Solvay nuovi materiali di stampa 3D PEEK e PPSU

Solvay aggiunge materiali di stampa 3D PEEK e PPSU a Digimat

Solvay ha appena aggiunto i suoi materiali KetaSpire PEEK e Radel polyphenylsulfone (PPSU) in fibra di carbonio al 10% alla Digimat Additive Manufacturing. Digimat è un pacchetto software realizzato da e-Xstream engineering che consente agli utenti di simulare i materiali e le loro prestazioni reali. Digimat consente agli scienziati dei materiali di selezionare e simulare materiali che possono modellare. Lo strumento di simulazione del processo di Digimat consente di anticipare e simulare la distorsione delle parti, la distorsione o lo stress accumulato nelle parti stampate in 3D. Si può guardare alle prestazioni termomeccaniche di un materiale o come si comporta sotto carico. Digimat offre alle aziende che realizzano parti con la stampa 3D la fiducia necessaria per valutare le prestazioni reali di quelle parti e allo stesso tempo offre alle aziende di polimeri la possibilità di “miscelare” buoni nuovi materiali.

Aggiungendo i loro due materiali a Digimat Solvay sta segnalando che intendono utilizzare questi materiali per la produzione e vuole consentire ai clienti in quel campo. È come una coperta da consolatore che farà sentire gli ingegneri abbastanza sicuri che la parte può effettivamente andare in macchina o in aereo. Sembra che la competizione nei polimeri ad alte prestazioni si sta scaldando.

Il materiale PPSU di Solvay è materiale autoclavabile con resistenza alla temperatura superiore a 180 ° C che era già in vendita in molte aziende . Il vapore superiore e la resistenza chimica rendono PPSU il materiale ideale per un numero elevato di applicazioni ad alte prestazioni che vanno dai tubi medicali a quelli industriali e cose come le valvole. PPSU è una sorta di materiale del tipo Bob the Builder che non è come Super Wow o altro, ma svolge il suo compito. Ha un’ampia applicabilità in molti settori e aiuterà le persone a riempire le nicchie e ad espandere le applicazioni per la stampa 3D. La stampabilità è alta ed è un materiale relativamente facile con cui lavorare.

Questo in contrasto con la PRIMA Donna dei materiali di stampa 3D PEEK. PEEK è un materiale ad altissime prestazioni della famiglia PAEK. Questo materiale ha un’elevata resistenza all’abrasione, ai prodotti chimici e al calore. La resistenza al peso e la temperatura di servizio continua di PEEK sono tra le più elevate nella modellazione di deposizioni fuse. Uno ha bisogno di una temperatura di 380 C o più ugelli per estrudere PEEK e il materiale è un vero e proprio incubo da stampare. PEEK era già sul mercato attraverso aziende come 3D4Makers , 3Dxtech , Roboze e altri.

Solvay ha scelto di non focalizzarsi su un PEEK non caricato, ma invece su un KetaSpire PEEK al 10% in fibra di carbonio. Questo è probabilmente in risposta ai più alti desideri di forza e rigidità. Non sono un fan dei materiali riempiti perché alla fine della giornata il riciclaggio sarà problematico se non impossibile. La fibra di carbonio PEEK è ciò che ora i ragazzi del settore aerospaziale sognano ad occhi aperti, quindi è una scelta logica per l’azienda.

L’azienda offre anche sconti di volume.

È noto che Solvay vende i suoi filamenti direttamente attraverso il proprio negozio online . Altre società di polimeri sono passate esclusivamente attraverso il canale o si concentrano sul canale come parte della loro strategia di distribuzione. Idealmente, questo consente a Solvay di ottenere più margine e più contatto con il mercato. In una fase così precoce del loro ingresso nel mercato, questa sarebbe una scelta intelligente che li terrà vicini a un mercato in rapida evoluzione e le applicazioni che porteranno a volume. A lungo termine per diversi mercati e aree i rivenditori potrebbero essere una proposta migliore. Devo confessare che non avevo mai sentito parlare di Digimat prima che DSM rilasciò un materiale compilato su Digimat su Formnext . Grandi cose per Digimat per far sì che queste aziende di polimeri facciano il loro marketing per loro.

Christophe Schramm, responsabile della divisione Additive Manufacturing, ha dichiarato che,

“La nostra crescente gamma di filamenti AM sottolinea la determinazione di Solvay di affermarsi come leader del settore in questo mercato in rapida evoluzione, Digimat®-AM consente ai clienti di simulare il processo di stampa e prevedere con successo il comportamento termomeccanico dei progetti stampati 3D per” stampare correttamente ” la prima volta’.”

Nel complesso, questi sono i due materiali perfetti del portfolio Solvay a cui dedicare un’attenzione particolare e non vediamo l’ora di vedere come reagiscono le altre aziende.

Be the first to comment on "Solvay nuovi materiali di stampa 3D PEEK e PPSU"

Leave a comment