SPEE3D con Royal Australian Navy

La tecnologia di stampa 3D in metallo SPEE3D sarà implementata dalla Royal Australian Navy
Il produttore australiano di stampanti 3D in metallo a spruzzo freddo cresce con un investimento di $ 1,5

Il governo australiano ha annunciato oggi un investimento di $ 1,5 milioni in un progetto pilota della durata di due anni della tecnologia SPEE3D per la Royal Australian Navy, incluso lo spiegamento di una stampante 3D in metallo WarpSPEE3D. La tecnologia di stampa 3D a spruzzo a freddo sviluppata dalla società con sede a Darwin, in Australia, sarà implementata dalla Royal Australian Navy in una prima prova al mondo che semplificherà la manutenzione delle navi di pattuglia.

SPEE3D ha collaborato con Advanced Manufacturing Alliance (AMA) e Charles Darwin University (CDU) per fornire il programma. La società aveva anche collaborato con CDU per formare AMA nel 2017, un’iniziativa che ora è riconosciuta come un centro di eccellenza globale per le applicazioni del mondo reale della tecnologia di stampa 3D.

“Siamo entusiasti di lavorare con la Royal Australian Navy e la Additive Manufacturing Alliance su questo programma”, ha commentato il CEO di SPEE3D Byron Kennedy. “Avere la capacità di produrre parti metalliche di alta qualità su richiesta, sul campo o in mare sarà rivoluzionario per la Forza di difesa australiana.”

Presentata in origine a Formnext 2017 , la tecnologia di stampa 3D supersonica di SPEE3D ha sempre mirato alla produzione di pezzi finali, sfruttando la tecnologia spray a freddo per produrre parti metalliche di qualità industriale in pochi minuti, anziché giorni o settimane. Questo processo sfrutta la potenza dell’energia cinetica, piuttosto che fare affidamento su laser ad alta potenza e gas costosi, consentendo la stampa di metalli 3D sul campo o in mare, a costi accessibili. Il programma mira ad aumentare significativamente le parti disponibili per la Marina rispetto a ciò che la normale catena di approvvigionamento può fornire.

“Questo macchinario ad alta tecnologia consente di produrre componenti metallici in modo rapido ed efficiente, il che significa che le nostre navi possono tornare in acqua senza indugio”, ha dichiarato il ministro dell’industria della difesa, Melissa Price MP, congratulandosi con la Manufacturing Alliance della Charles Darwin University e SPEE3D, per producendo la capacità all’avanguardia e unicamente australiana. “A vantaggio sia della Marina che dell’industria, il trasferimento di conoscenze acquisito utilizzando questa capacità consente inoltre all’Alleanza manifatturiera avanzata di perseguire ulteriori opportunità.

“Questa capacità è un ottimo esempio di innovazione australiana al suo meglio e supporta i piani di costruzione navale e di sostegno senza precedenti del governo – ha affermato la signora Price.

Be the first to comment on "SPEE3D con Royal Australian Navy"

Leave a comment