SmarTech report sul mercato dei nanometri stampati in 3D

L’ultimo report di SmarTech analizza il mercato dei nanometri stampati in 3D

SmarTech, la principale società di analisi del settore, ha appena pubblicato un rapporto sulla stampa 3D di nanomateriali. Il nuovo rapporto ” Opportunità emergenti per i nanomateriali stampati in 3D ” contiene l’analisi delle opportunità di business presentate da nanopolimeri e altri nanocompositi, nanotubi di carbonio, grafene, nanodiamanti, metalli nanostrutturati, inchiostri nanometallici, nanoceramiche e nanobiomateriali del prossimo decennio.

Secondo SmarTech, le parti stampate in 3D ei prototipi che utilizzano nanomateriali raggiungeranno $ 126 milioni entro il 2024, arrivando a raggiungere $ 1,04 miliardi nel 2028. Entro il 2028, SmarTech prevede che quasi il 60% dell’attività dei nanomateriali stampati in 3D verrà dall’elettronica e settore medico. Oltre a questi settori, il rapporto sui nanomateriali stampati 3D di SmarTech fornisce una copertura di nanomateriali stampati in 3D in ambito odontoiatrico, tessile intelligente e robotica morbida, stoccaggio di energia, aerospaziale e automobilistico. Durante il periodo di previsione decennale coperto dal rapporto, SmarTech ritiene che i materiali di stampa 3D si trasferiranno nel mainstream della stampa 3D, anche su macchine più piccole.

Questo nuovo report di SmarTech include profili che mostrano come vengono utilizzati i materiali stampati in 3D oggi e in che modo il mercato delle applicazioni di stampa 3D espanderà il ruolo della stampa 3D in generale. Come parte della sua copertura, il rapporto include previsioni dettagliate a 10 anni con sblocchi per parti e prototipi, industria degli utenti finali, tipi di stampanti e dai nanomateriali stessi. Il rapporto discute anche l’emergere di forme completamente nuove di processi di stampa 3D che stanno emergendo per far fronte su scala nanometrica. Questi includono la litografia a due fotoni, che è stata commercializzata da Nanoscribe, e la stampa nanotribologica (NTP), che è in fase di sviluppo presso l’Università della Pennsylvania, tra le altre istituzioni.

Esistono anche tecnologie di stampa 3D convenzionali che il rapporto suggerisce avranno un futuro dei nanomateriali, anche se con alcuni adattamenti per i nanomateriali. L’utilizzo di inchiostri metallici viene ora eseguito da Nano Dimension e XJet, ad esempio utilizzando stampanti specializzate. Ci si aspetta che le stampanti a filamento fuso standard siano in grado di compiere un grande balzo in avanti in termini di funzionalità utilizzando il filamento nanocomposito con riempitivo di nanotubi di carbonio.

Questo nuovo rapporto SmarTech si basa sulle altre relazioni dell’azienda sui nuovi materiali di stampa 3D e sui suoi studi completi sui settori verticali. “La capacità di stampare nuovi materiali diventerà un fattore chiave per la stampa 3D / la produzione additiva mentre cerca di uscire dall’era della stampa polimerica.” Afferma Lawrence Gasman, Presidente di SmarTech e autore di questo studio. “I nanomateriali – più che qualsiasi tipo di materiale – apportano funzionalità completamente nuove alla stampa 3D; In particolare, i prodotti finali sono molto più forti, così come i livelli regolabili di conduttività “, conclude Gasman.

Il nuovo rapporto SmarTech identifica circa 20 aziende che hanno sviluppato o stanno commercializzando materiali di stampa 3D basati su nanomateriali. Per ora, la maggior parte di queste sono aziende più piccole come 3DXtech, Avante Technology, Formetrix, Graphene 3D Labs, Nano Dimension, Nanoscribe, Optomec e XJet. L’eccezione alla piccola regola aziendale è anche Sigma-Aldrich che sta vendendo nanomateriali per la stampa 3D come parte della sua missione di vendere piccole quantità di materiali per attività di ricerca e sviluppo. Tuttavia, SmarTech si aspetta che le aziende più grandi si interessino ai nanomateriali stampati in 3D nei prossimi anni, specialmente dopo il 2023, quando i ricavi generati da tali materiali raggiungono un punto in cui soddisfano i criteri di investimento a breve termine di tali aziende.

Gasman di SmarTech nota che ci sono già segni molto piccoli della stampa 3D di nanomateriali che attraggono interesse al di fuori di una cerchia specialistica. Osserva che HP e Henkel hanno investito in Copprint, che sta sviluppando un inchiostro in rame stampabile in 3D. Inoltre, la società nanostrutturata in acciaio, Nanosteel, ha recentemente lanciato il proprio gruppo di materiali di stampa 3D e ha raccolto un finanziamento della serie A per una quantità non specificata. Lungo la strada, Gasman si aspetta di vedere alcuni dei più grandi OEM di stampanti 3D e aziende di materiali 3D sedersi e prendere atto delle opportunità rappresentate dai materiali stampati in 3D.

Questo nuovo rapporto SmarTech sui nanomateriali stampati in 3D è diviso in quattro capitoli e un sommario esecutivo. Il sommario esecutivo intende riassumere le opportunità che abbiamo scoperto nel corpo principale del rapporto. Identifica inoltre quali società ritiene che SmarTech guiderà la stampa 3D dei nanomateriali in futuro.

Il secondo capitolo esamina la commercializzazione dei nanomateriali stampati in 3D, mentre il capitolo tre è dedicato alla tecnologia dei nanomateriali di stampa 3D, compresa l’emergere di tecnologie di stampa 3D specificamente progettate per far fronte ai nanomateriali. Nel quarto capitolo SmarTech valuta tutte le applicazioni in cui la stampa 3D di nanomateriali è stata rivendicata come vantaggiosa. In questo capitolo, SmarTech identifica alcune nicchie di interesse in cui è probabile la generazione di entrate a breve termine. Questi includono l’ingegneria dei tessuti, la stampa 3D di prodotti farmaceutici, i supercondensatori di grafene stampati in 3D, solo per citarne alcuni. Il nuovo rapporto SmarTech sulle agenzie di servizi in metallo è ora disponibile per l’acquisto presso Smart Tech Publishing

Be the first to comment on "SmarTech report sul mercato dei nanometri stampati in 3D"

Leave a comment