Sprybuild la tecnologia CPWC e la stampante 3D DLP più veloce al mondo

Sprybuild sviluppa le stampanti 3D DLP più veloci del mondo grazie alla tecnologia CPWC
La start up ucraina  di stampa 3D Sprybuild ha sviluppato e presentato un brevetto per una nuova tecnologia di stampa continua DLP 3D denominata CPWC (Produzione continua con trasformazione Wavefront). L’azienda dice che la tecnologia potrebbe essere utilizzata per costruire le più veloci stampanti 3D DLP nel mondo.

È un fatto noto che se si intende far diventare  il tuo marchio un innovatore nel mondo della produzione degli additivi, c’è bisogno di un acronimo per la nuova tecnologia di stampa 3D. Le aziende come Carbon, Rize e Impossible Objects hanno rispettosamente rispettato i consigli con CLIP, APD e CBAM rispettivamente e ora  Sprybuild è entrato nell’elenco delle aziende che corrono per catturare la vostra attenzione con le iniziali della nuova tecnologia.

La tecnologia di Sprybuild, presentata  come “un approccio rivoluzionario per superare la principale contraddizione tecnica di costruire prodotti da un fotopolimerizzatore liquido”, è una forma di stampa 3D DLP denominata Produzione continua con Converting Wavefront, o CPWC. Funziona ridistribuendo l’energia di radiazione nello strato microscopico dell’area di costruzione e può stampare oggetti a velocità fino a 10 mm al minuto.

La tecnologia ha anche altri vantaggi. Per esempio, Sprybuild dice che la sua tecnologia CPWC può essere utilizzata per stampare in 3D tutti i liquidi fotopolimerizzabili, anche miscele complesse di materiali utili. “I liquidi fotocurabili possono contenere ingredienti aggiuntivi”, dice il CEO di Evgeniy Ivanov. “Ad esempio in forma di nano e microparticelle, riempitivi, coloranti, microfibre, ferromagnetiche, paramagnetiche, metalli, luminofori, possono essere vari tipi di riempitivi organici, cioè farmaci e microcapsule”.

Sprybuild sostiene che la tecnologia CPWC è diversa da qualsiasi altra sul mercato della stampa 3D, si basa sulla “trasformazione del fronte d’onda della radiazione attinica (capace di proteggere dall’azione della luce i materiali fotosensibili) “, che forma una proiezione dell’oggetto stampato direttamente nell’area di costruzione. La tecnologia prevede, infatti, un migliore rilassamento delle sollecitazioni residue nei prodotti formati, oltre a offrire un volume di costruzione più grande rispetto ai processi di stampa tipici della resina.

L’azienda suggerisce che la tecnologia di stampa 3D CPWC potrebbe essere utilizzata per produrre una vasta gamma di oggetti, tra cui i contenitori per dispositivi elettronici, gli stampi, le ruote dentate, i fissaggi di montaggio, i tubi, i pezzi decorativi e altro ancora. Inoltre, la tecnologia potrebbe certamente trovarsi di casa nel mondo medico, dove potrebbe essere utilizzata per realizzare apparecchiature come stent, matrici a microaghi, fibre ottiche e altri dispositivi.

A lungo termine, Sprybuild pensa anche di poter affrontare il bioprinting, dato che i singoli pixel del sistema di stampa possono essere molto più piccoli di quelli dei normali proiettori DLP e LCD.

Un prototipo della prima stampante 3D di Sprybuild è attualmente in fase di dimostrazione al pubblico alla edizione 2017 della conferenza TechCrunch   Disrupt SF a San Francisco, 18-20 settembre.

 

 

Be the first to comment on "Sprybuild la tecnologia CPWC e la stampante 3D DLP più veloce al mondo"

Leave a comment