Secondo ING la stampa 3D produrrà la metà dei prodotti fabbricati entro il 2060 eliminando un quarto del commercio globale

ING afferma che la stampa 3D potrebbe rappresentare la metà dei prodotti fabbricati entro il 2060, eliminando il 25% del commercio globale

ING, la società olandese di servizi bancari e finanziari, ha redatto una relazione che afferma che la stampa 3D potrebbe “eliminare” quasi un quarto del commercio mondiale entro il 2060. La relazione prevede una riduzione degli scambi transfrontalieri, con parti stampate localmente in 3D che eliminano la necessità di importazione ed esportazione.

La stampa 3D rappresenta la fine del commercio transfrontaliero? È una questione al centro della nuova relazione di ING, “Stampa 3D : una minaccia per il commercio globale”, ed è una questione che sembra particolarmente significativa in un momento in cui la Brexit, le tensioni russo-americane e vari altri affari globali potrebbero potenzialmente rendere il commercio di frontiera è molto più complesso di quanto lo sia normalmente. ( Se l’accezione normale ha un senso in questo contesto ).

ING è forse meglio conosciuta come banca, sia nei Paesi Bassi che in altri paesi, ma la sua gamma di servizi finanziari e commerciali copre molte aree che potrebbero interessare investitori, banchieri commerciali e altri clienti.

E questa relazione, che funziona sia come un avvertimento al commercio mondiale che un segno di incoraggiamento all’industria manifatturiera additiva, viene presentato con delle indicazioni molto interessanti, sia per coloro che sono in attività sia per il lettore in generale.

Forse la più grande affermazione del gruppo è la previsione che il 25 per cento del commercio mondiale potrebbe essere “eliminato” dalla stampa 3D in soli quattro decenni.

ING giustifica la previsione prevedendo che le aziende automobilistiche, macchine industriali e prodotti di consumo si rivolgeranno a metodi di produzione 3D di stampa localizzati che riducano la necessità di scambi transfrontalieri. Queste industrie, spiega il rapporto, sono “i principali investitori nelle stampanti 3D e … grandi attori nel commercio mondiale”.

Quello che ha particolarmente colpito nella relazione di ING è l’affermazione che, attualmente, l’effetto della produzione di additivi sul commercio è praticamente trascurabile. Certo, molte aziende stanno appena iniziando a ottenere un punto di forza nella stampa 3D, ma non dimenticate che la produzione di additivi è già un’industria mondiale di sei miliardi di dollari.

La stampa 3D potrebbe “recuperare” la produzione tradizionale entro il 2040 o 2060, a seconda di determinate variabili

Questo, dice ING, è solo un piccolo passo avanti a quello che la tecnologia diventerà presto.

In termini di cifre, il rapporto prevede che l’additivo potrebbe essere responsabile della metà della produzione mondiale in poco più di 20 anni, mentre una stima più conservativa mette la scadenza a 40 anni.

“È difficile definire il potenziale esatto della stampa 3D, ma alcuni esperti si aspettano una quota del 50 per cento nel settore manifatturiero nei prossimi due decenni”, afferma il rapporto. “I calcoli presuntivi mostrano che, se la crescita attuale degli investimenti nelle stampanti 3D continua, il 20 per cento dei prodotti di fabbricazione verrà stampata nel 2060 … con questa cifra probabilmente raggiunta fin dal 2040 [se] l’investimento raddoppiasse ogni cinque anni”.

È difficile persino descrivere un mondo in cui metà dei prodotti fabbricati siano prodotti sulle stampanti 3D, ma ciò che è ancora più difficile è come questo influirà su determinate industrie, paesi e attività particolari.

Per gli Stati Uniti, che sono stati accolti in tutta la relazione, l’avvento di un’era produttiva di additivi sembra essere un vantaggio positivo. Le parti di auto stampate in loco 3D, dice il rapporto ING, aumenteranno i lavori nelle fabbriche automobilistiche statunitensi. Questa è una buona notizia per Chrysler, Ford e addirittura i produttori di automobili ad alta tecnologia come Tesla, e anche una buona notizia per i lavoratori medi che sono stati  colpiti dalla disoccupazione negli ultimi anni.

Ma per le aziende e i settori internazionali impegnati nel commercio con gli Stati Uniti, l’economia dell’additivo  potrebbe avere conseguenze negative. Nel settore automobilistico, il Messico, il Giappone, la Germania e il Canada hanno tutti significativi flussi commerciali bilaterali con gli Stati Uniti, ma questi potrebbero derivare da un aumento della produzione di stampa 3D localizzata.

La stampa 3D avrà un impatto enorme sul commercio automobilistico mondiale, con gli Stati Uniti riducendo i suoi deficit commerciali come conseguenza

Nei mercati industriali e sui prodotti di consumo la Cina potrebbe essere colpita  , mentre il paese asiatico è la “origine principale” di questi beni, molti dei quali finiscono negli Stati Uniti

L’effetto cumulativo di queste relazioni commerciali mutevoli potrebbe infine vedere un abbassamento dei disavanzi commerciali statunitensi.

“La direzione dei flussi nelle più importanti industrie di stampa 3D ridurrà i disavanzi commerciali statunitensi con Messico e Germania (automobilistico) e Cina (macchine, prodotti di consumo), tutti i grandi contributori al disavanzo commerciale statunitense”, afferma il rapporto, “Con un surplus nel commercio manifatturiero vedrà che le loro eccedenze si riducono, soprattutto se attualmente esportano molti prodotti che saranno stampati in 3D in un prossimo futuro”.

È interessante notare che ING ha integrato le informazioni raccolte dall’intervista a vari attori chiave dell’industria della stampa 3D, tra cui Eric Sas, CFO della società stampatrice 3D olandese Ultimaker e Lauren Slowik, Design Evangelist for Education presso il servizio di stampa 3D Shapeways. Sas era cauto con ottimismo sulla crescita della stampa 3D, anche se prevedeva “ostacoli” da superare, mentre Slowik avverte l’alto costo di ingresso corrente per la stampa 3D.

Il rapporto offre la seguente conclusione: “Una volta che la stampa 3D diventerà ampiamente applicata e economicamente sostenibile per la produzione di massa, incrementerà la produzione”  locale “con stampanti 3D a scapito delle importazioni. I primi passi nella direzione della stampa ad alta velocità sono stati presi, ma è incerto quando e in che misura la produzione ad alta velocità di  massa con le stampanti 3D sarà possibile in tutte le industrie “.

Quindi, mentre la stampa 3D potrebbe davvero essere una “minaccia” per il commercio globale, si può anche vedere come un attivo  per la produzione localizzata. Questo sarà ovviamente un bene per i maggiori importatori e, in un primo momento, cattivo per i maggiori esportatori, anche se la produzione sperimentale addizionale fornirà un numero sufficiente di posti di lavoro per compensare chi si è perso con la riduzione del commercio.

È interessante notare che gli Stati Uniti potrebbero non essere nemmeno il più grande vincitore se le previsioni di ING risultano corrette.

La relazione non entra in esso, ma il ridotto commercio transfrontaliero sarebbe una spinta fantastica per l’ambiente. La produzione di additivi su una scala di massa richiede molta potenza, ma l’eliminazione del trasporto globale potrebbe essere estremamente significativa e potrebbe avere un grande impatto sugli sforzi per ridurre le emissioni globali di carbonio.

Guardare queste conseguenze in dettaglio, tuttavia, è una relazione per un altro giorno.

“La stampa 3D: una minaccia per il commercio globale” è stata pubblicata il 28 settembre ela trovate a questo indirizzo http:/ /pull.xmr3.com/cgi-bin/pull/DocPull/3006-172966-21CE/230033024/2017082910111119_E.pdf

Be the first to comment on "Secondo ING la stampa 3D produrrà la metà dei prodotti fabbricati entro il 2060 eliminando un quarto del commercio globale"

Leave a comment