Stampa 3D del femore prossimale : le sue implicazioni nel campo dell’antropologia forense e della bioarcheologia di Myriah Adonia Jo Allen

La studentessa di tesi Myriah Adonia Jo Allen ( Università del Montana ) discute non solo le implicazioni della scansione 3D e della stampa 3D in generale, ma, più specificamente, quanto sia importante per la tecnologia della stampa 3D un elemento come un femore prossimale destro per antropologi e bioarcheologi – e se possono davvero essere fabbricati in modo identico. Le scoperte del ricercatore sono delineate nella ” Stampa 3D del femore prossimale prossimale “, recentemente pubblicata : le sue implicazioni nel campo dell’antropologia forense e della bioarcheologia . “

La conservazione delle reliquie e delle collezioni scheletriche è un processo che viene continuamente perfezionato con nuove tecniche e tecnologie. L’autore esprime profonda preoccupazione per la sicurezza dei resti scheletrici, specialmente dopo le catastrofi del Museo Nazionale del Brasile e della cattedrale di Notre Dame, con incendi che causano grandi perdite.

“Nei prossimi decenni, molti resti scheletrici provenienti da tutto il mondo saranno rimossi da varie raccolte e saranno poi restituiti ai richiedenti o messi dove non è possibile toccarli. Ciò si traduce in un minor numero di forniture che possono essere utilizzate per scopi di ricerca; pertanto, è necessario conservare le informazioni dai resti in tutti i modi possibili prima che possano essere restituiti o danneggiati “.

In questo studio di tesi, Allen ha esaminato 18 diverse estremità femorali prossimali destra ottenute dal Forensic Anthropology Center presso la Texas State University . Riferendosi alla ricerca passata nella replica dei resti scheletrici, l’autore sottolinea che una varietà di materiali diversi sono stati usati negli anni con una buona accuratezza; in effetti, alcuni sono stati abbastanza buoni da poter essere usati in aula, dando alle giurie la possibilità di ispezionare copie delle prove e fornendo agli analisti e ai laboratori forensi una nuova risorsa tecnologica su cui fare affidamento.

La tecnologia 3D ha aggiunto anche un interessante impulso all’archeologia biologica, in una gamma di mostre, musei e istituzioni di apprendimento. Uno dei maggiori vantaggi oggi è che i visitatori di musei e altri appassionati possono toccare le repliche stampate in 3D senza minacciare l’integrità di oggetti che potrebbero essere antichi ed estremamente fragili. Gli archeologi e gli studenti possono anche divertirsi con opere delicate senza metterle in pericolo.

I femori coinvolti nello studio erano composti da un “set di dati misti”, con poco deterioramento. Allen ha scelto di studiare quest’osso per quanto riguarda la stampa 3D perché così tanti dati possono essere presi da questa piccola area. Utilizzando calibri e nastro di misurazione, Allen ha preso 11 serie di misurazioni per ogni femore nello studio, come segue:

Diametro della testa massima
Diametro subtrocanterico antero-posteriore (sagittale) (M2)
Diametro subtrocanterico mediale-laterale (trasversale) (M3)
Circonferenza della testa
Circonferenza del collo
Lunghezza del collo superiore
Diametro del collo antero-posteriore
Diametro del collo superiore-inferiore
Piano obliquo coronale / lunghezza epifisaria superiore
Misura della lunghezza della cresta intertrocanterica
Indice Platymeric
Gli elementi sono stati quindi sottoposti a scansione e convertiti per la stampa 3D su MakerBot , utilizzando il PLA. Una volta rimossi i materiali di supporto, Allen li misurò, confrontandoli con gli originali e analizzando eventuali differenze o errori, notando che “un eccitante ritrovamento” come comparato con la Tabella 2 e la Tabella 3, c’erano solo piccole differenze – di pochi millimetri.

“Anche se si sono verificate alcune differenze, molto probabilmente a causa di un errore intraosservatore, questo metodo mostra una significatività statistica per poter essere utilizzato per la precisione. Tuttavia, durante l’analisi non è possibile visualizzare un tasso di errore costante. Pertanto, questo metodo ha dimostrato di essere un metodo utile per i campi dell’antropologia forense non solo in termini di presentazione a una giuria, ma anche in termini di esame. Per quanto riguarda la bioarcheologia, questo metodo può anche essere utile in termini di conservazione dei resti archeologici che sono attualmente esposti in molti paesi del mondo “, ha concluso l’autore.

Be the first to comment on "Stampa 3D del femore prossimale : le sue implicazioni nel campo dell’antropologia forense e della bioarcheologia di Myriah Adonia Jo Allen"

Leave a comment