Stampa 3d di orecchie umane su topi

I ricercatori dell’Università cinese del Sichuan hanno sviluppato un processo che consente loro di stampare forme di parti organiche nel corpo e farle crescere. Hanno testato con successo il loro metodo per la prima volta su un topo , che hanno premuto un orecchio umano sotto la schiena. Tra le altre cose, la procedura dovrebbe facilitare il trattamento di persone con gravi malformazioni di orecchie, naso, dita e altre parti del corpo facilmente accessibili.

Gli scienziati di tutto il mondo stanno studiando modi per aiutare le persone a utilizzare la stampa 3D per sostituire organi o articolazioni malati o feriti. Questo è già stato spesso raggiunto. Come nel caso del trapianto dell’orecchio medio in Sudafrica l’anno scorso. Tuttavia, tali operazioni invasive sono spesso associate a un rischio di infezione. Il ricercatore Maling Gou dell’Università cinese del Sichuan ha ora stampato con successo una parte del corpo nel corpo dei topi nel corpo insieme ai suoi colleghi, come riporta la rivista specializzata “New Scientist” . I risultati del lavoro sono stati pubblicati con il titolo “Bioprinting 3D in vivo non invasivo” .

La procedura
Gou e il suo team hanno iniettato un bio-inchiostro fatto di particelle di idrogel e cellule di cartilagine nella parte posteriore dei topi. Quindi hanno trasmesso sull’inchiostro motivi a forma di orecchio di luce infrarossa. Le particelle di idrogel sono state incollate insieme dalla luce e sviluppate strato per strato in una struttura a forma di orecchio. Le cellule della cartilagine si sono formate attorno alla struttura dell’idrogel. I topi non hanno avuto particolari infiammazioni o effetti collaterali dopo aver usato la tecnica.


Adatto anche per altre aree?
Secondo i ricercatori, questa tecnica potrebbe consentire di stampare in 3D nuove orecchie o altre parti del corpo nell’uomo senza la necessità di un intervento chirurgico. Finora, parti del corpo come costole, spine e altri sono state stampate all’esterno del corpo. L’impianto successivo comportava sempre un certo rischio.

Rappresentazione dell’orecchio e risultati

I ricercatori sperano di aver trovato un metodo che può aiutare le persone con microtia. La malattia impedisce alle orecchie di svilupparsi correttamente. È anche concepibile utilizzare la tecnica di stampa 3D non chirurgica per riparare la cartilagine danneggiata nel naso, nelle dita, nelle dita dei piedi o dei gomiti, afferma Derek Rosenzweig della McGill University in Canada. Il metodo non è molto utile per i difetti della cartilagine dell’anca e del ginocchio, poiché la luce nel vicino infrarosso penetra normalmente nel corpo di circa 2 centimetri.


Più piani
Gou e il suo team hanno in programma di adattare la tecnologia per riparare organi danneggiati come il cuore o i polmoni. Tuttavia, questo diventa più difficile perché il cuore e i polmoni contengono più tipi di cellule, si trovano più in profondità nel corpo e si contraggono e si rilassano costantemente, afferma Rosenzweig. Nel progetto PolyKARD, Fraunhofer IAP sta lavorando su polimeri biometrici per applicazioni di stampa 3D per supportare il cuore.

Be the first to comment on "Stampa 3d di orecchie umane su topi"

Leave a comment