Ryzhik e Dymka i due gatti siberiani con le protesi alle zampe per sostituire gli arti congelati nel freddo artico

I gatti russi camminano di nuovo con zampe protesiche in titanio stampate in 3D

Abbiamo visto gatti con ginocchia artificiali stampate in 3D , utilizzando sedie a rotelle stampate in 3D e persino gambe protesiche stampate in 3D per gatti , ma questa è inuova : un veterinario russo ha dato a due gatti di strada quattro zampe protesiche stampate in 3D ciascuno. Esatto: ogni felino ora cammina solo su protesi stampate in 3D.

Il primo gatto Ryzhik, ha perso tutte e quattro le zampe ed è stato fornito di protesi in titanio stampate in 3D nel 2019

Il primo è Ryzhik, che in russo significa “rosso” o “zenzero”. Alcuni anni fa, i volontari della protezione degli animali hanno trovato il tabby rosso che vagava per le strade ghiacciate di Tomsk in Siberia, con tutte e quattro le zampe congelate; sarebbe morto se non lo avessero salvato. Hanno quindi percorso 130 miglia per portarlo dal veterinario Sergei Gorshkov nella sua clinica di Novosibirsk.

“Generalmente questi gatti cercano di tenersi caldi e di alzarsi sulla punta delle loro zampe. Le loro zampe, orecchie, naso e coda possono congelare “, ha detto Gorshkov .

Spiegò che durante i gelidi inverni siberiani, la sua clinica trattava in genere da cinque a sette gatti a causa del congelamento delle zampe, delle orecchie e del naso. Nei casi più gravi, il tessuto può morire e deve essere amputato. Questo è quello che è successo a Ryzhik: tutti e quattro i suoi piedi congelati dovevano essere rimossi. Per quanto sia straziante, Gorshkov aveva un piano per aiutarlo a camminare di nuovo, usando impianti in titanio stampati in 3D.

Secondo il veterinario, Ryzhik è uno dei primi gatti al mondo a cui sono state impiantate quattro zampe di titanio nelle sue ossa usando una tecnica simile a quella di fornire impianti dentali umani. Il secondo è Dymka di quattro anni, che significa “nebbia” o “foschia” in russo. La femmina di seta grigia fu trovata a Novosibirsk da un guidatore di passaggio sulla neve, che la portò a Gorshkov .

“Esistono due scenari probabili: o è scappata o è caduta dalla finestra. Sfortunatamente, il congelamento negli animali è un vero problema in Siberia “, ha detto la veterinaria l’estate scorsa dopo che è stata trovata.

Oltre a perdere tutti e quattro i suoi piedi, la povera Dymka si è anche amputata le orecchie e la coda a causa del congelamento. Avrebbe potuto l’eutanasia, ma Gorshkov non evita una sfida. Il veterinario e i suoi colleghi hanno lavorato con la migliore clinica veterinaria e ricercatori dell’Università Politecnica di Tomsk per creare protesi stampate in 3D per lei.

Le scansioni a raggi X sono state utilizzate per modellare e stampare in 3D gli impianti in titanio con asta per il gatto, che sono stati quindi inseriti e fusi nelle ossa delle gambe. Il team ha anche creato e applicato un bio-rivestimento di fosfato di calcio per ridurre al minimo il rischio di rigetto e infezione, nonché montare gli impianti nelle ossa delle gambe. Gli impianti terminano in “piedi” con fondi testurizzati, realizzati in materiale flessibile nero per un facile spostamento.

Dymka ha ricevuto i suoi impianti protesici stampati in 3D quest’estate, con le zampe anteriori impiantate per prime e le zampe posteriori dopo alcune settimane dopo. La clinica ha pubblicato un video di recente – sette mesi dopo che le sue nuove zampe sono state attaccate – che mostra che il gatto sta andando bene.

“Corre, salta e suona. Il suo proprietario invia video di come si muove. È un grande risultato. Siamo molto contenti Non ci aspettavamo questo “, ha detto Gorshkov.

Ora vive la vita di un tipico gatto domestico a 190 miglia a sud-est di Novosibirsk, a Novokuznetsk, con il suo nuovo proprietario – la donna che l’ha trovata nella neve.

Il veterinario Sergei Gorshkov con il suo paziente il gatto Ryzhik.

Secondo Novosibirsk News , Dymka e il collega gatto bionico Ryzhik si sono incontrati presso la clinica mentre era in cura, poiché il tabby arancione vive lì dopo che le sue zampe protesiche stampate in 3D sono state impiantate con successo. Gorshkov ha anche creato zampe protesiche per cani di piccola taglia, ma ha detto che non si applica necessariamente a nessun animale che richiede un arto artificiale.

Be the first to comment on "Ryzhik e Dymka i due gatti siberiani con le protesi alle zampe per sostituire gli arti congelati nel freddo artico"

Leave a comment