SpineBox di Anatomics

Test anatomici 3D SpineBox stampato con 129 pazienti

L’Australiana Anatomics è stata leader nella stampa 3D per l’assistenza sanitaria molto prima che tale tecnologia colpisse il mainstream, guadagnando l’attenzione del pubblico in tutto il mondo. Il fondatore Dr. Paul D’urso, neurochirurgo di Epworth Healthcare , è stato coinvolto nella ricerca sulla stampa 3D sin dagli anni ’90 e ha iniziato a utilizzare la fabbricazione digitale fin dal 1995.

Di recente, 129 pazienti hanno beneficiato dell’utilizzo dello SpineBox stampato in 3D. Creato per stabilire nuovi standard di efficienza e qualità nelle procedure di fusione spinale, il kit stampato in 3D è alla base della semplificazione della chirurgia della fusione lombare.

“SpineBox è una tecnologia dirompente che facilita la comunicazione, la pianificazione, l’educazione e il consenso informato per fornire efficienza e qualità nella chirurgia spinale”, ha affermato Paul D’Urso. “Facilitando la pianificazione e la chirurgia, SpineBox elimina la necessità di attrezzature complesse in sala operatoria.

“Incorporando le metriche nel processo, SpineBox consente la convalida e la verifica di efficienza e qualità.”

Guida stereotassica della pelle abbinata alla guida Jamshidi.

Divaricatore tubolare SpineBox specifico per paziente e dilatatori sequenziali di tessuti.

Il team di Anatomics integra i dati CT con il loro software di pianificazione personalizzato, ottenendo un BioModello completo della colonna vertebrale del paziente, un divaricatore muscolare e un modello anatomico di SpineGuide. Le piastre di titanio sono necessarie per l’assistenza ai pazienti e vengono consegnate alla struttura medica prima che si verifichi qualsiasi procedura.

In un recente comunicato stampa, il team di Anatomics spiega che questi strumenti medici stampati in 3D facilitano quanto segue:

Decompressione nervosa
Impianto a gabbia di fusione
Accurato completamento del costrutto spinale
“Le specifiche pre-pianificate per il costrutto spinale possono essere mappate nel dorso osseo dalla superficie della pelle usando il modello SpineGuide e i fili di Kirschner, con una radiografia minima. Una volta schierati, i fili di Kirschner forniscono una ferrovia per tutta la strumentazione successiva. Il divaricatore muscolare SpineTube è fabbricato per abbinare la pelle alla profondità della colonna vertebrale, quindi viene temporaneamente fissato sulla colonna vertebrale con un inserto e una vite di bloccaggio. L’inserto unico funge anche da guida per l’osteotomia ”, spiega il comunicato stampa di Anatomics.

Anche un articolo di Ganesha K. Thayaparan, Mark G. Owbridge, Matthew Linden, Robert G. Thompson, Philip M. Lewis e Paul S. D’Urso sono stati recentemente pubblicati sull’argomento. In ” Misurare le prestazioni di soluzioni specifiche per paziente per la chirurgia di fusione intersomatica lombare transforaminale minimamente invasiva “, siamo in grado di conoscere meglio il valore della pianificazione pre-chirurgica con modelli stampati in 3D. Nella loro esperienza con 129 pazienti consecutivi, il team di Anatomics è stato in grado di studiare il trattamento per 27 mesi, in una struttura, con un chirurgo che eseguiva le procedure.

Secondo la ricerca, le misure di efficienza includevano:

Tempo di operatività
Utilizzo del vassoio sterile
Tempo di screening per fluoroscopia
Rifiuti operativi
Degenza in ospedale mediana
L’accuratezza della pianificazione è stata valutata considerando il numero adeguato di viti e aste utilizzate, indipendentemente dal fatto che le misurazioni del caso tra gli organi corrispondessero a dati intraoperatori, discrepanze nella dimensione dell’impianto, posizionamento delle viti e deviazioni complessive.

I risultati sulla visualizzazione dei dati delle scansioni TC postoperatorie hanno mostrato che il posizionamento della vite peduncolare era accurato il 97,8 percento delle volte, sebbene ci fosse una lacerazione duratura intraoperatoria e fossero necessari sei reinterventi.

“Nessun paziente ha richiesto la conversione in linea mediana, mini-open o tecniche aperte per il posizionamento della vite peduncolare, la decompressione neurale o il lavoro intersomatico. Nessun paziente ha richiesto navigazione basata su immagini assistita da computer, assistenti robotici, fluoroscopia 3D o tomografia computerizzata intraoperatoria per integrare le apparecchiature SpineBox in questa serie “, hanno affermato i ricercatori nel loro documento

“Tutti i pazienti sono stati mobilizzati il ​​primo giorno dopo l’intervento. Due pazienti avevano cateteri urinari posizionati dopo l’intervento per la ritenzione urinaria. La degenza media in ospedale è stata di quattro giorni. Quattro pazienti sono stati riammessi per rivedere le posizioni degli impianti. Due pazienti sono stati sottoposti a washout per granulomi di idrossiapatite nel sito del donatore iliaco dall’uso di un sostituto osseo iniettabile di idrossiapatite. I pazienti successivi hanno ricevuto uno stucco al fosfato tricalcico per il sito del donatore iliaco senza complicazioni. “

Dati demografici dei pazienti e prestazioni operative. (Immagine: “Misurare le prestazioni di soluzioni specifiche per paziente per la chirurgia di fusione intersomatica transforaminale minimamente invasiva”)

Scansioni TC che dimostrano il sistema di classificazione di Gertzbein e Robbins per il posizionamento della vite peduncolare. Il sistema di classificazione misura la deviazione della vite peduncolare dalla traiettoria intrapedicolare ideale. Le viti peduncolari di grado A non violano l’osso corticale del peduncolo; Le viti peduncolari di grado B violano l’osso corticale di <2 mm. Le viti peduncolari di grado C e D si infrangono rispettivamente <4 mm e 6 mm. Le viti peduncolari di grado E (non raffigurate) violano l’osso corticale di> 6 mm in qualsiasi punto lungo il suo percorso intrapedicolare. (Foto: “Misurazione delle prestazioni di soluzioni specifiche per paziente per la chirurgia di fusione intersomatica transforaminale minimamente invasiva”)

I kit sono resi disponibili due settimane prima dell’intervento chirurgico. Il team di Anatomics impiega tre giorni per progettare gli strumenti, verificarli, sterilizzarli e imballarli. Sono utili non solo nel trattamento ma anche nell’educazione per i pazienti e le loro famiglie, consentendo un dispositivo completo che mostra l’anatomia del paziente e offre al chirurgo la possibilità di spiegare in dettaglio con il corso dell’azione – specialmente in chirurgia – essere. I kit offrono vere soluzioni specifiche per il paziente e potrebbero significare “risparmi significativi in ​​termini di assistenza sanitaria in quanto le attrezzature sono personalizzate sia per il paziente che per il medico.

“La nostra esperienza dimostra un’applicazione praticabile di soluzioni stampate in 3D specifiche del paziente e fornisce un punto di riferimento per gli studi sull’efficienza nella chirurgia della fusione spinale”, hanno affermato i ricercatori.

Be the first to comment on "SpineBox di Anatomics"

Leave a comment