Scan the World e il progetto di scannerizzare e stampare in 3d le opere e le sculture nel mondo

Perché stampare in 3d copie di opere d’arte e sculture ? Intervista con Scan the World

Scan the World è un progetto fondato da Jonathan Beck nel 2014. Nelle sue parole, Jonathan spiega come “una comunità costruita sull’iniziativa di archiviare i soggetti di importanza culturale di tutto il mondo.” Tutti gli oggetti sono creati utilizzando i dati di scansione, e sono realizzati in modo da essere stampabili in 3d da Jonathan e dal suo team di progettisti.

Sono stato invitato a partecipare da Jonathan in un viaggio di scansione 3D al Museo d’arte classica di Mougins, nel sud della Francia e ho avuto l’opportunità di ascoltare di prima mano gli obiettivi del progetto.

Per iniziare, Jonathan spiega il concetto originale dietro Scan the World, che ha le sue radici nel processo di fotogrammetria.

” All’università ho studiato il concetto di fotografia o fotografia digitale, e ho scoperto che attraverso una serie di immagini sovrapposte è possibile effettuare una scansione 3D” .
Dopo aver utilizzato questo metodo per le sue opere d’arte, Jonathan si avvicinò MyMiniFactory, che stava cercando di espandere la sua base di dati 3D. Notando una lacuna in archivio per gli oggetti del patrimonio culturale, Jonathan ha suggerito al sito di aggiungere le sculture.

” C’era l’idea di come si possa preservare la cultura in questo nuovo modo tangibile. Ho pensato, che le sculture sono probabilmente  più accessibili, e alla gente piace andare a musei, e alla gente piace studiarvi  le opere, e che sarebbe stato il mezzo più facile per contribuire all’archivio del portale.
Jonathan continua a spiegare come ha concettualizzato l’idea  de “La fotografia 2.0”, rendendo i modelli 3D più come foto in 3D.

” … l’ascesa della fotografia digitale, e l’ attenersi ad appena un piano 2D non è che il primo passo. Per essere in grado di compilare un gruppo di immagini multiple insieme, ed elaborarle nello stesso modo in cui si elabora una sola immagine in Photoshop,  è la stessa idea.
Con lo sviluppo degli smartphone, la maggior parte delle persone oggi hanno a disposizione o per lo meno l’accesso a, una macchina fotografica per scattare foto. Sfruttando questa accessibilità, Scan the World “funge da gateway nell’ apprendimento della stampa 3D”.

Rendere i modelli 3D per l’archivio non richiede particolari abilità di progettazione, e le foto possono essere cucite insieme usando dei free open-software.

” Non c’è niente di più bello che avere quelle foto, e poi poche ore dopo avere un modello stampato in 3D in mano della cosa di cui hai preso le immagini i. Si tratta di un mezzo molto gratificante per impegnarsi con questa nuova industria, .
Attualmente sono presenti 50 musei in tutto il mondo e 5.500 modelli e il conteggio

A partire dal 2017,Scan the World comprende modelli 3D da circa 50 musei di tutto il mondo. La collezione in totale è di circa 5.500 opere, con almeno altre 1.000 in  trasformazione di nuove opere d’arte che vengono aggiunte ogni giorno. Per allungare ulteriormente la raccolta, Jonathan ha iniziato ad avvicinare i collezionisti privati ​​le cui opere sono in genere meno accessibili al pubblico.

Scan the World spiega che i pezzi in mostra al Museo d’arte classica di Mougins in Francia sono una parte di una commissione in corso per digitalizzare la collezione di antichità degli appassionati : Il  direttore di hedge fund Christian Levett, intervistato da3dprintingindustry.com nel mese di aprile 2017. Con uno stile per la visualizzazione di pezzi classici accanto a quelli contemporanei , Jonathan ha riconosciuto la comprensione di Levett ma trovando in lui pensieri troppo progressivi verso il digitale.

Il museo digitale

Aprendo la sua collezione con l’aiuto di Scan the World  la commissione di Christian è in linea con alcune delle istituzioni più grandi del mondo. Queste includono il Metropolitan Museum of Art di New York, che ha rilasciato le foto della sua intera collezione online gratuitamente.

Jonathan dice:

” Questa idea all’interno di musei e collezioni sta diventando molto più aperta e accessibile è appena venuta naturalmente come risposta all’era digitale, ai social network e alla condivisione istantanea. L’oggetto d’arte deve continuare anche in queste forme.
La paura di alcuni musei è che una raccolta gratuita online potrebbe impedire alla gente di visitare realmente il museo.

” Abbiamo constatato  il contrario. La gente è orgogliosa di possedere una propria scansione di delle opere d’arte, ma il risultato è, se mai, che vanno a visitare Londra, o Mougins o  altri musei “, Jonathan aggiunge,

” … convincere la gente , insegnando loro come funziona la tecnologia, si ottengono persone più impegnate nella scultura “.

Quale sarà il prossimo passo di Scan the World? L’ultimo progetto di Jonathan è quello di stampare in 3D tutti i 5.500 modelli di Scan the World e mostrarli in una singola esposizione.

Beau Jackson 3dprintingindustries.com

Be the first to comment on "Scan the World e il progetto di scannerizzare e stampare in 3d le opere e le sculture nel mondo"

Leave a comment