Steven Keating studente del Mit batte il suo cancro al cervello con la stampa in 3d e rende open tutte le sue cartelle cliniche

Studente del MIT batte il cancro, condividendo  i suoi dati e le esperienze con modelli digitali e delle stampe 3D

Per apire come la stampa 3d   stia rivoluzionando l’industria medica, basta dare uno sguardo alle notizie che arrivano di giorno n giorno ormai. . Tra le nuove tecnologie di stampa 3D che stanno rendendo il lavoro più facile e più veloce per i  medici è quello della scansione e stampa  del modello per lo studio del pre-intervento chirurgico. Recentemente, un paziente ha adottato questi metodo utilizzato da medici professionisti  quando gli è stata  diagnosticata una condizione potenzialmente pericolosa per la sua vita.

Steven Keating, uno studente di dottorato di 26 anni al Massachusetts Institute of Technology Media Lab di Boston aveva fatto una scansione del cervello quando aveva 18 anni per curiosità. La scansione aveva  evidenziato una lieve anomalia, ma non c’era nulla di cui preoccuparsi, gli era stato detto. Dopo alcuni problemi con le sue capacità olfattiva  – si fece fare  una risonanza magnetica dai chirurghi del MIT I quali trovarono un risultato devastante: un tumore delle dimensioni di una palla da tennis nel suo cervello.

Tre settimane più tardi, Keating ha subito un intervento chirurgico di 10 ore presso il Brigham and Women Hospital di Boston accompagnato dai suoi amici e familiari. L’intervento è stato eseguito dal neurochirurgo E. Antonio Chiocca, e anche se sedato Keating, è stato tenuto sveglio mentre il tumore è stato rimosso per assicurare che il medico  non danneggiasse e il centro linguistico nel suo cervello.

Durante la diagnosi e subito dopo, Keating ha lavorato per  ottenere tutte le  informazioni mediche del suo caso  – si stima che abbia visionato 70 gigabyte  di informazioni nel tentativo di capire meglio la sua condizione.

Keating come studente sia in ingegneria meccanica e sia in  biologia sintetica ha delle nozioni di stampa 3d  è membro MIT Media Lab’s Mediated Matter Group  e questo lo ha portato a guardare più in profondità verso nuovi modi di visualizzare la sua condizione e la condivisione con gli altri dei dati open source.

Con il fascino personale dovuto alla  sua condizione unita alla sua esperienza e nella gestione dei dati e e della stampa 3d , Keating ha sfruttato la sua condizione e ha creato modelli digitali  stampati in  3D del suo tumore, del cervello e del cranio chirurgicamente riparato per  di condividere la sua esperienza con gli altri e forse più importante, ispirare una nuova generazione di individui a perseguire un percorso simile con le loro condizioni mediche.

“A causa di tale connessione, ho avuto nuove opzioni,” ha detto Keatin. “Ho chiesto che l’intervento chirurgico fosse videoregistrato ”

“La storia di Steven è così stimolante in parte perché si avvicina al suo cancro come un problema scientifico, e si mette attivamente a cercare i dati di cui ha bisogno per risolvere il problema”, ha detto Tyler Jacks, direttore dell’Istituto Koch e il David H. Koch Professore presso il Dipartimento di Biologia di MIT. “Dopo aver ascoltato la sua storia, penso che tutti noi erano motivati ​​a tornare in laboratorio.”

Anche se molti avrebbero comprensibilmente preferito mantenere le loro cartelle cliniche private , la  ferma convinzione di Keating nel rendere cartelle cliniche open source nasce dalla sua esperienza reale di crowdsourcing per raccogliere quante più informazioni possibili.

Aprendo sua cartella clinica, egli è essenzialmente invita il mondo non solo ad aiutare a capire meglio la sua condizione, ma anche di ad aiutare altri con condizioni simili a meglio comprendere la loro diagnosi. Anche se è principalmente limitata alla propria esperienza di Keating, si può solo immaginare che cosa sarebbe   tra dieci anni se milioni di persone rilasciassero le proprie informazioni mediche in forma di video, immagini e dati 3D.

Per  della dedizione di Keating a rendere i dati sanitari accessibili a tutti , è stato invitato alla Casa Bianca per la inaugurazione del presidente Barack Obama della Precision Medicine Initiative nel mese di gennaio di quest’anno.

Ora, sette mesi dopo l’intervento chirurgico, Keating è libero dal tumore anche se sta seguendo un ciclo di chemioterapia.

Be the first to comment on "Steven Keating studente del Mit batte il suo cancro al cervello con la stampa in 3d e rende open tutte le sue cartelle cliniche"

Leave a comment