Sony e il brevetto per stampare in 3d da dentro i videogiochi della Playstation 4

Sony sta forse sviluppando un sistema di stampa 3D per la Playstation?
Sony ha depositato un brevetto per un sistema di stampa 3D che consenta ai giocatori Playstation  di selezionare i caratteri  e gli oggetti presenti nei giochi per la conversione rapida in un formato stampabile in 3D. L’applicazione sarebbe in grado periodicamente di monitorare l’ambiente virtuale di gioco da più “punti di vista” per raccogliere i dati 3D.

CoKreeate 3D i mini me di alcuni cosplayer localiI grandi giocatori i veri Nerd  hanno sempre acquistato degli oggetti reali  dalle loro scappatelle virtuali, e l’emergere della stampa 3D ha aperto un nuovo mondo: oggetti e personaggi dei vari game che i giocatori possono sia stamparsi in casa o ordinare da un servizio di stampa. Aziende come Eucl3D e Sandboxr hanno approfittato del crossover stampa 3D / gioco per fornire i fan di  modelli personalizzati stampati dei loro personaggi virtuali preferiti, mentre giocho popolari  come Skylanders hanno introdotto servizi ufficiali di stampa 3D attraverso i quali i giocatori possono ordinare il modello stampato del proprio avatar.

Alla fine di ottobre, l’US Patent & Trademark Office ha pubblicato un brevetto misterioso, originariamente depositato nel mese di aprile 2015 dalla Sony, che ha sollevato l’interesse della comunità della stampa 3D. Dettagli del brevetto parlano di un nuovo ed entusiasmante “dispositivo per selezionare un oggetto per la stampa 3D” che apparentemente permetterà ai giocatori della Playstation di fermare il gioco e selezionare rapidamente i personaggi, oggetti, o terreno dall’ambiente virtuale che potrebbe poi essere convertito in un formato stampabile in 3D .

Sony, una delle poche società tecnologiche che brillano per la loro assenza nel mondo della stampa 3D, ha trovato grande successo nel corso degli ultimi decenni, con le quattro generazioni di Playstation . Questo brevetto,  presumibilmente permetterà ai giocatori di catturare “i modelli 3D generati o animati in modo dinamico” in un “punto particolarmente memorabile o significativo nel tempo durante il gioco,” suggerisce che la società potrebbe essere pronta ad utilizzare la sua esperienza neivideogiochi per soddisfare la crescente domanda pubblica di prodotti stampati in 3d.

Secondo il brevetto,  inventori britannici e giapponesi hanno escogitato un metodo per selezionare un oggetto da un videogioco per la stampa 3D. Il metodo comporta “periodicamente di fare il rendering di un ambiente virtuale di un videogioco per la visualizzazione in una successione di punti nel tempo”, mentre le informazioni vengono periodicamente registrate per consentire la ricostruzione visiva dell’ambiente del videogioco.

Anche se questa proposta di sistema di stampa 3D promette un metodo universale per la stampa 3d  di oggetti virtuali, riconosce anche che alcuni personaggi dei videogiochi e alcuni oggetti sono più adatti di altri per la stampa 3D. Per esempio Minecraft come un gioco che ben si presta alla stampa 3D, ma molti giochi non aderiscono a tali regole fisiche severe, con alcuni personaggi di “Blobman” per esempio è assai difficile la stampa 3d.

Il brevetto ampiamente dettagliato  affronta anche un altro problema importante per la  stampa 3d di oggetti virtuali da un videogioco. Dal momento che l’enorme quantità di dati grafici all’interno del video gioco sono resi solo per essere visualizzati su uno schermo, vale a dire in 2D, Sony crea un modello preso da altre angolazioni all’interno del mondo virtuale. Come nella vita reale, un modello 3D preciso non può essere creato da una singola fotografia. Tuttavia, con più fotografie da diverse angolazioni, diventa possibile creare un modello 3D.

 

Be the first to comment on "Sony e il brevetto per stampare in 3d da dentro i videogiochi della Playstation 4"

Leave a comment