Sponge il bikini ultra chic stampato in 3d che come una spugna pulisce l’inquinamento dei mari una idea di Mihri Ozkan e suo marito, Cengiz

Ultra-Chic il bikini stampato in 3d che pulisce l’Oceano
Mihri Ozkan e suo marito, Cengiz, non sono i tipici stilisti di moda. In realtà, non sono propriamente degli stilisti, ma hanno recentemente creato un costume da bagno sorprendentemente elegante che è destinato a fare molto di più che coprire il corpo di chi lo indossa. Questo costume da bagno stampato parzialmente in 3D è progettato per pulire l’acqua in cui è immerso.

Gli Ozkans hanno progettato il bikini Sponge Suit non come fine a sé stesso , ma per  mostrare il materiale di cui è composto. Sembra un normale bikini spugna che assorbe l’acqua, ma il materiale della muta è realizzato in modo tale da  respingere l’acqua mentre fa il suo lavoro, che è quello di depurare l’acqua dalle sostanze inquinanti.

La dottoressa . Mihri Ozkan è un professore di ingegneria elettrica e un docente che ha collaborato col programma di  Bioingegneria, Chimica e Scienza dei Materiali  presso l’Università della California di Riverside. Quando la dottoressa  Ozkan non sta concependeo dei modi ingegnosi per ripulire gli oceani inquinati , le sue attività di ricerca sono dirette , secondo la sua pagina sul sito della UC Riverside  a focalizzare  lo sviluppo su  scala industriale di batterie condensatori e sistemi di accumulodi nuova generazione.

Mentre suo marito, Cengiz che è anche un professore di Ingegneria Elettrica al Bourns College of Engineering presso UC Riverside, e due studenti di dottorato, Daisy Patino e Hamed Bay, hanno creato il materiale spugnoso e il bikini spugna Completo, che ha vinto di recente primo premio al Reshape15: concorso di tecnologia indossabile Wearable Tecnologia Concorso.

Il materiale di cui è fatto la costume da bagno eco-consapevole che si chiama,  non a caso ” spugna ” Sponge Suit . In particolare, è progettato per ripulire i residui chimici e ilò petrolio fuoriusciti in mare  e anche per desalinizzare l’acqua. E ‘un materiale estremamente poroso di carbonio che, oltre a immergersi nelle tossine è idrorepellente, è sorprendentemente leggero e flessibile. Si guadagna il suo nome visto che, incredibilmente, può assorbire più o meno ( varia in base alla densità di tutto ciò che sta assorbendo) 25 volte il suo peso.

“Questo è un materiale eccellente”, ha spiegato la dottoressa  Ozkan, “che non è dannoso per l’ambiente e molto redditizio per la produzione.”

Mentre l’idea della  spugna è della dottoressa Ozkan e del suo team, la nozione di Suit Sponge deve essere accreditata a Eray Carbajo, un architetto e designer di Istanbul con studio anche a   New York  . La dottoressa  Ozkan e il suo team hanno lavorato con il laboratorio Inanc Eray, di Gonzalo Carbajo, per sviluppare la Suit spugna in un disegno da stampare in 3D caratterizzato da un movimento a onde.

Come per il processo di stampa 3D, essi elaborati:

“La quantità di filler e l’assegnazione sono stati identificati creando diversi alternative di progettazione, considerando la forma e l’ergonomia del corpo umano, spingendo i limiti di progettazione de costumi da bagno  traslucidi.”

Il bikini Spugna èultra-chic ed è costituito da una plastica flessibile stampata  in 3d a frame di “elastomero” con un inserto spugna. L’intero bikini pesa solo 1,9 once o 54 grammi e  il materiale ha uno spessore di soli 2mm . Il materiale può   essere usato 20 volte prima che cominci perdere la sua capacità di assorbire gli agenti inquinanti, che finiscono nel materiale e non entrano mai in contatto con la pelle di chi lo indossa

Sorprendentemente, il materiale spugnoso non rilascia le tossine assorbite a meno che non sia sottoposto a temperature superiori ai 1000 ° C .  Va da sé che per un calore così elevato l’inquinamento è l’ultimo dei problemi per la pelle.
Costume da bagno a parte, il materiale spugnoso non sarebbe particolarmente costoso da produrre in grandi quantità. Secondo il team della Dottoressa Ozkan, “il principale precursore” per la creazione del materiale è lo zucchero. Il costo per grammo di spugna è “di circa 15 centesimi, un costo riducibile se prodotto in quantità .”

“Questo progetto può essere sviluppato in diversi allestimenti: costumi da bagno, mayokini, cuffie da nuoto. Riprogrammabilità, riciclabilità e convenienza sono le proprietà interessanti della tecnologia, che consentono spazio per una ulteriore ricerca nello sviluppo delle tecnologie pulite e pulenti indossabilo. Il nostro obiettivo è un futuro in cui tutti, con qualsiasi forma entre nuotano puliscano i mari.

 

Be the first to comment on "Sponge il bikini ultra chic stampato in 3d che come una spugna pulisce l’inquinamento dei mari una idea di Mihri Ozkan e suo marito, Cengiz"

Leave a comment