SeraMaker 3D la stampante 3d RepRap di un italiano

La Nuova stampante SeraMaker 3D continua la tradizione RepRap

SeraMaker 3D la stampante 3d 04Il progetto RepRap è una iniziativa britannica volta a sviluppare una stampante 3D in grado di stampare la maggior parte dei suoi componenti. RepRap – che è l’abbreviazione di replicazione rapida  – è un progetto open source tutte le versioni prodotte dal progetto e dai collaboratori e designer di tutto il mondo sono rilasciate con la GNU General Public License la  licenza di software libero,.

Il dottor Adrian Bowyer, Senior Lecturer in ingegneria meccanica presso l’Università di Bath, nel Regno Unito, ha immaginato uno scenario in cui la gente potesse costruire e distribuire le unità RepRap che consentano loro di creare i propri prodotti complessi, al di fuori delle infrastrutture industriale esistente. Per Bowyer, è stato anche fondamentale che la RepRap evolvesse come parte del progetto.

Ora SebaSera94, un hobbista elettronica italiano, ha costruito quello che lui chiama la “SeraMaker”, un progetto  stampante 3D intrapreso per una tesi di richiesta per l’esame di stato in “Cavi, e sicurezza sul lavoro” presso l’Istituto D’Istruzione Superiore Giacomo Floriani, con ciò e porta avanti la tradizione RepRap.

La SeraMaker è una macchina FDM, e l’ispirazione per il progetto è  la RepRap.

Per essere più precisi, il progetto per la stampante è basata sulla versione i2 Prusa Mendel della RepRap, e il progettista ha rilasciato tutti i file e i tutorial necessari per consentire di stampare e costruire la propria versione della macchina.

La SeraMaker è costruita con una mezza dozzina di pannelli di MDF dallo spessore da 12 millimetri  per l’involucro esterno di un pannello di  5 millimetri che il progettista ha utilizzato come  base che separa l’area di lavoro  dall’ elettronica alloggiata nella parte inferiore. L’unità di controllo è una Arduino Mega 2560 dotata di rampe da 1.4 per controllare il carico di potenza.

La SeraMaker utilizza motori passo-passo per generare gli assi di movimento con estrema precisione, per un totale di cinque motori – tra cui due utilizzati per azionare i due assi orizzontali, due usati per l’asse verticale e l’ultimo usato per guidare il filamento attraverso l’estrusore.

È dotato di una piastra di generazione 20x20cm che utilizza una bobina di rame impresso per riscaldare la sua superficie. Le finestre della stampante sono fissati dall’interno con l’eccezione della finestra anteriore, che è attaccato tramite cerniere con magneti e una piastra metallica situata dietro la maniglia per fornire chiusura.

Tutti i componenti elettronici della SeraMaker compreso un alimentatore ATX stanno in una scatola di derivazione che  si trova  nella parte inferiore della struttura. La parte inferiore della macchina riveste anche la scheda Arduino Mega 2560, i motori di controllo, un relè per separare il circuito di potenza della piastra riscaldante, una scheda usata per controllare il LED e un piccolo ventilatore 50 mm per ventilare l’interno della stampante.

Fatta eccezione per i componenti strutturali e meccanici, quali i motori passo-passo, gli assi, i carrelli le pulegge, l’alloggiamento MDF e il plexiglass, il resto delle parti può essere stampato in ABS, e si trova tutto su  Thingiverse al seguente indirizzo http://www.thingiverse.com/thing:861163

 

Be the first to comment on "SeraMaker 3D la stampante 3d RepRap di un italiano"

Leave a comment