Scott Klososky i rischi connessi alla adozione della tecnologia di stampa 3d

I rischi connessi al mercato della  stampa 3D

In ogni situazione si trova sempre  il rovescio della medaglia e anche la rivoluzione della stampa 3d ha dei rischi associati, delle instabilità e delle passività potenziali. Per aiutare i professionisti del rischio a mappare questo paesaggio difficile, Scott Klososky, ex CEO di tre start-up tecnologiche di successo e partner della società di consulenza Future Point of View, ha definito alcune linee guida.

In ogni situazione della vita, che si tratti di una nuova attività o di una semplice  ricetta in  cucina, l’introduzione di nuovi “ingredienti ” possono portare effetti sia positivi che  negativi, la cosa importante è sapere quando i rischi superano i benefici.

Per coloro che operano nelle industrie di assicurazione e nella gestione del rischio, il campo della tecnologia emergente può essere particolarmente difficile da navigare.Nuovi fattori vengono introdotti continuamente, e spesso senza parametri precedenti  a cui affidare una valutazione. La questione diventa se i vecchi modelli possono essere applicati alle nuove tecnologie, o se è necessario una visione totalmente diversa.

Le valutazioni del rischio tradizionali sono basati su dati estrapolati dal  passato, ma le nuove tecnologie come la produzione di additivi, capovolgono questo processo.

“Ora, purtroppo, con la tecnologia, in particolare con qualcosa come la stampa 3D, la magia esiste ma ci impone di guardare avanti senza modelli di riferimento”, ha dichiarato Scott Klososky  al recente RIMS 2016 Conference and Exhibition, come riportato nella rivista canadese Underwriter  . “Il rischio arriva quando iniziamo a sperimentare con le cose che non abbiamo mai fatto prima.”

Sperimentare nuove tecnologie è  l’unico  modo per progredire ma non possiamo cancellarne i rischi.

Klososky ha illustrato ciò che egli crede siano i tre principali rischi associati alla tecnologia di stampa 3D cui i  professionisti  come gli assicuratori,  i sottoscrittori, e gli investitori, devono essere a conoscenza

Il primo rischio, dice, ruota intorno a tempi competitivi. In poche parole, questo ha a che fare col fatto di implementare la  tecnologia prima che sia troppo tardi. ” Se sei troppo lento, nell’adottare la stampa 3d rischi di perdere quote di mercato. ”

Il secondo rischio è quello del furto di proprietà intellettuale. Anche se questo non riguarda solo la stampa 3D, l’aumento delle tecnologie digitale ha reso la tutela della proprietà intellettuale una preoccupazione onnipresente. “Non è più un pezzo fisico o un procedimento su carta , ora la proprietà intellettuale è tenuta in un file, il che significa che se qualcuno si appropria del file digitale  … si perde la proprietà  intellettuale  ( o almeno il possesso intellettuale) .”

Il terzo e ultimo rischio che Klososky evidenzia è, a suo parere, il “più pericoloso di tutti”: le prestazioni del prodotto.

Soprannominata la ‘quarta rivoluzione industriale  ,’ la stampa 3d  ha davvero il potenziale per scuotere la produzione industriale come lo conosciamo, anche se è ancora molto lontana dal picco di adozione . Poiché i file digitali possono essere istantaneamente scaricati e inviati in tutto il mondo, la pratica costosa dell’ outsourcing di produzione con le spedizioni connesse potrebbe scomparire o almeno molto potrebbe essere prodotto vicino al luogo di vendita.

“Significa cambiare il concetto geografico e temporale della produzione, “sottolinea Klososky

Comunque, dove c’è innovazione, c’è rischio. Innanzitutto,  la crescente varietà di nuovi materiali di stampa, o substrati, disponibili sul mercato, dai metalli (alluminio, oro, platino) alle  materie plastiche e  alla cera cera ha dei punti deboli sensibili. “Ognuno di questi materiali presenta il rischio di cedimento strutturale. Quando si fanno queste parti o queste strutture, se il substrato è viziato o se il substrato non si compone nel modo corretto, è possibile ottenere un cedimento strutturale “, continua Klososky

La domanda  che emerge in qusto caso è: chi è responsabile di questo fallimento? E ‘il produttore  stampa  3d, il produttore di materiali, o  un terzo?

Klososky non può avere le risposte, ma il suo obiettivo è quello di sensibilizzare per ulteriori esplorazioni e per una migliore  educazione in questo campo: “Probabilmente non abbiamo nemmeno cominciato a capire la quantità di rischio a cui andiamo incontro quando si passa da tecniche di produzione tradizionali, che conosciamo a fondo, a queste tecniche di produzione più recenti “.

I professionisti di rischio hanno il compito di valutare i potenziali rischi e benefici delle nuove tecnologie, al fine di aiutare i loro clienti adadattarsi e ad adeguare i loro investimenti, proteggere i loro clienti, i dipendenti, e le imprese nel mercato. Una conoscenza approfondita del passato della tecnologia, del  presente e del futuro potenziale è l’unico modo per farlo.

Alla fine, forse, tutto ciò che possiamo fare è rimanere ottimisti, ma pragmatici: “La tecnologia è un mondo così affascinante, ma come ho detto, ogni volta che c’è qualcosa di nuovo che dobbiamo aprire la strada, abbiamo aumentare il rischio.”

 

Be the first to comment on "Scott Klososky i rischi connessi alla adozione della tecnologia di stampa 3d"

Leave a comment