Seurat Technologies e la sua rivoluzionaria tecnologia di stampa 3d metal sembra credibile per i Venture Capital

Seurat Technologies ha raccolto 13,5 milioni di dollari per accelerare la loro rivoluzionaria tecnologia di stampa 3D metal

Seurat Technologies, una startup con sede nella Silicon Valley, annuncia di aver raccolto  13,5 milioni di dollari in un primo round di finanziamenti. Si prevede che il significativo investimento sarà destinato al finanziamento e all’accelerazione della tecnologia di produzione additiva metal molto utilizzata dalla società.

Il round di finanziamento è stato condotto dalla  VC True Ventures e ha portato investitori di alto profilo tra cui GM Ventures, Porsche SE, Maniv Mobility e  Next47, una società di venture capital che operava per Siemens Power e Gas. I  13,5 milioni raccolti si aggiungono ai precedenti   3,41 milioni di dollari che Seurat ha ottenuto attraverso un finanziamento di seed round lo scorso giugno.

All’interno della stampa 3D e delle industrie manifatturiere, Seurat Technologies ha suscitato grande interesse grazie alla rivoluzionaria tecnologia di stampa 3D in metallo che sta attualmente sviluppando.

La tecnologia è stata inizialmente sviluppata da un team del Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL) che comprendeva James DeMuth, attuale Chief Technology Officer di Seurat. “La nostra capacità di creare questa nuova tecnologia non sarebbe stata possibile senza il lavoro di ingegneria laser e ottica all’avanguardia svolto presso LLNL”, ha affermato DeMuth in una nota.

E anche se i dettagli di come funziona la tecnologia di stampa 3D del metallo sono ancora in gran parte secretati, la società ha depositato oltre 20 brevetti per questo e suggerisce che potrebbe essere un punto di svolta nel settore.

Uno dei brevetti della società , presentato nel 2016, descrive un processo di stampa 3D che consiste in un “sistema di modellazione bidimensionale dell’energia per l’imaging di un letto di polvere”. Suggerisce che Seurat stia esplorando un processo di stampa 3D in metallo che utilizza un “doppio” fascio di energia a motivi dimensionali “al metallo in polvere sinterizzato, che è anche in grado di riutilizzare l’energia” inutilizzata “del laser per un sistema più efficiente.

Seurat propone anche un “dispositivo manipolatore” che potrebbe migliorare il processo di produzione additiva consentendo la manipolazione e il riposizionamento di una componente durante la stampa. Il dispositivo manipolatore, che potrebbe essere una gru, un braccio robotico o qualcosa di simile, “può afferrare diversi punti di manipolazione permanenti o temporanei additivati ​​su una parte per consentire il riposizionamento o la manovra della parte”, si legge nel brevetto.

Il brevetto affronta anche un aspetto della tecnologia che potrebbe consentire un alto livello di scalabilità, una sfida attuale per le tecnologie di stampa 3D industriali. Ciò avverrebbe sotto forma di una piattaforma di costruzione mobile, che potrebbe essere qualcosa di simile ad una piattaforma di costruzione di un nastro trasportatore per realizzare parti più lunghe.

Il recente round di finanziamento aiuterà la compagnia della Silicon Valley a progredire nello sviluppo della sua tecnologia AM ea prepararla per il lancio sul mercato.

Erik Toomre, CEO di Seurat Technologies, ha commentato: “Negli ultimi mesi siamo stati in grado di raggiungere importanti traguardi. Questi fondi ci daranno il carburante di cui abbiamo bisogno per accelerare rapidamente la nostra capacità di commercializzare questa svolta con un focus iniziale sui settori automobilistico, energetico e aerospaziale “.

“La produzione di additivi metallici nella sua forma attuale è ancora radicata in una tecnologia vecchia di decenni”, ha aggiunto Rohit Sharma, venture partner di True Ventures. “Riteniamo che il team di Seurat sia pronto a portare la stampa in metallo dalla prototipazione rapida e dalle stampe personalizzate alla scala industriale”.

 

Be the first to comment on "Seurat Technologies e la sua rivoluzionaria tecnologia di stampa 3d metal sembra credibile per i Venture Capital"

Leave a comment