Smart Cups Ripple Maker e Print A Drink un nuovo modo di bere

The Drink of the Future Bevande 2D e 3D

Se pensi che bar e caffetterie siano luoghi che non verranno mai toccati dalle stampanti 3D, potresti sbagliarti. La tecnologia continua a migliorare a un ritmo rapido ed è chiaro che la stampa 3D si sta facendo strada in ogni settore possibile. Sebbene le bevande per la stampa 3D non siano ancora diffuse, sta iniziando ad aggiungere il tocco di stampa 3D alle bevande. Abbiamo visto l’uso di stampanti 3D e 2D nell’espansione di bevande e di fare alcuni esempi qui.

Fondata da Chris Kanik, Smart Cups ha sede a Mission Viejo, in California, e tutti i suoi prodotti sono fabbricati negli Stati Uniti. Il loro scopo è quello di cambiare l’industria delle bevande nel suo insieme e reinventare ciò che i clienti ottengono quando acquistano una bevanda. L’unico liquido che devono avere a portata di mano è l’acqua.

Smart Cup utilizza bioplastica ecologica. Le tazze vengono utilizzate al posto di lattine o bottiglie per ridurre l’impronta di carbonio creata dai costi energetici aggiunti di trasporto di liquidi. La tazza ti consente di aggiungere facilmente qualsiasi liquido alla tua bevanda, il che lo rende un nuovo tipo di bevanda.

Ci sono altre bevande che sono state “aumentate” dalle stampanti. Prendiamo il caso di Ripples , un’azienda che offre alle aziende del settore alimentare e delle bevande la possibilità di stampare su bevande con schiuma. Il loro scopo è usare bevande per raccontare storie e promuovere prodotti.

Ripples utilizza Ripple Maker , un dispositivo controsoffitto abilitato Wi-Fi in grado di stampare su una bevanda alla volta. Ci sono due dispositivi Ripple Maker: Ripple Maker AM per caffè e Ripple Maker PM per birra. Ogni bevanda impiega 10 secondi per stampare. È in grado di stampare praticamente qualsiasi cosa sulle bevande con schiuma, dai loghi dei marchi, alle bellissime linee d’arte e persino alcuni selfie di base. Queste bevande sono completamente user-friendly: chiunque può caricare i propri disegni, scegliere il catalogo dei contenuti di Ripples o scegliere tra i progetti presentati nell’app Ripples. Ripples è innovativo ma nella stampa di un materiale su un substrato in uno strato è molto 2D.

Se sei interessato ai cocktail, dai un’occhiata a Print A Drink , una tecnologia di stampa 3D per liquidi bevibili. La tecnologia Print A Drink unisce metodi di robotica e design per esplorare la stampa 3D . Non crea oggetti strato per strato. Invece, il processo utilizza un robot industriale di fascia alta per iniettare accuratamente gocce di microliter commestibili fatte con ingredienti naturali nei cocktail. Questo processo richiede un minuto per completare, lasciando una struttura 3D complessa nella tua bevanda.

Print A Drink è stato sviluppato in Austria da Benjamin Greimel presso il laboratorio di robotica creativa dell’Università delle Arti e del Design di Linz. Come pioniere, Greimel ha spinto i confini della produzione additiva in un campo completamente nuovo. Nonostante il suo alto grado di innovazione, Print A Drink è un processo molto flessibile. Le bevande 3D possono essere create in succhi di frutta, sciroppi, acqua o alcolici convenzionali.

Il primo “cocktail” di Greimel è stato creato inserendo l’olio di semi di zucca in acqua gelatina. Ma ora ha iniziato a padroneggiare un compito molto più complesso: costringere le goccioline a rimanere sospese nell’alcol senza perdere la loro forma anche dopo che il consumatore ha bevuto una parte del cocktail. Sembra una vera sfida dato che più alcol o olio sono in una bevanda, più è difficile aggiungere un elemento 3D. I cocktail di Greimel sono al massimo al 40 percento di alcol per preservare la forma delle goccioline.

Print A Drink ha debuttato al Bulletit’s Frontier Works di Bulleit Bourbon , una società di distillazione del Kentucky, Stati Uniti, che ha anche colto l’occasione per la stampa 3D con la stampa 3D di un’intera barra. Machine Histories è stato lo studio di progettazione e fabbricazione che ha realizzato la stampa 3D dell’intero bar, che ha impiegato oltre 2.000 ore, utilizzando la tecnologia SLS e il nylon caricato vetro . Il bar era finito in circa tre mesi e il progetto sembra puramente impressionante. Greimel si è unito a Bulleit in uno stand molto più piccolo adiacente al bar dove ha presentato il braccio robotico che fa i suoi cocktail stampati in 3D.

Greimel sta sviluppando un prototipo con ristoranti di fascia alta e ha in mente l’industria dell’intrattenimento. Per Greimel, i cocktail stampati in 3D hanno un enorme potenziale e prevede che i proprietari di bar e ristoranti investano un investimento una volta che se ne rendono conto. Forse non vedremo presto le bevande stampate in 3D nel nostro negozio o bar preferito o vicino, ma la stampa 3D è destinata ad espandersi nel settore delle bevande. Attraverso la stampa di stampi e il loro utilizzo per creare cubetti di ghiaccio personalizzati, qualsiasi barra potrebbe ora utilizzare efficacemente la stampa 3D per aggiungere un tocco personalizzato alla propria esperienza. Sarebbe anche semplice usare stampanti alimentari come il ByFlow per aggiungere anche aromatizzanti unici ai cocktail. La stampa 3D si espanderà, ma fino a che punto?

Be the first to comment on "Smart Cups Ripple Maker e Print A Drink un nuovo modo di bere"

Leave a comment