURMIND per costruire un magazzino digitale di pezzi di ricambio .

Angel Trains , una società britannica di gestione del materiale rotabile (ROSCO), si è anche impegnata nella stampa 3D di pezzi di ricambio per treni . Annunciato alla fine del 2018, Angel Trains ha stretto una partnership con la principale stampante OEM OEM Stratasys per stampare in 3D una varietà di parti tra cui un bracciolo, una maniglia e un tavolo dello schienale.

Un potenziale svantaggio della scelta di un inventario digitale al posto di un magazzino fisico è tuttavia il tempo impiegato per la stampa 3D su richiesta. Questa domanda è stata affrontata nella ricerca del professor Song.

Stampa 3D o non stampa 3D?

Per risolvere questo dilemma, Song ha identificato un approccio ibrido come il metodo migliore per conservare i pezzi di ricambio, in cui le aziende hanno alcuni pezzi a portata di mano, mentre le stampe 3D le altre solo quando necessario. L’approccio è considerato ottimale da Song per la maggior parte delle aziende, poiché l’abbandono di tutto l’inventario delle parti di ricambio presenta un rischio elevato e la stampa 3D di alcune parti su richiesta può far risparmiare molto denaro. “Se operi su larga scala, devi comunque tenere l’inventario a portata di mano”, aggiunge Song. “Ma un po ‘di flessibilità fa molta strada.”

Il suo modello matematico è stato sviluppato per aiutare le aziende a determinare esattamente quali parti dovrebbero stampare in 3D e quali già immagazzinate. Song ha basato il modello su un produttore di apparecchiature che entrava in un nuovo mercato internazionale, in quanto avrebbe fornito alle società di servizi ricambi senza infrastrutture. L’industria delle utility è stata identificata come una base perfetta per il modello perché si basa su una forte domanda e offerta di pezzi di ricambio. In caso di mancanza di corrente o guasti alle parti, sono necessarie rapidamente parti di ricambio per mantenere o ripristinare l’assistenza.

Il modello di Song è in grado di calcolare quali parti di ricambio sono necessarie più frequentemente e quante dovrebbero essere conservate in magazzino, a seconda del contesto. Fornisce inoltre consulenza sulle parti che non diminuiscono la capacità dell’azienda di funzionare in modo efficace e possono quindi permettersi di essere stampate in 3D su richiesta. “La grande decisione è come razionalizzare tutte queste parti, quali conservare e quali stampare”, conclude Song.

“NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI SCOPRIAMO CHE UNA STAMPANTE 3D NON VERREBBE UTILIZZATA MOLTO, MA L’AZIENDA RISPARMIA UNA GRANDE QUANTITÀ DI INVENTARIO”.

L’articolo discusso in questo articolo è stato pubblicato sulla rivista Management Science ed è una collaborazione tra il professor Song e Yue Zhang, ora professore associato presso la Pennsylvania State University (PSU), che ha condotto la ricerca mentre guadagnava il suo dottorato di ricerca. presso la Fuqua School of Business. “ Stock o Stampa? Qui è possibile accedere all’impatto della stampa 3D sull’industria dei pezzi di ricambio ”.

Be the first to comment on "Stock o Stampa? Impatto della stampa 3D sull’industria dei pezzi di ricambio : Jeannette Song e un modello matematico per aiutare le aziende a bilanciare i costi tra la stampa 3D su richiesta e lo stoccaggio"

Leave a comment