Sebastian Errazuriz stampa in 3d i padroni della Silicon Valley Elon Musk, Jeff Bezos, Zuckerberg e anche Snowden

Perché Elon Musk è vestito come un angelo armato di lanciafiamme?
Le icone del pantheon moderno sono state immortalate in marmo digitale, grazie all’artista AR Sebastian Errazuriz

Elon Musk guarda il cielo da sotto un elmo piumato, un paio di ali d’angelo sulla schiena e un lanciafiamme novità sul fianco. Jeff Bezos cavalca a cavallo, stringendo una lancia in una mano e una scatola di amazzoni nell’altra. Edward Snowden giace morto su una lastra, con gli occhi solennemente chiusi, il telefono e il laptop si schiantano sul terreno intorno a lui.

Sono tre sculture digitali di una nuova mostra dell’artista Sebastian Errazuriz, nato in Cile e con sede a New York. Mentre le figure sembrano statue di marmo classiche, non sono scolpiti nella pietra ma faticosamente scolpiti nei software di modellazione 3D e visibili nella realtà aumentata.

Intitolato The Beginning of the End, la mostra comprende una serie di 10 pezzi che, nelle parole dell’artista, “creano una nuova mitologia di una varietà di eroi, criminali e personaggi che faranno parte di quella che potrebbe essere la fine della civiltà” . Nel loro complesso, rappresentano la visione pessimistica dell’artista su dove la tecnologia potrebbe portarci nei prossimi due decenni, con ogni scultura che rappresenta un personaggio o un tema diverso.

Nella mitologia di Errazuriz, Steve Jobs assume il ruolo del profeta. “È lui a evangelizzare tutti”, dice. Larry Page di Google e Sergey Brin sono i nostri oracoli dei nostri giorni. Bezos, nella sua posa napoleonica, ritrae il crescente potere delle corporazioni e l’idea degli stati corporativi. Dead Snowden descrive “la morte di chi ha denunciato” e l’idea che più dati ci vengono raccolti, più difficile sarà resistere. E l’angelo Musk, con i suoi sogni di volo spaziale, rappresenta l’esilio o la fuga.

La scultura finale della serie, una colonna composta da molte figure diverse, simboleggia l’intelligenza artificiale generale: l’idea di un’IA capace di fare qualsiasi cosa una lattina umana. Sebbene l’intelligenza artificiale generale sia ancora saldamente confinata al regno della fantascienza, Errazuriz considera la prospettiva di una singolarità tecnologica come un rischio reale. Crede che gli artisti abbiano un ruolo nel comunicare le potenziali conseguenze negative di tale tecnologia. “Penso che sia importante essere onesti e sventolare quella bandiera, perché nessuno nella tecnologia vuole”, dice. “Nessuno che lavori nell’intelligenza artificiale vuole dire: ‘Ehi, sì, è probabile che questa cosa si stia davvero sbagliando'”.

Per realizzare le sculture AR, Errazuriz e il suo team hanno raccolto le immagini delle personalità tecnologiche che volevano rappresentare, da cui hanno faticosamente costruito modelli 3D. “Abbiamo dovuto scolpire nello stesso modo in cui verrai scolpito nella vita reale, ma usando il cursore del computer e del mouse per spingere dentro e fuori i wireframe”, dice. Stima che ci sia voluto un mese solo per scolpire il volto di Musk.

In alcuni casi l’artista ha trovato scansioni 3D di opere classiche esistenti e parti prese in prestito da esse da utilizzare nelle proprie sculture – un processo che mette a confronto con un produttore musicale che campiona canzoni esistenti. Per il pezzo Musk ha trovato una scansione di un elmetto e l’ha incorporata, regolando le dimensioni e la posizione per adattarla e adornandola con dettagli extra come il logo SpaceX.

La mostra, che è stata lanciata alla fine di novembre 2018, si svolge in più musei in tutto il mondo, con le sculture digitali visualizzabili attraverso un’applicazione AR. Ogni pezzo è geotaggato in luoghi del Metropolitan Museum of Art di New York, del British Museum di Londra e del Louvre di Parigi, in modo che i visitatori possano tenere in mano i loro telefoni e vedere le sculture sul posto accanto a vere opere classiche nei musei gallerie di scultura.

Errazuriz ha anche stampato in 3D le sculture in resina per un’installazione al Museo CorpArtes in Cile. “Da lontano, sembrano molto simili a quelli che avrebbero potuto essere fatti di marmo, ed è solo quando ti avvicini che realizzi e vedi le linee molto sottili del filamento”, dice.

Questa non è la prima volta che Errazuriz ha utilizzato le tecnologie di modellazione digitale e AR nel suo lavoro. Nel 2017 ha notoriamente “vandalizzato” una versione AR della famosa scultura Balloon Dog di Jeff Koons, realizzata da Koons in collaborazione con Snapchat. Errazuriz ha creato il suo modello, coprendolo con graffiti virtuali e geotaggiandolo nella stessa posizione.

Poi, per una mostra alla David Gill Gallery di Londra nel 2018, l’artista ha trasformato le scansioni 3D di sculture classiche in mobili funzionali e oggetti di design. Per un pezzo, stampò in 3D un modello della famosa Vittoria alata di Samotracia del Louvre, una scultura in marmo senza testa della dea greca Nike, e la costruì in una libreria. Per un altro, ha scansionato la propria testa e l’ha fatto colare in bronzo da usare come fermaporta. Queste opere sono state realizzate a Londra e ha utilizzato la realtà aumentata e virtuale per controllare la produzione dal suo studio di New York. Vedendoli in tre dimensioni, dice, ha reso molto più facile ottenere un senso delle proporzioni che vederle sullo schermo di un computer.

Successivamente, Errazuriz spera di usare AR per aiutare più artisti a condividere le loro creazioni – specialmente quelle che non hanno il sostegno di una galleria, e non possono permettersi di esporre o fabbricare il proprio lavoro – e sta lavorando a un’app di AR che permettigli di caricare ed esibire i loro lavori in digitale.

In futuro, immagina mostre AR in cui le persone possano acquistare sculture “fuori piano”, in modo che gli artisti debbano costruire versioni fisiche di pezzi costosi solo quando hanno un acquirente. “Saremmo in grado di concentrarci maggiormente sulla creazione e meno sulla fabbricazione”

Be the first to comment on "Sebastian Errazuriz stampa in 3d i padroni della Silicon Valley Elon Musk, Jeff Bezos, Zuckerberg e anche Snowden"

Leave a comment