Siemens apre a Worcester in Inghilterra una fabbrica di additivi da 27 milioni di sterline 

Forse è un effetto secondario della BREXIT , ma Siemens ha suscitato scalpore nel Regno Unito  con l’annuncio che aprirà una fabbrica di additivi da 27 milioni di sterline   nella città di Worcester, nel West Midlands. Si prevede che la fabbrica di stampa 3D creerà 50 posti di lavoro specializzati nella regione.

Con l’obiettivo di diventare uno dei più grandi impianti di stampa 3D in Europa, la nuova sede di Siemens nel Regno Unito ospiterà una serie di sistemi di stampa 3D in metallo all’avanguardia e altro ancora. La società tedesca ha suggerito che la struttura AM produrrà componenti metallici per clienti locali come Rolls-Royce e British Aerospace.

La scelta di aprire la struttura nelle West Midlands non è una coincidenza, in quanto Siemens detiene una partecipazione significativa (l’85%, per l’esattezza) nella società Materials Solutions Ltd., con sede a Worcester, specializzata nella produzione additiva e nella fusione laser specificamente selettiva (SLM) ). La nuova struttura consentirà infine a Materials Solutions di incrementare significativamente i propri servizi di stampa 3D e produzione.

Attualmente, la società controllata da Siemens gestisce 15 stampanti 3D in metallo. Nel corso dei prossimi cinque anni (e grazie all’investimento di 27 milioni di sterline di Siemens) si prevede che il numero di macchine in funzione aumenterà fino a 50.

“Questo importante investimento sottolinea la nostra convinzione che esiste un enorme potenziale di innovazione e crescita nel settore della produzione additiva”, ha affermato Juergen Maier, amministratore delegato britannico di Siemens. “È anche il prossimo passo verso il raggiungimento della nostra ambizione di pioniere dell’industrializzazione della stampa 3D e dimostra come siamo all’avanguardia nella quarta rivoluzione industriale.

“Se il settore manifatturiero del Regno Unito è quello di crescere e prosperare, dobbiamo abbracciare le tecnologie digitali e costruire nuove industrie basate su di esse. La nostra visione e ambizione per le soluzioni materiali rappresenta perfettamente il modo in cui stiamo mettendo in pratica questa strategia. ”

Per la sede del Worcester Six Business Park, il nuovo impianto di stampa 3D dovrebbe anche creare oltre 50 nuovi posti di lavoro qualificati nella regione per ingegneri, metallurgisti, esperti di produzione e altri.

“Il nostro team di Worcester è specializzato nell’utilizzo di tecnologie di produzione additiva per risolvere complesse sfide ingegneristiche per i nostri clienti in una vasta gamma di settori, tra cui aerospaziale, automobilistico e produzione di energia”, ha commentato Phil Hatherley, General Manager of Materials Solutions. “La nostra nuova struttura ci fornirà lo spazio e l’ambito per continuare a innovare per questi settori specializzati e esigenti e ottenere un cambiamento nella percezione della stampa 3D da una tecnologia associata alla prototipazione ad un’opzione praticabile per la produzione in serie di prodotti additivi parti.”

L’azienda, che lo scorso anno ha realizzato con successo le lame per turbine a gas metalliche stampate in 3D per Siemens, spera che la nuova struttura e gli investimenti di Siemens consentiranno di ottenere risultati ancora più importanti nel settore della produzione additiva.

Hatherley ha aggiunto: “Credo che il nostro nuovo stabilimento faciliterà risultati simili per i nostri clienti che operano in altri ambienti altamente esigenti, consentendoci di mantenere la nostra posizione all’avanguardia di questo settore incredibilmente eccitante.”

La fabbrica di stampa 3D con sede a Worcester dovrebbe aprirsi a settembre 2018.

Be the first to comment on "Siemens apre a Worcester in Inghilterra una fabbrica di additivi da 27 milioni di sterline "

Leave a comment