Steven Naifeh stampa in 3D sculture di rose del deserto alte 3 metri e mezzo per il Museo d’Arte Eskenazi

Steven Naifeh, prolifico artista e autore, ha recentemente collaborato con il servizio di stampa 3D i.materialise per dare vita a una scultura alta 12 piedi che ha progettato per il Museo di Belle Arti Eskenazi dell’Università dell’Indiana. Il pezzo, che è stato stampato in 3D utilizzando la tecnologia di sinterizzazione laser, è ispirato alle rose del deserto, un fenomeno naturale che si verifica negli ambienti desertici quando i minerali si raggruppano in modo simile a un fiore.

Naifeh ha creato l’arte in modo professionale per circa 15 anni, ma la sua passione per l’arte risale a quando era un bambino, viaggiando per il mondo con i suoi genitori, che lavoravano nel servizio estero degli Stati Uniti. Il suo tempo trascorso a vivere e viaggiare in Medio Oriente ha ispirato gran parte del suo lavoro nel corso degli anni e le rose del deserto sono state una specifica fonte di ispirazione per qualche tempo.

All’inizio del 2019, Naifeh è stato avvicinato dal Museo d’Arte Eskenazi, che gli ha commissionato la progettazione di una scultura su larga scala per il suo nuovo atrio. Lo spazio richiedeva un pezzo alto e il museo suggeriva di essere interessati a una forma ispirata alla rosa del deserto. Con questi due elementi in mente, Naifeh ha iniziato a lavorare creando una struttura a petali sovrapposta.

“Volevo che i petali non si adattassero solo piatti, uno sopra l’altro, ma cambiassero direzione e dimensione”, ha detto l’artista. “Anche se hanno dovuto impilarsi per motivi strutturali, volevo che sembrassero rotanti, in modo che avessero una sorta di effetto ciclone, per dare al lavoro un senso di movimento. C’è stato un sacco di attento riaggiustamento degli angoli per creare questo senso di equilibrio e dinamismo. “

Naifeh ha progettato l’alta scultura utilizzando CAD, tenendo conto di vari fattori, tra cui lo spessore variabile dei petali e i diversi angoli dei petali, mantenendo una colonna vertebrale attorno alla quale i petali potevano muoversi. A causa delle dimensioni del pezzo – 12 piedi di altezza – l’artista doveva anche considerare l’integrità strutturale, per assicurarsi che il pezzo potesse reggersi da solo.

Ha spiegato: “Oltre a tutte le sfide artistiche, c’erano molte sfide tecniche per separare i petali in modo che l’asta interna non fosse visibile. Era inoltre necessario che vi fosse una superficie di accoppiamento tra ciascuna sezione abbastanza grande da soddisfare i requisiti di integrità strutturale dell’ingegnere. Non volevamo che la cosa crollasse! ”

Alla fine, la scultura del deserto di rose è stata stampata in 3D in collaborazione con i.materialise, che utilizzava la sinterizzazione laser e un materiale poliammidico forte ed estetico. Con una scadenza abbastanza breve – la scultura doveva essere installata da una cerimonia di taglio del nastro il 6 novembre – i.materialise è stata in grado di stampare i petali in sole tre settimane.

La scultura discreta ma efficace si trova ora in un angolo del nuovo edificio del Museo d’Arte Eskenazi, dove attira lo sguardo verso l’alto e incarna l’intersezione tra natura, arte e tecnologia.

Be the first to comment on "Steven Naifeh stampa in 3D sculture di rose del deserto alte 3 metri e mezzo per il Museo d’Arte Eskenazi"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi