Stamparsi in 3d la lampada da tavolo di Tesla

Quando guardiamo indietro nella storia ad alcuni degli inventori più importanti degli ultimi decenni, un uomo  ha dato un grande  contributo allo sviluppo tecnologico. Quell’uomo è Nikola Tesla, e uno dei suoi mentori (e rivali) era un altro inventore ben noto, di nome Thomas Edison. Tesla è responsabile del brevetto e della progettazione del sistema di alimentazione elettrica a corrente alternata. Se non fosse stato per lui, la maggior parte dei nostri dispositivi elettronici non sarebbe qui oggi come li conosciamo.

A volte mi chiedo cosa Tesla avrebbe inventato  se fosse vivo ancora oggi. Che cosa avrebbe pensato dei super computer, degli smartphone, dei tablet, e delle luci a LED? Quale sarebbe la sua reazione alla stampa 3D ?

Purtroppo Tesla è morto 72 anni fa, e non ha mai avuto l’opportunità di vedere una stampante 3D. Tuttavia, un uomo, di nome David Choi, ha preso alcuni dei contributi di Nikola Tesla e li ha combinati  con la stampa 3D.

“La vita e gli esperimenti di Nikola Tesla mi hanno sempre incuriosito, dopo aver visto le Bobine di Tesla   che accendono lampadine fluorescenti e incandescenti, senza fili, ero affascinato. Ho anche chiamato il mio gatto Tesla “.

Choi ammette di aver fallito con la fisica al liceo, ma poi ha deciso di perseguire per conto suo. Si è laureato in fisica alla Wesleyan University, ma nel tempo libero ha studiato progettazione elettronica nella sua stanza del dormitorio. La fisica gli ha insegnato la straordinaria potenza della risonanza.

A causa del suo amore per Tesla, Choi ha voluto creare qualcosa utilizzando la moderna tecnologia di stampa 3D di oggi, sulla base delle  invenzioni scoperte da Tesla. La sua creazione,  è la ‘wireless Powered Tesla Desk Lamp,’ ed è un pezzo unico.

Stampata  sulla sua  MakerBot Replicator , la lampada funziona a 6,5 ​​MHz, ed è ottimizzata per alimentare un lampadina di Tesla  d’ epoca da 25W .

“Il design è iniziato con la base della lampada, che è la parte più critica,”  ci dice choi . “Si compone di due bobine separate che sono accoppiate induttivamente tra di loro. Una bobina ha una forma a spirale ed è capacitivamente caricata e sintonizzata in risonanza. La seconda bobina è semplicemente un ciclo che segue la circonferenza dell’ induttore a spirale. Stampare in 3d  la base ha reso la mia vita incredibilmente facile. Ho eseguito i calcoli per creare un induttore  . Poi tutto quello che dovevo fare era il tubo da 1/8  di rame nella forma a spirale . Il resto della lampada, dalle gambe alla parte superiore hanno  caratteristiche geometriche che si presentano nel circuito. E ‘stato puramente estetico, compresa la  lampadina commemorativa utilizzata da Tesla  . ”

La lampada ha quattro bobine che usa, e la potenza viene trasferita induttivamente attraverso l ‘accoppiamento magnetico. La prima bobina è la bobina di trasmissione primaria, e trasmette potenza alla bobina di ricezione secondaria che memorizza grandi quantità di potenza reattiva quando è sintonizzata in risonanza. La terza bobina è la  bobina a spirale  che è pure sintonizzata in risonanza. La quarta bobina è l’anello singolo che preleva il campo magnetico oscillante della terza bobina, a sua volta alimenta la lampadina di 6.5MHz.

Le bobine sono tutte realizzati con una varietà di tubo di rame, e il trasmettitore è stato costruito utilizzando un MOSFET RF doppio (MRF150).

Per coloro che sono interessati a creare la propria lampada Tesla  , è possibile scaricare i file STL per le parti  stampate in 3d  su Thingiverse.

Be the first to comment on "Stamparsi in 3d la lampada da tavolo di Tesla"

Leave a comment