SavorEat raccoglie 4,75 milioni di dolari per la carne vegana stampata in 3d

La tecnologia di carne vegana stampata in 3D di SavorEat riceve un investimento di $ 4,75 milioni
SavorEat , con sede in Israele , fondata nel 2018, è pioniera di una soluzione foodtech all’avanguardia che utilizza alternative a base vegetale per la carne stampata in 3D. La società ha appena ricevuto $ 3 milioni in investimenti aggiuntivi a una valutazione di $ 25 milioni, dalle case di investimento Mor e Meitav Dash , con la possibilità di investire altri $ 1 milione. Ciò si aggiunge ai 1,75 milioni di dollari di finanziamenti ricevuti solo due settimane fa dal Millenium FoodTech Partnership, per un totale di 4,75 milioni di dollari di finanziamenti ricevuti da SavorEat questo mese. Il mercato in rapida crescita delle alternative alla carne dovrebbe raggiungere i 140 miliardi di dollari all’anno entro il 2029 (il 10% del mercato globale della carne) dagli attuali 14 miliardi di dollari, secondo un rapporto Barclays .

Il potenziale delle soluzioni foodtech ha attirato investitori verso aziende come SavorEat , dove la più recente tecnologia alimentare per la stampa 3D è combinata con metodi di cottura avanzati e competenza, per produrre una varietà di soluzioni di carne che non incidono sul nostro pianeta come fa la tradizionale industria della carne . Con le soluzioni SavorEat, viene utilizzata una formula a base di piante brevettate per produrre alimenti che hanno la consistenza, il colore, l’olfatto, il gusto e la composizione nutrizionale della carne (compresi grassi, tendini e fibre), con la possibilità di espandere la soluzione ad altri alimenti come bene, compresi i frutti di mare. La carne di SavorEat è prodotta automaticamente e autonomamente da un “robot chef”, eliminando la possibilità di contaminazione da tocco umano, che personalizza o adatta il cibo alle preferenze personali o di salute individuali.

La piattaforma di produzione dell’azienda mira a preparare fino a otto hamburger in sei minuti, e questi hanno una shelf life più lunga, non contengono glutine, OGM o conservanti e forniscono un’alternativa più sana e sostenibile alla carne tradizionale. Inoltre, il livello di personalizzazione della carne Le offerte tecnologiche di SavorEat potrebbero rivoluzionare l’industria alimentare, proprio come ha fatto Spotify con la musica.

Ciò che differenzia in modo particolare la soluzione di SavorEat da quella della concorrenza è che la sua carne è a base vegetale (cellulosa, grassi, proteine) e stampa e cucina (griglia, cuoci o frigge) la carne allo stesso tempo, strato per strato, consentendo un prodotto alimentare di alta precisione pronto per essere consumato. Con la stampa 3D, le proprietà dell’alt-carne possono essere modificate con elevata precisione (per muscoli, grasso, tutti i tipi di tagli, gusto, livello di cottura, dimensioni delle porzioni e altro) e la produzione può essere ridimensionata, automatizzata e personalizzato su richiesta per singoli consumatori o fornitori dell’industria alimentare. La società sta inizialmente perseguendo un approccio esclusivamente B2B (rivolto alle catene di ristoranti) e sta cercando di testare la sua tecnologia presso una delle più grandi catene di hamburger israeliane, Burgus Burger Bar, con piani di commercializzazione nei prossimi due anni.

Fondata da Racheli Vizman (CEO), il professor Ido Braslavsky e il professor Oded Shoseyov (Chief Science Officer) della Hebrew University, che ha inventato la formula e la tecnologia proprietaria, SavorEat è già una delle start-up leader di Israele. Indicando come considerano l’importanza delle innovazioni di SavorEat per l’industria alimentare, la casa di investimento Mor ha dichiarato,

“L’industria alimentare del bestiame è uno dei motivi principali del riscaldamento globale e la principale causa di emissioni di gas caldi e danni all’ambiente, e quindi l’interesse internazionale nel ridurre l’inquinamento e il consumo più intelligente e alimenti più nutrienti. Per questo motivo, riteniamo che ci sia un potenziale per lo sviluppo delle prelibatezze di SavorEat. ” e Meitav Dash ha dichiarato: “La capacità del team di professionisti e il rapido tasso di crescita di SavorEat dovrebbero fornire una soluzione unica per lo sviluppo del mercato alimentare. Questo è un settore con un potenziale di crescita dovuto alle tendenze globali e al modo in cui il cibo viene consumato e siamo felici di prendere parte a questa rivoluzione “.

A maggio di quest’anno, l’Accademia delle scienze russa ha discusso delle ” Possibilità di tecnologie additive nell’industria della carne: una revisione” , sottolineando il crescente interesse e potenziale per le soluzioni di carne stampate in 3D. L’industria alternativa della carne stampata in 3D ha fatto molta strada da quando NovaMeat ha stampato il primo pezzo di carne a base vegetale l’anno scorso. Le innovazioni si sono concentrate in gran parte sullo sviluppo di materiali di origine (a base animale o vegetale) e sull’imitazione della consistenza, del gusto e della sensazione di carni reali, mentre solo recentemente l’attenzione si è concentrata sulle carni stampate in 3D alternative per affrontare le questioni critiche in termini di scalabilità, produzione e commercializzazione .

Be the first to comment on "SavorEat raccoglie 4,75 milioni di dolari per la carne vegana stampata in 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi