Sicurezza dei prodotti in seguito alla stampa 3D che potrebbe cambiare le leggi sulla responsabilità del prodotto

La stampa 3D può anche alterare le leggi sulla responsabilità del prodotto

Nel loro articolo pubblicato di recente, ” Cosa facciamo con il marinaio ubriaco? “Sicurezza dei prodotti in seguito alla stampa 3D “, Klaus Heine e Shu Li illustrano come una tecnologia dirompente come la stampa 3D possa anche sconvolgere altre aree più periferiche come problemi legali e responsabilità del prodotto. Devono essere predisposti meccanismi di sicurezza per proteggere il pubblico e gli autori si interrogano sul motivo per cui non vi è più preoccupazione su potenzialmente “prodotti stampati 3D dannosi”, con un’analisi del motivo per cui “la legge sulla responsabilità del prodotto incumbent non incentiva la deterrenza ottimale”.

Concentrandosi sulle numerose nuove startup di stampa 3D e sui modelli di business associati alla stampa 3D come “trigger”, gli autori sottolineano la scarsa disponibilità di contenuti informativi riguardanti “produttori specifici”.

In condizioni di concorrenza perfetta e in caso di monopolio naturale
viene stabilita una catena di valori lineare . Gli ordini all’ingrosso ricevuti da distributori e rivenditori a valle rendono
proficuo raccogliere i benefici dalle economie di scala.

Anche oggi le catene del valore sono cambiate significativamente, soprattutto con l’emergere di tecnologie come la stampa 3D e l’intelligenza artificiale, offrendo innovazioni che potrebbero anche sconvolgere il mondo legale, forzando il cambiamento; infatti, gli autori vedono la stampa 3D come un rischio e un possibile danno.

“Il caso della stampa 3D è emblematico per una migliore comprensione di quanto le nuove tecnologie interrompano la nostra comprensione tradizionale dell’applicazione della legge sulla responsabilità”, affermano i ricercatori.

Sottolineano anche i problemi evidenti, in quanto la precedente definizione tra consumatore e venditore sta diventando più un’area grigia, con il “prosumer” che inizia a prendere piede.

“Questo rende molto più complicato rivolgersi al produttore di un prodotto difettoso, il che rende la legge sul crimine incombente in definitiva una spada affilata per raggiungere una sicurezza ottimale”, affermano i ricercatori. “Ad esempio, un programmatore di software hobbista può impegnarsi nella stesura di un file CAD opensource per la stampa 3D e condividere il codice su una piattaforma. Successivamente il programmatore hobbista utilizza il file CAD per la stampa 3D da solo, mentre altri usano il file CAD per scopi commerciali. Se il file CAD ha un bug che porta a incidenti, è allora il programmatore hobbista che può essere ritenuto responsabile? “

Con così tanti consumatori nel mix, le questioni legali potrebbero essere problematiche in quanto emergono problemi di applicazione della legge a causa della progettazione 3D e la stampa 3D spesso indipendenti l’una dall’altra, e senza la necessità di un sito sostanziale o addirittura formale. La sicurezza diventa un problema anche perché le merci stampate in 3D non sono controllate tradizionalmente o affatto. Le aziende o i rivenditori intermedi non possono nemmeno essere assicurati. Non ci può essere alcuna spedizione in quanto i file possono essere trasferiti elettronicamente in molti casi, eliminando la necessità di aree di spedizione o porti, dove i prodotti sono spesso ispezionati.

Altre questioni importanti sorgono però in relazione ai regimi di responsabilità in relazione all’equo compenso e alla deterrenza ottimale, rendendo difficile assegnare la responsabilità a causa della mancanza di divulgazione delle informazioni sulla sicurezza e della scarsità di informazioni, interrompendo il normale ambito di applicazione della legge sulla responsabilità. Anche la stampa 3D lascia poche tracce per rintracciare la fonte di un difetto:

“In altre parole, la stampa 3D produce solo leggere o nessuna impronta, il che rende difficile identificare un colpevole in caso di danno, danno o irregolarità. Le condizioni tecniche in cui avviene la stampa 3D si traducono economicamente in una forma estrema di concorrenza perfetta in cui non è possibile distinguere tra i fornitori atomistici, perché tutte le aziende producono allo stesso livello di costo marginale “, affermano i ricercatori. “Inoltre, non è sempre possibile separare i consumatori dai produttori. I partecipanti al mercato possono assumere entrambi i ruoli contemporaneamente o passare da uno all’altro facilmente “.

I prodotti open source, ovviamente, sono una preoccupazione per la sicurezza, insieme al fatto che in molti casi non ci sono centri di ricerca e sviluppo in caso di difetti del prodotto, e non importa cosa, potrebbe essere facile negare qualsiasi origine del danno.

“La ragione principale del disadattato tra diritto incombente e stampa 3D è la mancanza di economie di scala che portano ad un alto grado di omogeneità tecnologica tra i prodotti così come i produttori di prodotti stampati in 3D, in combinazione con possibilmente piccoli e sparsi produttori. La conseguenza è la mancanza di informazioni per separare orizzontalmente e verticalmente i torturatori lungo la catena del valore “, concludono gli autori.

“… un regime di responsabilità per la stampa 3D deve sforzarsi per una sufficiente apertura normativa da una parte e controllo legittimo dall’altra. Questo obiettivo potrebbe essere meglio raggiunto dalla formulazione di standard di regolamentazione relativamente aperti rispetto a regole altamente specifiche. “

Be the first to comment on "Sicurezza dei prodotti in seguito alla stampa 3D che potrebbe cambiare le leggi sulla responsabilità del prodotto"

Leave a comment