Stampare in 3d il cranio del dinosauro più famoso del Sudafrica il Massospondylus

Un ricercatore dell’Università di Witwatersrand a Johannesburg, in Sudafrica, si è dedicato alla scansione 3D e alle tecnologie di stampa 3D per ricreare e studiare digitalmente il teschio del dinosauro più famoso del paese: il Massospondylus.

La ricerca sul dinosauro di 200 milioni di anni fa è guidata  dottorando Kimi Chapelle, specializzato in studi evolutivi. Attraverso una collaborazione con la struttura MicroFocus CT della sua università, ha acquisito una scansione 3D molto dettagliata del cranio del Massospondylus che le ha permesso di apprendere nuove cose sulle specie estinte.

Fortunatamente per tutti noi, Chapelle ha anche reso pubbliche le scansioni 3D nel tentativo di incoraggiare la ricerca sui dinosauri in tutto il mondo. La scansione 3D accessibile significa anche che gli appassionati di dinosauri sono invitati a stampare in 3D le proprie copie del cranio di Massospondylus per la ricerca o solo per divertimento.

All’interno della ricerca di Chapelle, la scansione 3D del cranio del dinosauro le ha permesso di studiare la struttura del cranio e di imparare cose mai conosciute riguardo all’udito del Massospondylus e agli organi dell’orecchio interno, ai denti e altro.

Il dinosauro stesso, che esisteva circa 200 milioni di anni fa, fu scoperto per la prima volta in Sud Africa nel 1854 dal paleontologo Sir Richard Owen. Da allora, i fossili di Massospondylus sono stati scoperti in tutto il Sudafrica, rendendo la specie una delle più famose della regione.

Secondo Chapelle,  il particolare cranio  non è mai stato sottoposto a uno studio approfondito. In altre parole, la sua ricerca segna una svolta per ciò che sappiamo sul Massospondilo.

“Sono rimasto stupito quando ho iniziato a ricostruire digitalmente il cranio del Massospondylus e ho trovato tutte queste caratteristiche che non erano mai state descritte”, ha detto il ricercatore. “Ciò dimostra che i ricercatori hanno ancora molto da imparare sui dinosauri del Sud Africa”.

Le scoperte che Chapelle ha fatto sul cranio del Massospondylus comprendono l’intuizione di come i nervi del cranio avrebbero potuto essere collegati in rete e di come l’orecchio interno e medio del dino fossero collegati l’uno all’altro. Nota anche che il dinosauro aveva denti di ricambio, simili a un coccodrillo e che il cranio in questione non era completamente fuso insieme, il che significa che il dinosauro non era completamente cresciuto.

“Confrontando l’orecchio interno con quello di altri dinosauri, possiamo provare e interpretare cose come il modo in cui tenevano la testa e come si muovevano”, ha spiegato Chapelle. “Si possono effettivamente vedere piccoli denti di ricambio nelle ossa delle mascelle, mostrandoci che il Massospondylus ha continuamente sostituito i denti, come fanno i coccodrilli, ma a differenza degli umani che possono farlo solo una volta.”

“Inoltre, il fatto che le ossa della scatola cranica non siano completamente fuse significa che questo particolare fossile è quello di un individuo che non è ancora completamente sviluppato. Questo ci permette di capire come è cresciuto Massospondylus, quanto è cresciuto velocemente e quanto potrebbe crescere “, ha aggiunto il ricercatore.

La ricerca attuale di Chapelle è stata pubblicata in un recente numero della rivista PeerJ . Chapelle aggiunge che continuerà a utilizzare la scansione CT e 3D per saperne di più su altri fossili di Massospondylus che sono stati trovati nella regione. “Userò scansioni di altri campioni per rispondere a nuove domande”, ha detto “Ad esempio, in che modo i bambini di Massospondylus di peso inferiore a 100 g crescono fino a diventare adulti da mezza tonnellata?”

Nell’ambito della paleontologia e dei campi correlati, le tecnologie di scansione 3D e di stampa 3D assumono un significato sempre maggiore. La scansione 3D si è rivelata particolarmente fruttuosa per la ricerca sui dinosauri, poiché fornisce un metodo non invasivo per catturare digitalmente modelli dettagliati e accurati di antichi fossili, consentendo agli specialisti di studiare i fossili senza il rischio di danneggiare gli originali.

Altrove, la scansione e la stampa 3D sono state utilizzate per studiare il modo in cui il massiccio Tyrannosaurus Rex si è evoluto , aiutato nella scoperta del dinosauro più grande del mondo , e sono stati usati per ricreare un modello a grandezza naturale in 3D del Titanosaur per il Museo Americano di New York. Storia Naturale.

Be the first to comment on "Stampare in 3d il cranio del dinosauro più famoso del Sudafrica il Massospondylus"

Leave a comment